Etimologia dei nomi botanici e micologici   e corretta accentazione 
     Home      Galleria      Forum oggi è Martedi 12 novembre 2019


    Lista dei lemmi etimologici (215 di 24772)                                         Trova:     
   Campo trova
nessun carattere: estrae tutti i lemmi (divisi in più pagine); da 1 a molti caratteri: ricerca i caratteri a partire da inizio lemma;
 
per ricercare uno o più caratteri ovunque nel lemma utilizzare il carattere '%' seguito dai caratteri
 
prima pagina    pagina precedente   Pagina 7     
ID Lemma Descrizione     (Legenda)
478 aspídeus, a, um (Agaricus, Catacauma, Dothidea, Lactarius, Lactifluus ecc.) dal greco ἀσπίς aspís piccolo scudo rotondo: per l'aspetto dal cappello di questi funghi
479 Aspidístra [Convallariaceae] dal greco ἀσπίς aspís piccolo scudo rotondo: per la forma dello stigma
480 asplenifolius, a, um errata grafia per aspleniifolius (vedi)
481 Asplénium [Aspleniaceae] dal greco ἀσπλήνος asplénos, una felce citata da Dioscoride (dal prefisso privativo α- a- e da σπλήν, ηνόϛ splén, enós milza): pianta ritenuta in grado di curare i disturbi della milza
483 aspréllus, a, um diminutivo di ásper aspro, ruvido, rugoso, scabro, ispido, irto, pungente:
  • (Androsace, Bryodesma, Chrysopsis, Draba, Eschscholzia, Galium, Gerardia, Ilex, Prinos, Selaginella, Sidalcea) per la presenza di organi alquanto scabri, ruvidetti, ispidi ecc.
  • (Agaricus, Boletus, Entoloma, Gyroporus, Leptonia, Polyporus, Rhodophyllus, Septonema, Suillus) per il sapore asprigno o per il carpoforo con ormantazioni che lo rendono alquanto scabro al tatto
484 Aster [Asteraceae] dal greco αϛτήρ -έροϛ astēr -eros stella, astro, assonante con il sanscrito astr arciere (le frecce sono i suoi raggi): che ha l'aspetto di una stella
485 asterisciflorus, a, um (Filago, Evax, Gnaphalium) da Asteriscus (vedi) asterisco e flos floris fiore: con fiore simile a quelli dell’asterisco
486 Astérodon [Hymenochaetaceae] dal greco ἀστήρ astér stella e dal greco ionico ὀδών odón dente, per la presenza di asterosetae (strutture sterili dell'imenio a forma di stella) e per l'imenio idnoide
487 Asteróphora [Lyophyllaceae] dal greco αϛτήρ astér stella e da φορέω phoréo portare: per le clamidospore a forma di stella
488 asterospérmus, a, um (Rhodophyllus, Blastocladiella) dal greco ἀστήρ astér astro e σπέρμα sperma seme: per le spore stellate
489 Asterostróma [Lachnocladiaceae] dal greco ἀστήρ astér stella e στρῶμα strôma tappeto, tessuto (di ife), per la presenza di asterosetae (strutture sterili dell'imenio a forma di stella)
490 Asterostromélla diminutivo di Asterostroma (vedi), genere di funghi delle Lachnocladiaceae
491 Astílbe [Saxifragaceae] dal prefisso privativo greco α- a- senza e da στίλβη stilbe lucentezza, perché i singoli fiori sono molto piccoli
492 astraeícola (Gelatinipulvinella, Pseudoboletus, Bryopa ecc.) da Astraéus (vedi), un genere di funghi e cólo io abito: per il genere su cui si insediano
493 Astraeus [Diplocystidiaceae] dal greco ἀστέριος asterios stellato (derivato αστήρ astér stella): di forma stellata, con riferimento al carpoforo
494 astragalínus, a, um (Pholiota) dal greco αστράγαλινοϛ astragalinos cardellino: forse per la somiglianza dovuta al colore vistoso
495 Astrágalus [Fabaceae] dal nome greco ἀστράγαλοϛ astrágalos astragalo, citato da Plinio; forse da un osso del tarso (utilizzato da greci e romani per ottenere dadi da gioco) a cui si richiama la forma spigolosa dei semi (secondo A. Gentil e Dave’s Garden) o delle radici nodose (secondo D. Gledhill e Flowers in Israel). Secondo A.Neill, il nome greco della pianta deriverebbe da αστήρ astér astro e da γάλα gála latte per la forma e colore del fiore e perché gli antichi ritenevano che incrementasse la produzione di latte delle capre che se ne cibavano; anche il nome comune inglese (‘Milk vetch’) sembrerebbe avvalorare questa teoria
496 astránthus, a, um (Oncidium, Odontoglossum, Collare-stuartense, Erigeron) dal greco ἀστήρ astér astro e ἄνϑοϛ ánthos fiore: con il fiore a forma di stella
497 Astrantia [Apiaceae] dal greco αστήρ astér stella, astro e ἄνϑοϛ ánthos fiore: con il fiore a forma di stella
498 astrántius, a, um (Sanicula) dal greco αστήρ astér stella, astro e ἄνϑοϛ ánthos fiore: con il fiore a forma di stella
499 astroídeus, a, um (Agaricus, Radiococcus, Coprinus niveus var. ecc.) dal greco ἀστήρ astér astro, stella e dal greco εἷδος eídos sembianza: di forma stellata
500 Asyneuma [Campanulaceae] dal prefisso privativo greco α- a- senza, da σύν sýn insieme e da νευμα neuma ordine: senza un ordine complessivo
501 áter, ra, rum, rus (Cyperus, Achyranthes, Hieracium, Helvella ecc.) oscuro, scuro, nero
502 atérrimus, a, um (Centaurea, Hieracium, Jacea, Alsophila, Carex, Cyperus, Scleria, Mucuna, Sorghum, Carex atrata ssp. - Acladium ecc.) superlativo di áter scuro: scurissimo
503 Athamanta [Apiaceae] dal greco Ἀθάμας Athamas Atamante, figlio di Eolo e re di Tebe oppure dal monte Athamas in Tessaglia
504 Athélia [Atheliaceae] dal greco ἄθηλος áthelos svezzato, senza latte (composto dal perfisso privativo α- alfa e da θηλή thelé mammella, capezzolo): probabilmente perché funghi privi di lattice
505 Athelídium [Stephanosporaceae] dal genere Athelia (vedi) e dal suffisso diminutivo greco -ιδιον -idion: funghi che richiamano quel genere, ma di taglia minore
