Acta Plantarum
 Etimologia dei nomi botanici e micologici   e corretta accentazione 
Acta Fungorum
     Home      Galleria      Forum oggi è Venerdi 19 luglio 2024

    Lista dei lemmi etimologici (500 di 26955)                     Trova:     
   Campo trova
nessun carattere: estrae tutti i lemmi (divisi in più pagine); da 1 a molti caratteri: ricerca i caratteri a partire da inizio lemma;
 
per ricercare uno o più caratteri ovunque nel lemma utilizzare il carattere '%' seguito dai caratteri
 
prima pagina    pagina precedente   Pagina 3    pagina successiva    ultima pagina    
ID Lemma Descrizione     (Legenda)
3938 thrichomanes errata grafia per trichomanes (vedi)
5760 thracicus, a, um (Achillea, Acinos alpinus var./ Calamintha, Alkanna primuliflora var., Allium, Alopecurus, Alyssum, Ammi, Anthemis/ A. macedonica subsp., Astragalus/ Astracantha/ Tragacantha,Bupleurum, Caltha, Capsella/ C. bursa-pastoris subsp., Carduus, Carlina, Centaurea/ Microlophus/ Serratula, Crocus, Cynosurus echinatus var., Echinops/ E. ritro subsp., Festuca, Galium, Hieracium, Hypochaeris, Iberis, Linum, Luzula multiflora subsp., Neslia/ Vogelia, Oenanthe, Onosma, Ophrys/ O. attaviria f./ O. fusca subsp., Paronychia cephalotes subsp., Peucedanum, Quercus, Ranunculus, Rhazya, Rorippa/ Nasturtium, Scabiosa, Scirpus lacustris subsp., Seseli tortuosum subsp., Stachys, Taraxacum, Thymus/ T. serpyllum subsp., Tulipa, Verbascum/ V. ovalifolium subsp., Veronica) della Thracia Tracia, antica regione dell'Europa posta all’estremità sud-orientale della penisola balcanica, corrispondente alla Grecia nord-orientale, alla Bulgaria meridionale e alla Turchia europea
5761 thráustus, a, um (Bryopogon/ Alectoria, Leratiomyces squamosus var./ Agaricus/ Fungus/ Hypholoma/ Naematoloma squamosum var./ Psalliota/ Psilocybe/ Stropharia/ Stropholoma squamosum var., Ramalina) dal greco θραυστός thraustós fragile, friabile
5762 Thuja [Cupressaceae] dal greco θυία thuía, θύα thúa un albero africano, citato negli inni omerici e da Teofrasto, con legno profumato la cui resina era utilizzata come incenso θύον thýon
5763 thunbergi, ii (Acrostemon/ Blaeria, Aerides, Agrostis/ Festuca, Allium, Amaranthus, Andropogon, Annesorhiza, Apicra, Archaeocarex/ Hemicarex/ Schoenoxiphium, Arisaema/ Flagellarisaema, Asarum, Asparagopsis, Asplenium, Astilbe/ Hoteia, Australina, Babiana, Berberis, Berula/ B. erecta subsp./ Sium, Cacalia, Caesia, Camphora, Campsis chinensis var./ Tecoma/ T. grandiflora var./ T. radicans var., Carex/ C. gaudichaudiana var., Castanopsis/ Pasania cuspidata var., Catalpa, Cenchrus/ Pennisetum, Ceropegia/ Brachystelma, Chrysanthemum, Clematis, Clutia/ C. daphnoides var., Coelidium, Coniandra, Convallaria, Convolvulus, Corylus/ C. heterophylla var., Cotula/ Cenia, Crassula cephalophora var., Cynanchum viminale subsp./ Sarcostemma/ S. viminale subsp., Cyperus, Cypripedium, Danthonia/ Pentaschistis, Dianthus, Dictyopsis, Digitaria, Diplazium, Droguetia, Ehrharta, Elaeagnus, Endonema, Epipactis/ Amesia/ Arthrochilium/ E. gigantea var./ Eulophia/ Helleborine/ Limodorum, Equisetum, Eragrostis, Erica/ Ericoides/ Eurylepis, Erigeron/ Aster, Eriocaulon, Eurya japonica var., Euryops, Ficus/ F. sarmentosa var., Fritillaria/ F. verticillata var., Gasteria/ G. carinata var., Genista, Gentiana/ Ericala/ Varasia, Gentiana nome ill., Geranium, Gladiolus, Grisebachia, Haplocarpha, Heliophila/ Carpopodium, Hemerocallis/ H. lilioasphodelus var., Hydrangea/ H. serrata var./ Hortensia serrata var., Hymenophyllum, Hypericum/ H. japonicum var., Hypoxis longifolia var., Imperata/ I. arundinacea var./ I. cylindrica var./ Saccharum, Iris, Ixeris/ Lactuca, Ixia/ Tritonia, Jamesbrittenia/ Manulea, Juniperus, Justicia, Lachenalia, Lapeirousia, Lespedeza/ Desmodium, Leucadendron, Lindera/ Benzoin/ Cinnamomum/ Sassafras, Linum, Litsea, Lobelia/ Rapuntium, Lobelia depressa var., Lycium, Lycopodium serratum var., Machilus/ Persea, Malephora/ Corpuscularia/ Crocanthus/ Hymenocyclus/ Mesembryanthemum, Mariscus, Muraltia, Myrsine, Nemesia, Nephroia/ Cocculus, Ophiopogon, Ornithogalum, Osmanthus fragrans f., Parechites, Parthenocissus/ Cissus nome ill./ Psedera/ Vitis nome ill., Paspalum/ P. scrobiculatum var., Passerina, Persicaria/ Polygonum/ Tracaulon/ Truellum, Pharnaceum, Phylica, Phymatopsis oxyloba var./ Polypodium hastatum var., Picea/ Abies/ Pinus, Plantago, Plectranthus, Podocarpus/ Nageia, Polygala, Polygonatum/ P. giganteum var. / P. odoratum var., Polystichum, Potamogeton/ P. americanus var., Pourthiaea, Pratia, Priestleya, Protea, Pueraria, Pyrus, Rafnia/ R. angulata subsp., Rhoicissus/ Cissus, Rhus, Rhododendron/ Azalea, Rosa, Rubia/ Galium, Rubus, Ruellia, Sambucus, Sanguinella, Sansevieria, Scabiosa, Scaevola, Scilla, Scirpoides/ S. holoschoenus subsp./ Holoschoenus/ Isolepis/ Scirpus/ S. holoschoenus, Secamone, Selago. Senecio, Serruria, Silene, Spatalla, Spiraea, Stachys, Striga/ Buchnera, Thalictrum/ T. minus subsp., Thesidium, Thesium frisea var., Toxicophlea, Trisetum, Urostigma, Veronica, Vitis/ V. labrusca var./ V. vinifera var., Wahlenbergia/ Campanula/ Roella, Xerotes, Zanthoxylum/ Fagarastrum) specie dedicate al botanico ed entomologo svedese Carl Peter (Karl Pehr) Thunberg (1743-1828) che, come medico della Compagnia olandese delle Indie, esplorò la flora del Sud Africa e del Giappone; allievo di Linneo, occupò la sua cattedra all’università di Uppsala, ricostruì l’orto botanico in una nuova sede, fu uno dei botanici più importanti della sua generazione, autore delle fondamentali Flora Japonica e Flora Capensis
5764 Thýia grafia alternativa per Thuja (vedi)
5765 thýinos (Lactarius) dal greco θύινος thýinos dei limoni (o altri agrumi), piante predilette da questi funghi
5766 thymifolius, a, um dal genere Thymus (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle di un timo, ovvero brevemente picciolate, minute, da lineari a lanceolate, con margine intero più o meno revoluto; epiteto di largo impiego (circa 250 occorrenze, una cinquantina accettate)