506 Athelodérma [Corticiaceae] dal greco ἀθηλος áthelos senza latte e da δέρμα dérma pelle: con la cuticola senza lattice
507 Athelópsis [Corticiaceae] dal genere di funghi Athélia (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza: simile a un'Athélia
508 Athyrium [Woodsiaceae] dal prefisso greco α- a- privativo e ϑυρεός thyreòs scudo: privo di scudo, riferimento all'indusio e alla sua precoce scomparsa
509 atlanticus, a, um
  • (Cedrus) dell'Atlante, monte della Mauritania, all’estremità occidentale del Nord Africa
  • (Rhododendron, Muscari, Nigella papillosa ssp. - Lactarius) che cresce sulle coste europee dell'Oceano Atlantico
  • (Miconia) che cresce nella regione della Mata Atlântica o Atlantic Forest, in Brasile
510 Atocion [Caryophyllaceae] dal prefisso greco α- a- privativo e τόκοϛ tokos parto (divenuto atocium in latino): antifecondativo
511 atomátus, a, um (Phyllosticta, Panaeolus, Coprinarius ecc.) dal greco ἄτομος atomos indivisibile, composto dal prefisso privativo α- a- e τέμνω témno dividere: indiviso
512 Atractylis [Asteraceae] dal greco ἄτρακτος atraktos fuso: i capolini venivano infatti utilizzati come fusi nella filatura. Il nome della pianta si trova già negli scritti di Aristototele e Plinio
513 atramentárius, a, um da atramentum inchiostro, cioè nero come l'inchiostro
  • (Acacia, Anthurium, Brachystele, Habenaria, Ilex, Jacobinia, Justicia, Pilosella, Spiranthes ecc.) per l'aspetto nerastro
  • (Coprinus, Anellaria, Venturia, Thelephora, Agaricus ecc.) riferimento alla deliquescenza nera
514 atrátus, a, um (Achillea, Anthemis, Aquilegia, Artemisia, Carex, Plantago, Chrysanthemum, Dryopteris, Hieracium, Juncus, Leptinella, Leucanthemum, Ophrys, Ptarmica, Sedum, Taraxacum ecc. – Agaricus, Boletopsis, Ceratobasidium, Collybia, Patellaria, Tephrocybe, Tremolecia ecc.) da áter oscuro, vestito a lutto: annerito, scurito
515 atrídes (Agaricus, Englera, Passalora, Uredopeltis ecc.) da áter oscuro e dal greco εἷδος eídos sembianza
516 átripes (Agaricus, Cortinarius, Inocybe ecc.) da áter oscuro, nero e da pes piede, gambo: con il gambo scuro
517 Atriplex [Chenopodiaceae] da atriplex latinizzazione dal greco ἀτράφαξις atráphaxis atriplice (dal prefisso privativo α- a- e da τρέφω tréfo nutrire): non nutriente, per lo scarso valore nutritivo delle piante di questo genere
518 Atropa [Solanaceae] dal greco Ἄτροπος Átropos (in nessun modo, l'immutabile, l'inevitabile) quella delle tre Parche che provvedeva a recidere il filo della vita dei mortali, trattandosi di pianta assai velenosa
519 atroviolaceus, a, um (Allium, Dipladenia, Micradenia, Senecio, Aspidistria, Gentiana, Euphrasia, Verbascum, Bellevalia, Romulea ecc.- Collybia, Lecanra, Peziza, Entoloma, Agaricus, Aspergillus, Boletus, Cortinarius, Lactarius ecc.) da ater scuro e violaceus violaceo: di colore viola scuro
520 atrovirens (Agave, Artemisia, Tecoma, Lobivia, Alsophila, Potentilla, Eragrostis, Scirpus, Thuja, Urtica ecc. - Abacina, Agaricus, Calloria, Cortinarius, Coryne, Diderma, Lecidea, Leotia, Lichen ecc.) da ater scuro e virens verdeggiante: color verde scuro
522 Aubrieta [Brassicaceae] genere dedicato a Claude Aubriet (1665-1742), miniatore e disegnatore di corte parigino, accompagnò Desfontaines nelle sue esplorazioni botaniche in Oriente e illustrò numerose opere di storia naturale. I suoi raffinati disegni e miniature si conservano nel Gabinetto delle stampe della Biblioteca Nazionale di Parigi
523 Aucúba [Aucubaceae] da Aokiba nome giapponese dell’alloro, assonante con il latino aucúpium caccia agli uccelli
525 aurantíacus, a, um (Pilosella, Daphne, Tephroseris, Hieracium, Gerbera, Lampranthus, Cattleya, Cestrum - Boletus, Hydnum, Hygrophoropsis, Peniophora ecc.) dal latino moderno (málum) aurántium arancia: generalmente per il color giallo-arancione
526 Aurantiporéllus [Fomitopsidaceae] diminutivo di Aurantiporus (vedi)
527 aurántipes (Diachea, Didymium, Entoloma, Hygrocybe, Leotia, Pluteus) dal latino moderno aurántium arancio e da pes pedis piede: con la base del gambo arancione
528 Aurantíporus [Polyporaceae] dal latino moderno aurántium arancione e dal greco πόρος póros poro, passaggio: per il colore dei pori che va dal bianco, al rosa, al crema
529 aurántius, a, um
  • (Citrus) da málum aurántium arancia;
  • (Aster, Diplacus, Lathyrus, Lotus, Narcissus, Orobus, Cheilanthes, Columnea, Senna, Solanum Vicia ecc. - Aleuria, Peziza, Scleroderma, Tricholoma) dal latino moderno aurántium arancione: di color arancione o simili a un'arancia
530 aurátus, a, um (Astragalus, Betula, Cereus, Lisianthus, Rumex, Senecio, Festuca, Scutellaria, Senna, Hieraciium, Trichomanes ecc. - Arachnopeziza, Laurera, Lecidea, Parmelia, Puccinia, Russula, Sicta, Tricholoma, Tubercularia ecc.) da áurum oro: dorato (per il colore)
531 Aureobolétus [Boletaceae] da áureus d'oro e da Boletus (vedi): boleto dorato, per il colore giallo oro dei tubuli e dei pori
532 aureofloccósus, a, um (Amanita, Aspidella, Hiatula, Lepiota, Leucocoprinus) da áureus dorato e floccósus fioccoso: per la decorazione a fiocchi giallastri
533 auréolus, a, um (Antennaria, Chamaesyce, Cyperus, Draba, Paspalum, Restio, Rubus, Solidago, Utricularia ecc. - Amanita, Calycella, Cucurbitaria, Lecanora, Lecidea, Lepiota, Pezizella, Russula, Stilbella, Xanthoria ecc.) da aureolus fatto d’oro, aureo, ma anche splendido: per il colore dorato
534 aureus, a, um da aureus d’oro: dorato, color oro:
  • (Agave, Alstroemeria, Bidens, Chaerophyllum, Corydalis, Crepis, Crocus, Daucus, Erigeron, Lamarckia, Lampranthus, Matricaria, Phyllostachys, Potentilla, Ramaria, Ribes, Trentepohlia, Trifolium, Trisetum, Tritonia/ Cocosma ecc.) di solito riferito al colore dei fiori;
  • (Helichrysum) per il colore delle brattee involucrali;
  • (Coleocephalocereus) per il colore del fiore e delle spine;
  • (Boletus, Hygrophorus ecc.) per il colore del cappello
535 aurícolor (Actinodaphne, Haageocereus, Litsea, Narcissus, Neolitsea, Pinguicula, Trichocereus, Viola - Agaricus, Calloria, Cistellina, Hyalinia, Hyphodiscus, Lentinus, Orbilia, Peziza, Pocillaria, Psalliota) da áurum-áuri oro e cólor colore: di colore dorato
536 aurícola (Primula) errata grafia per auricula (vedi)
537 aurícomus, a, um (Arenaria, Arundinaria, Chenopodium, Convolvulus, Cyperus, Hermannia, Ranunculus, Senecio, Setaria Pleioblastus ecc. - Byssonectria, Cucurbitaria, Inocybe, Mycena, Nectria, Parasola, Poria, Ozonium, Agaricus, Coprinus ecc.) da áurum oro e da coma chioma: con peli o tomenti o fogliame dorati
538 Auriculária [Auriculariaceae] da auricula orecchietta, diminutivo di auris orecchio: per la forma del carpoforo
539 Auriculariélla [Auriculariaceae] diminutivo di Auricularia (vedi)
540 Auriculariópsis [Schizophyllaceae] dal genere di funghi Auricularia (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza: simile a un’Auricularia
541 auriculárius, a, um da aurícula orecchietta
  • (Aristolochia, Asplenium, Pogestemon, Euphorbia, Fagraea, Chamaesyce, Mentha ecc.) per la presenza di auricole;
  • (Tremella) Per la forma del carpoforo
542 auriculatus, a, um
  • (Kernera, Arabis, Nicotiana, Scrophularia, Melandrium, Plumbago, Nidorella, Hygrophilla ecc.) da auricula orecchietta, diminutivo di auris orecchio: dotato di organi a forma di orecchiette o auricole;
  • (Buddleja, Ammannia) per la forma delle stipole; (Agalinis) per la forma delle foglie
543 auriculoídes (Hieracium, Pilosella) da aurícula orecchietta, epiteto di una specie congenere, e dal greco εἶδος eídos sembianza, aspetto: simile alla specie Auricula;
(Hydnum) da Auricula (vedi) orecchietta e dal greco εἶδος eídos sembianza, aspetto: simile a un'Auricula
544 aurícula da auricula orecchietta, diminutivo di auris orecchio: a forma d’orecchio;
  • (Primula) per la forma delle foglie basali, riprendendo il nome comune (italiano: orecchia d’orso, francese: oreille d'ours; spagnolo: oreja de oso, inglese: bear's ear);
  • (Hieracium) per la presenza di orecchiette fogliari
  • (Peziza, Otidea, Omphalia ecc.) per la forma auriculare del carpoforo
545 auriflámmeus, a, um (Boletus, Ceryomyces, Pulveroboletus, Suillus) da áurum-áuri oro e flámmeus fiammante: di color oro splendente
546 Aurinia [Brassicaceae] dal latino aureum per il colore giallo-oro delle infiorescenze
547 Auripória [Fomitopsidaceae] da áurum -áuri oro e dal greco πόρος póros poro, passaggio: per il colore dorato dei pori
548 auríporus, a, um (Aureoboletus, Boletus, Ceriomyces, Pulveroboletus, Suillus, Xerocomus) da áurum-áuri oro e pórus poro: dai pori dorati
549 Auriscálpium [Auriscalpiaceae] da auris orecchio e da scalpellum lancetta, coltello chirurgico: simile a uno strumento per la pulizia degli orecchi, per lo stipite attenuato che è inserito lateralmente nel cappello a forma di orecchio
550 aurivéllus, a, um (Pholiota/ Agaricus, Dryophila, Stropharia, Hypodendrum) da áurum-áuri oro e véllus vello, pelo di animale: per il colore del velo del cappello
551 aureostipes (Dictyostelium, Inocybe) da áureus dorato e stípes stipite, gambo: dal gambo dorato
552 austrális, e (Hieracium, Acalypha, Astragalus, Celtis, Utricularia, Hypericum, Cotula, Digitalis lutea ssp., Hierochloë, Koeleria, Orobanche, Phragmites, Pulmonaria, Scandix, Tulipa, Hymenochaete, Achnanthes ecc.) da áuster austro, il vento del sud: proprio della regione meridionale
553 áustreus, a, um (???) da áustrum secchio per attingere acqua
554 austriacus, a, um (Astragalus, Conringia, Cota, Doronicum, Dracocephalum, Galium, Gentianella, Gymnadenia, Heracleum, Linum, Minuartia, Pleurospermum, Pteroselinum, Rorippa, Scorzonera, Seseli, Sisymbrium, Veronica, Dryopteris, Eleocharis, Chamaecytisus, Scirpus, Achnanthes ecc.) austriaco, dell'Austria
555 Austrocylindropuntia [Cactaceae] dalla composizione di tre termini: Auster austro (vento del sud), dal greco κύλινδρικóς kylindrikos cilindrico e Opuntia (vedi): un cactus meridionale di forma più o meno cilindrica
556 austrodolomiticus, a, um (Festuca) da auster austro, vento del sud e quindi il sud, meridione e dolomiticus delle Dolomiti: delle Dolomiti meridionali
557 autóchtonus, a, um (Tubaria) dal tardo latino autochton –ŏnis derivato dal greco αὐτόχϑων autóchthon composto di “αὐτός autós” stesso e “χϑών chtón” terra: nativo di quella regione
558 avellanus, a, um
  • (Corylus) da Abella Avella Vecchia (AV), città della Campania a nord di Nola, anticamente rinomata per le sue nocciole :nux abellana o avellana in Plinio;
  • (Hygrocybe, Pleurotus, Xylaria, ecc.) da nux avellana nocciola: del colore delle nocciole
559 Avellinia [Poaceae] genere dedicato a Giulio Avellino (fl.1840-1843), naturalista napoletano
560 Avena [Poaceae] assonante con il sanscrito avasa nutrimento, foraggio, genere il cui nome era già utilizzato dagli Autori latini, per esempio Varrone
561 avenáceus, a, um (Agrostis, Piptochaetium, LIlium, Sisyrinchum, Limonium, Statice, Aegopogon, Agrostis, Aira, Erioneurum ecc.) da Avena (vedi): con infiorescenze o spighette simili a quelle dell’Avena o commensale dell'avena
562 aviculárius, a, um (Struthanthus) da avículus uccelletto: oscuro il riferimento alla pianta
563 Azalaéa errata grafia per Azalea (vedi)
565 ázymus, a, um (Agaricus, Candida, Flammula, Pholiota, Torulopsis) dal prefisso greco α- privativo e ζύμη zýme lievito: senza lievito
5194 atrichus, a, um (Eleocharis, Epilobium, Erica, Eugenia, Panicum, Podostemum, Rhododendron, Scirpus, Tristachya, Urtica, Viola ecc.) dal suffisso privativo greco α- a- e da ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello: senza chioma
6352 autumnalis, e (Colchicum, Epipactis, Helenium, Leucojum, Mandragora, Prospero, Scorzoneroides, Sesleria, Adonis, Leontodon, Pholiota ecc.) da autumnus autunno: autunnale, dell'autunno
6440 austroalpinus, a, um (Carex, Hieracium, Pritzelago, Hornungia alpina ssp., Pulsatilla alpina ssp., Cerastium carinthiacum ssp.) da áuster austro, il vento del sud e alpinus delle Alpi: delle Alpi meridionali
6455 atriplicifolius, a, um (Arnoglossum, Cycloloma, Perovskia, Halimium, Thunbergia ecc.) da Atriplex (vedi) atriplice e da folium foglia: con foglie simili a quelle di piante di quel genere
6475 attenuatus, a, um
  • (Agave, Ilex, Persicaria, Osteospermum, Dudleya, Ilex × ecc.) assottigliato, diminuito, magro, fiacco;
  • (Pinus) per la forma assottigliata degli strobili
6476 aspromontanus, a, um (Agrostis ssp., Armeria, Centaurea, Crepis, Dianthus ssp., Epipactis, Hieracium, Ranunculus) dell'Aspromonte, massiccio montuoso dell'Appennino calabro, situato nella Calabria meridionale (RC)
6491 atropurpureus, a, um da ater scuro e da purpureus purpureo:
  • (Abutilon, Acer, Allium, Arabis, Arisaema, Bulbophyllum, Cotoneaster, Dianthus, Echinacea, Eleocharis, Epipactis, Gladiolus, Helianthus, Helleborus, Iris, Lysimachia, Potentilla, Pedicularis, Salix, Scabiosa, Schizoglossum ecc. – Agaricus, Biatora, Lecidea, Marasmius, Poria, Russula, Tuber ecc.) per la presenza di qualche organo (fiore, foglie, carpoforo ecc.) di color porpora scuro
  • (Agathis) per il colore porpora scuro della corteccia
6502 ausonius, a, um (Ophrys, Armeria majellensis ssp.) da Ausonia antica regione dell'Italia centro-meridionale
6524 atheranthus, a, um (Avena) dal greco ἀθήρ athér resta delle spighe, spiga e da ἄνϑοϛ ánthos fiore: per i fiori aristati
6525 Avenella [Poaceae] diminutivo di Avena (vedi): avena minore
6558 Azolla [Azollaceae] secondo Boerner deriva dal greco ᾄζω azo disseccare e ὄλλῡμι ollymi perisco, muoio: probabile allusione al fatto che la pianta appassisce presto fuori dall'acqua
6568 australpinus, a, um (Carex, Hieracium, Pritzelago, Hornungia alpina ssp., Pulsatilla alpina ssp., Cerastium carinthiacum ssp.) da áuster austro, il vento del sud e da alpinus delle Alpi: delle Alpi meridionali
6625 Asteriscus [Asteraceae] dal greco άϛτερίσκϛ ásteriskos (in Teofrasto), diminutivo di αϛτήρ -έροϛ astér stella: asterisco, stellina, con riferimento alla corona a forma di stella costituita dalle brattee fogliacee poste sotto i capolini
6657 atrorubens (Allium, Arisaema, Echinacea, Epipactis, Helianthus, Arabis, Dianthus, Helleborus, Potentilla, Pedicularis ecc. - Agaricus, Biatora, Lecidea, Marasmius, Poria, Russula, Tuber ecc.) da ater scuro, bruno e rubens rosseggiante: di color rosso scuro
6719 athericus, a, um (Agropyron, Elymus, Elytrigia, Psammopyrum, Triticum) dal greco ἀθήρ athér resta delle spighe, spiga: con spighe aristate
6744 atticus, a, um (Aristolochia, Centaurea, Cirsium, Erigeron, Hieracium, Alsine, Arenaria, Minuartia, Crocus, Astragalus ecc.) da Αττική Attiké Attica, regione greca con Atene per capitale: attico, dell'Attica
6830 azureus, a, um dal persiano läžwärd attraverso l'arabo lāzwardī, adattamento del sanscrito rājāvarta lapislazzuli, pietra di colore azzurro (vedi anche il latino medievale lazur o lazulum):
  • (Anchusa, Melocactus, Eichhornia, Symphytum ecc.) di colore azzurrino (fiori o altri organi vegetali)
  • (Russula) per il colore azzurrino del cappello
  • (Cortinarius) per il colore del cappello, in uno stadio iniziale, e delle lamelle
6866 azarolus (Crataegus) dal nome dialettale italiano, a sua volta derivato dall'arabo al zoruron che significa nespola
6895 austroapenninus, a, um (Geranium) da áuster austro, il vento del sud e apenninus Appennino: dell'Appennino meridionale
7026 Avenula [Poaceae] diminutivo di Avena (vedi): avena minore
7047 aurosicus, a, um (Iberis) da Aurouze, monte delle Hautes-Alpes francesi: del M.Aurouze
7079 azoricus, a, um
  • (Daboecia, Erica, Foeniculum vulgare ssp., Hedera, Ophioglossum ecc.) delle isole Azzorre, arcipelago atlantico a 1400 km dal Portogallo;
  • (Jasminum) epiteto improprio per una specie originaria delle montagne dell’isola di Madera
7272 azedarach (Melia) nome probabilmente dato dai medici arabi nel Medioevo per le proprietà medicinali della pianta e che originariamente significherebbe 'albero che libera'; secondo lo Stearns (Dictionary of Plant Names) dal nome vernacolare persiano azaddhirakt,
7290 athamanticus, a, um (Meum, Seseli, Araiostegia, Davallia, Aspidium, Dryopteris, Nephrodium, Lastrea) da Athamanta (vedi): simile a un'atamanta
7577 avicularis, e (Polygonum, Solanum, Ipomoea, Salvia, Loranthus ecc.) da aviculus diminutivo di avis uccello: perché i loro semi vengono mangiati dagli uccellini
7605 avium
  • (Ficus, Prunus, Loranthus, Padus, Cerasus, Trigonella ecc.) genitivo plurale di avis uccello: degli uccelli, che sono ghiotti dei frutti di queste piante
  • (Eriogonum prattenianum var.) nel caso di queste piante endemiche di zone desertiche della California, probabilmente da avius distante dalla via, lontano, impraticabile, inaccessibile
7834 augustanus, a, um (Saxifraga retusa ssp.) da Augusta Pretoria nome latino dell'attuale Aosta: valdostano
7888 aucuparius, a, um (Sorbus Alsodeia, Aster, Crataegus, Hippomane, Mespilus, Polybotrya, Pyrenia, Pyrus, Rinorea, Rosa, Sapium, Sorbus, Stillingia) da avis uccello e capio prendere, catturare: i frutti di queste piante sono appetiti dalla piccola avifauna migratoria e per questo viengono piantate negli appostamenti fissi per la caccia e utilizzati come esca in panie e archetti
7928 austroitalicus, a, um (Alchemilla, Stipa) da áuster austro, il vento del sud e italicus italico: dell'Italia meridionale
7941 avei (Statice, Limonium) in onore di Julius Léopold Eduard Ave-Lallemant (1803-1867), botanico tedesco nato a Lubecca
7957 audiberti, ii (Tanacetum) specie dedicata al botanico francese Urbain Audibert (1791-1846)
8152 Asterolinon [Primulaceae] dal greco ἀστήρ astér astro, stella e λίνον línon lino: lino stellato. Vedi anche l'epiteto linum-stellatum (vedi) che ne è la versione latina
8317 aspleniifolius, a, um (Achillea, Aesculus, Alchemilla, Ammoseris, Calycanthus, Chondrilla, Clematis, Comptonia, Comptonia, Coptis, Corchorus, Corydalis, Grevillea, Juglans, Liquidambar, Lobelia, Myrica, Osmunda, Pedicularis, Phegopteris, Polypodium, Prenanthes, Quercus, Rhamnus, Salix, Senecio, Thalictrum ecc.) dal genere Asplenium (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle di un Asplenium
8486 atrofuscus, a, um (Hieracium, Senecio, Cordia, Carex, Pelargonium, Juncus, Plantago, Digitaria, Panicum, Linaria ecc.) da ater oscuro e fuscus fosco, bruno, nero: di color bruno scuro
8917 aurantellus, a, um (Hieracium, Pilosella, Taraxacum) diminutivo di aurántius arancione: tendente all'arancio, di un arancio sbiadito
8918 auriculiformis, e (Acacia, Cicerbita, Hieracium, Ocotea, Paraprenanthes, Pilosella, Racosperma, Stenoseris) da auricula orecchietta, epiteto di una qualche specie e forma aspetto: simile alla specie Auricula
9035 atrocinereus, a, um (Hieracium, Salix) da ater oscuro e cinereus cinerino: di color grigio scuro
9037 auritus, a, um auricolato, dotato di orecchie, da auria orecchia:
  • (Salix, Syngonium) con organi vegetali simili a lunghe orecchie
  • (Elymus, Fargesia, Panicum) riferito alle foglie
  • (Triodia) riferito alle guaine fogliari
  • (Manisuris, Rottboellia) riferito alle glumette inferiori, asimmetriche di cui una termina con una piccola ala
9112 aureocucullatus, a, um (Taraxacum) da áurum oro e da cucúllus cappuccio
9210 ayardi, ii (Asphodelus) specie dedicata al Capitano Ayard, Comandante di Zona nelle montagne berbere del Marocco, dove collaborò alle ricerche floristiche degli Autori di questa specie
9273 azarellus, a, um (Crataegus) diminutivo di azarolus (vedi)
9344 ausserdorferi (Cirsium ×, Hieracium, Avenastrum, Helicotrichon, Salix) in onore del botanico austriaco Anton Ausserdorfer (1836-1885)
9367 aviicola (Hieracium, Rubus) da avius senza tracciato stradale, quindi impervio (dal prefisso privativo a- e da via) e da colo abitare: che cresce in luoghi privi di sentieri, fuori mano, inabitati
9385 auberti, ii
  • (Elaphoglossum, Bryum, Isotachis) in onore di Louis Marie Aubert Du Petit-Thouars (1758-1831), botanico francese, visse anche in Madagascar e raccolse piante in Madagascar, Mauritius e la Réunion;
  • (altro?) in onore di padre George Aubert, missionario francese in Cina (~1899);
  • (altro?) in onore di Edgar Aubert de la Rüe (1901-1991), geografo e geologo francese
9499 assoanus, a, um (Narcissus, Queltia, Sisymbrium ecc.) in onore del botanico spagnolo Ignacio Jordan Claudio de Asso y del Rio (1742-1814)
9509 aurelia (Ophrys - Arachnopeziza, Belonidium, Lachnella, Peziza, Polynema, Tapesia) aureliana: dedica a Marco Aurelio (121–180 d.C.) imperatore, filosofo e scrittore romano
9531 austromoravicus, a, um (Rubus) da áuster austro, vento del sud e quindi il sud, meridione e moravicus della Moravia, parte orientale della Repubblica Ceca: della Moravia meridionale
9689 avicennae (Leutea, Abutilon, Fagara, Zanthoxylum) in onore di Avicenna, nome latinizzato di Abu Ali al-Husayn ibn Abdullah Ibn Sinā, medico, filosofo, matematico, naturalista e fisico persiano (Bukhara Afshān ~980 - Hamadan 1037)
9708 Avenastrum [Poaceae] dispregiativo di Avena (vedi): falsa avena
9777 Aspidium [Dryopteridaceae] dal greco ἀσπίδιον aspídion (diminutivo di ἀσπίς aspís piccolo scudo rotondo) scudetto: per la presenza dell'indusio simile a un piccolo scudo a protezione dei sori
9783 Astracantha [Fabaceae] dal greco ἀστήρ astér astro e ἄκανθα ácantha spina: con spine stellate
9789 astrocarpus, a, um (Bassia, Tribolus ecc.) dal greco ἀστήρ astér astro e da καρπός carpόs frutto: con frutti stellati
9790 Astrolabium [Fabaceae] dal greco ἀστήρ astér astro e da labium labbro: con labbra stellate
9791 Atragene [Ranunculaceae] da ater scuro e dal greco γένος génos origine, nascita: che cresce in luoghi scuri; era il nome usato da Dioscoride per una Clematis
9799 Azalea [Ericaceae] dal greco ἀζαλέος azaléos secco, disseccato: per la caratteristica di questo genere le cui brattee fiorali persistono lungamente nel secco
9861 Atropis [Poaceae] dal prefisso greco α- alfa privativa e τρόπις trópis carena: riferimento alle glume non carenate
9889 axillaris, e ascellare, da axilla ascella:
  • (Bembicia, Gordonia, Inula, Iva, Leucothoe, Macrotyloma, Tetradymia) per i fiori o infiorescenze che originano dall'ascella delle foglie
  • (Humaria, Humarina, Leucoloma, Peziza, Xylaria ecc.) da definire
10127 aurantiacoides (Hieracium) da aurantiacum (vedi), epiteto di una specie e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile alla specie Aurantiaca
10398 astroites (Croton, Medicago, Erica ecc.) dal greco ἀστροειδης astroeides stellato, simile alle stelle, allusione alla disposizione stellata dei frutti
10528 austrotyrrhenicus, a, um (Quercus petraea ssp.) da áuster austro, il vento del sud e tyrrhenicus (vedi) tirrenico: delle regioni bagnate dal Mar Tirreno meridionale (Sicilia, Calabria e Basilicata)
10624 atheniensis, e (Acer, Crepis, Alsine, Cerastium, Corion, Spergula, Spergularia, Satureja, Tulipa, Populus, Verbascum) ateniese, di Atene, capitale della Grecia
10669 aurulentus, a, um (Arachnorchis, Caladenia, Hieracium, Pilosella, Potentilla - Auriporia, Parmelia/ Parmelina/ Hypotrachyna/ Myelochroa, Ocellularia) da aurum oro: dorato, del colore dell'oro
10717 asterósporus, a, um (Inocybe, Clavaria, Hygroaster, Octaviania, Omphaliaster) da ἀστήρ astér stella e dal greco σπορά sporá seme, spora: con spore o semi a forma di stella
11032 auricula-judae (Auricularia, Exidia, Hirneola, Peziza, Tremella) da auricula orecchietta, diminutivo di auris orecchio e Judae di Giuda: per la forma di questi funghi, riprendendo il nome comune 'orecchio di Giuda'
11033 avellaneus, a, um (Amanita) da nux avellana nocciola: del colore delle nocciole
11125 austrotirolensis, e (Melampyrum, Hieracium zizianum ssp.) da auster austro, vento del sud e quindi il sud, meridione e tirolensis del Tirolo: originario del Tirolo meridionale, austriaco fino al 1918, poi italiano (Trentino-Alto Adige)
11446 Aurantioporellus forma alternativa per Aurantiporellus (vedi)
11519 Azadirachta [Meliaceae] dal nome persiano di questa pianta Azad derakht آزاد درخت
11669 auriceps da áurum-áuri oro e dal suffisso -ceps (derivato da cáput) capo, testa:
  • (Helichrysum) con i capolini color oro
  • (Mammillaria) per le spine dorate nella parte superiore del fusto
11670 austroafricanus, a, um (Cynoglossum, Diospyros, Gnaphalium, Hieracium, Scabiosa, Abutilon ecc.) da áuster austro, il vento del sud, e africanus africano: dell’Africa del Sud
11671 austro-africanus, a, um (Neuradopsis, Tamarix) da áuster austro, il vento del sud, e da africanus africano: dell’Africa del Sud
11753 Asystasia [Acanthaceae] dal greco α-σύστᾰσις, a-sýstasis privo di relazione, contradittorio, non conforme: questo genere presenta fiori a simmetria raggiata insoliti nelle Acanthaceae
11884 aurantiporus, a, um (Pseudowrightoporia, Wrightoporia, Boletus, Suillus) dal latino moderno aurántium arancione e da pórus poro, passaggio: per il colore dei pori
12416 athyrioides (Ascogrammitis, Aspidium, Asplenium, Dryopteris, Grammitis, Lastrea, Polypodium, Tectaria, Terhsichore ecc.) dal genere Athyrium (vedi) e dal greco εἶδος eídos sembianza, aspetto: felce simile a un Athyrium
12417 Aubrietia forma ortograficamente corretta, ma respinta dall’ICBN, per Aubrieta (vedi)
12418 aubrietioides (Arabis, Diomysia, Draba) dal genere Aubrieta (vedi) e dal greco εἶδος eídos sembianza: simile a un'Aubrieta
12419 auricularis, e da aurícula orecchietta:
  • (Centaurea, Hieracium, Lorentea, Mikania, Pectis, Erica ecc.) per la presenza di auricole;
  • (Hirneola, Aspergillus, Auricularia, Hirneola, Lecanora, Tremella ecc.) per la forma del carpoforo
12420 auriscalpium (Hydnum, Acanthocystis, Auriscalpium, Fomes, Ganoderma, Laschia, Leptodon, Physarum, Pleurodon, Scutiger ecc.) da áuris orecchio e scalpo, scalpĕre grattare, incidere, intagliare: simile a uno strumento per la pulizia degli orecchi
12421 Avicennia [Avicenniaceae] di Avicenna, nome latinizzato di Abu Ali al-Husayn ibn Abdullah Ibn Sinā, medico, filosofo, matematico, naturalista e fisico persiano (Bukhara Afshān ~980 - Hamadan 1037)
12422 avicenniifolius, a, um (Aralia, Hedera, Aster, Baccharis, Xerocarpa ecc.) da Avicennia (vedi) mangrovia e da folium foglia: con le foglie simili a quelle della mangrovia
12771 aureatus, a, um (Primula) decorato, adorno
12891 Asteropeia [Asteropeiaceae] dal greco Αστερόπη Asterope una delle Esperidi della mitologia greca
12938 austro-orientalis, e (Phyllopentas, Pisonia, Canthium, Typha, Parthenocissus, Athyrium ecc.) da áuster austro, il vento del sud, e orientalis orientale: sudorientale
13189 Astydamia [Apiaceae] dal greco Αστυδάμια Astydamia Astidamia, nome di diversi personaggi femminili della mitologia greca
13192 Azorella [Apiaceae] etimologia incerta con svariate interpretazioni di diversi autori, nessuna della quali convincente
13405 Athanasia [Asteraceae] dal prefisso privativo greco α- a- senza e θάνᾰτος thànatos morte: immortale, per la lunga persistenza delle squame involucrali
13476 Azorina [Campanulaceae] genere monotipico, endemico dell'Arcipelago delle Azorre, istituito dal botanico svizzero Heinrich Feer (1857-1892), nominato per analogia con Canarina (vedi)
13506 Aylmeria [Caryophyllaceae] genere dedicato al botanico inglese Aylmer Bourke Lambert (1761-1842) autore di A description of the genus Pinus
13753 australasiae genitivo di Australasia di solito utilizzato impropriamente con riferimento alla sola Australia, come riportato anche da diversi testi di etimologia botanica:
  • (Tristellateia) specie scoperta in Nuova Guinea;
  • (Myrcia, Ionidium/ Pigea) specie endemiche dell’Australia;
  • (Didymodon/ Trichostomopsis/ Tortula/ Barbula/ Asteriscium) l’olotipo è stato scoperto nell'Australia occidentale, ma la specie è presente anche in Africa e nelle Americhe;
  • (Nicotiana) specie presente in Australia, dove è chiamata ‘Australian tobacco’, e in Africa nella zona del fiume Congo
13754 australasicus, a, um (Amaryllis, Asplenium, Asystasia, Citrus, Crinum, Diplopappus, Dipteracanthus, Microcitrus, Neopaxia, Pothos ecc.) da Australasia, cioè dell’area costituita dall’Australia e dall’Asia meridionale
13755 australasius, a, um (Eriostemon, Panax) dell’Australasia, cioè dell’area costituita dall’Australia e dall’Asia meridionale
13770 auropurpureus, a, um (Cyrtochilum, Epidendrum, Hieracium, Masdevallia, Odontoglossum, Oncidium, Pilosella aurantiaca ssp.) da áureus aureo e purpureus rosso porpora: di colore rosso-porporino
13832 asterinus, a, um (Hieracium leucophaeum ssp.) da aster stella: per le bratteole lunghe e acuminate
13836 Aubretia forma ortograficamente scorretta per Aubrieta (vedi)
13944 Averrhoa [Oxalidaceae] in onore di Averroè, nome latinizzato con il quale è noto in Occidente il filosofo, giurista, medico e astronomo arabo di Spagna Abū l-Walīd Muḥammad ibn Rushd (Cordova 1126 - Marrākesh 1198)
14127 Athamantha forma ortograficamente scorretta per Athamanta (vedi)
14150 augustini, ii
  • (Rhododendron/ Azalea, Goodyera, Hypericum, Impatiens, Quercus/ Cyclobalanopsis, Syzygium, Wendlandia) specie dedicate al medico, sinologo e botanico irlandese Augustine (Austin) Henry (1857-1930) che visse e raccolse piante in Cina dal 1810 al 1900 (25 nuovi generi e 500 nuove specie identificate dai suoi campioni), coautore di Trees of Great Britain and Ireland;
  • (Parodia, Sulcorebutia/ Weingartia) in onore del botanico tedesco Karl Augustin (fl. 1987-2002) che erborizzò in Bolivia;
  • (Epilobium) forse in onore del botanico francese Augustin Abel Hector Léveillé (1863-1918), prete missionario in India e Cina
14151 augustinianus, a, um (Henrya/ Neohenrya/ Tylophora) specie dedicate al medico, sinologo e botanico irlandese Augustine (Austin) Henry (1857-1930) che visse e raccolse piante in Cina dal 1810 al 1900 (25 nuovi generi e 500 nuove specie identificate dai suoi campioni), coautore di Trees of Great Britain and Ireland
14198 avellanedae (Chuquiraga, Gelseminum, Tabebuia, Tecoma, ecc.) di Avellaneda, città portuale compresa nella ‘Grande Buenos Aires’, il cui nome onora il generale Nicolás Remigio Aurelio Avellaneda Silva (1837-1885), presidente dell’Argentina dal 1874 al 1880
14648 aureosulcatus, a, um (Phyllostachys) da áureus dorato e da sulcus solco: con delle scanalature giallo-oro sul gambo
16150 Asterolinum grafia alternativa utilizzata da A. Fiori per Asterolinon (vedi)
16151 Astrolobium [Fabaceae] dal greco ἀστήρ astér astro, stella e da λοβóϛ lobós legume, baccello: con legumi disposti a stella
16648 avia (Miconia, Physokentia, Psychotria, Rudgea) da avius distante dalla via, lontano, impraticabile, inaccessibile: riferimento alle località di crescita di queste piante
16649 avius (Rubus, Calochortus clavatus var.) da avĭus distante dalla via, lontano, impraticabile, inaccessibile: riferimento all'ambiente di crescita di queste piante
18186 atrocalyx (Hieracium, Rubus, Salvia) da ater oscuro, fosco e da calix (in greco κᾱλυξ calyx) calice: con il calice scuro
19021 aylae (Streptocarpus) in onore di Ayla Edwards, figlia dell'autore Trevor J. Edwards (1960-)
20580 Augusta [Rubiaceae] genere dedicato al botanico, entomologo ed esploratore francese economicamente indipendente Augustin François César Prouvençal de Saint-Hilaire (1779-1853) che nel 1816-22 esplorò il Sud America (Uruguay, Paraguay, Brasile fino al Rio de la Plata) raccogliendo 20.000 campioni tra piante, uccelli, insetti e mammiferi, autore di Flora Brasiliae meridionalis e di Plantes usuélles des Brésiliens
[Asteraceae] nome inval. dedicato allo stesso botanico
23049 asyngamicus, a, um (Hieracium) dal prefisso privativo greco α- a- senza, da σύν sýn insieme e da γάμος gámos nozze, unione: asingamico, privo di singamia (vedi) per la mancata unione di una coppia di gameti
23345 aurosulus, a, um (Ranunculus, Taraxacum) da aurum oro e da rosula (diminutivo di rosa) rosetta: che ha rosette dorate
23346 aurosuloides (Taraxacum) da aurosulum (vedi), epiteto di un'entità congenere, e dal greco εἷδος eídos aspetto, sembianza: simile a quella entità
23497 astictus, a, um (Andropogon, Diplusodon, Hieracium ssp.) dal prefisso privativo greco α- a- e da στικτός stictós punteggiato, screziato: con foglie prive di punteggiature o screziature
23500 ausugum (Hieracium) da Borgum Ausugum antico nome di Borgo Valsugana, comune in provincia di Trento, località dei primi ritrovamenti
23518 aspreticola (Astragalus, Hieracium, Rosa, Rubus) da aspretum (da asper aspro, avverso, selvaggio) luogo aspro, roccioso, impraticabile e da colo abitare: che vegeta in luoghi inaccessibili e inospitali
23519 atropaniculatus, a, um (Hieracium) da ater, ra, rum scuro, nerastro e da paniculatum (vedi), epiteto di un'entità congenere: simile a uno Hieracium paniculatum nerastro
23614 austrosilvularum (Hieracium ssp.) genitivo plurale di austrosilvula (composto da áuster austro, il vento del sud, e da silvula, diminutivo di silva selva, bosco): dei boschetti meridionali, riferimento all'ambiente di crescita prediletto
23672 austro-europeus, a, um (Ribes ssp.) da áuster austro, il vento del sud, e da europeus europeo: sud-europeo, dell'Europa meridionale
23678 atkinsianus, a, um
  • (Calceolaria, Pelargonium, Petunia/Nierembergia/Nicotiana) in onore del florovivaista britannico James Atkins (1802–1884) che nel 1834 realizzò il primo ibrido colturale di Petunia nel suo vivaio a Painshill, Gloucestershire
  • (Acacia, Kochia/Maireana/Racosperma) in onore dell'australiano Kenneth William Atkins (1925-) giardiniere e raccoglitore di piante negli anni '80
23702 aurasicus, a, um (Senecio squalidus ssp.) da Aurasius mons, nome con cui gli antichi romani chiamavano i Monti dell'Awrās, massiccio montuoso nell'est dell'Algeria (in berbero e in arabo Jibāl al-Awrās, in francese spesso trattato come plurale les Aurès)
23712 aurensis, e (Hieracium, Rubus) della Valle d'Aure nei Pirenei francesi, dipartimento degli Alti Pirenei, regione dell'Occitania
23713 aurasensis, e (Antimima) dei Monti Auras, gruppo montuoso sito nel Lüderitz-Süd (Namibia)
23862 atkinsi, ii (Cyclamen ×, Delphinium ×, Dianthus ×, Galanthus ×, Yucca ×) in onore del florovivaista britannico James Atkins (1802–1884) che nel 1834 realizzò il primo ibrido colturale di Petunia nel suo vivaio a Painshill, Gloucestershire
25139 Assidora [Rubiaceae] nome composto da Assi, dedica al botanico ivoriano Laurent Aké Assi (1931-2014), professore all'Università di Abidjan e autore di Flore de la Côte d'Ivoire, e dal greco δῶρον dóron dono, offerta: omaggio in onore di Aké Assi
25170 Aspidoglossum [Asclepiadaceae] dal greco ἀσπίς aspís piccolo scudo rotondo e da γλῶσσα glóssa lingua: riferimento ai lobi della corolla appiattiti dorsalmente
25171 Aspidonepsis [Asclepiadaceae] da Aspido (prime lettere del genere Aspidoglossum (vedi)) e da ἀνεψιός anepsiós cugino, parente: genere affine all'Aspidoglossum
25172 asplundii (Amaranthus, Aristida, Astragalus, Cotopaxia, Draba, Festuca, Opuntia, Oxalis, Ranunculus, Rumex, Utricularia ecc.) in onore del botanico svedese Erik Asplund (1888-1974) che partecipò a due spedizioni nelle Isole Svalbard ed erborizzò in Svezia, Norvegia, Canarie e Sudamerica (Cile, Bolivia, Colombia, Ecuador, Perù, Venezuela)
25173 Asplundianthus [Asteraceae] nome composto da Asplund, dedica al botanico svedese Erik Asplund (1888-1974) che partecipò a due spedizioni nelle Isole Svalbard ed erborizzò in Svezia, Norvegia, Canarie e Sudamerica (Cile, Bolivia, Colombia, Ecuador, Perù, Venezuela), e dal greco ἄνϑοϛ ánthos fiore: fiore in onore di Asplund
25174 asplundianus, a, um (Annona, Guatterua, Lupinus) in onore del botanico svedese Erik Asplund (1888-1974) che partecipò a due spedizioni nelle Isole Svalbard ed erborizzò in Svezia, Norvegia, Canarie e Sudamerica (Cile, Bolivia, Colombia, Ecuador, Perù, Venezuela)
25175 aspratilis, e (Carex, Eucalyptus, Hieracium, Miconia, Rosa, Rubus) da áspero rendere aspro, scabro, ruvido: che ha la tendenza a irruvidirsi o inasprirsi
25176 asprelloides (Entoloma) da asprellum (vedi), epiteto di una specie congenere, e dal greco εἶδος eídos aspetto, sembianza: simile a quella specie
25177 asprellopsis (Entoloma) da asprellum (vedi), epiteto di una specie congenere, e dal greco ὄψις opsis aspetto: simile a quella specie
25178 assadi, ii
  • (Allium) in onore del botanico iraniano Mostafa Assadi (1950-)
  • (Alcea, Arenaria, Astragalus, Bellevalia, Centaurea, Helianthemum, Nepeta, Oxytropis, Vincetoxicum ecc.) da definire
 
prima pagina    pagina precedente   Pagina 7     

Acta Plantarum - Flora delle regioni italiane - Un progetto "open source"
  Licenza Creative Commons
Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale . Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati a cui va richiesta autorizzazione scritta per copia ed uso.    Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License . All Copyright © rights reserved by mentioned authors; written authorization to be required for copy and use.

Come citare questa pagina: Acta Plantarum, 2007 in avanti - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Disponibile on line (data di consultazione: 12/11/2019): http://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?n=a&o=3,1,0,0,0,0,3,1,2,4,5&p=7
How to cite this page: Acta Plantarum, from 2007 on - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Available on line (access date: 12/11/2019): http://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?n=a&o=3,1,0,0,0,0,3,1,2,4,5&p=7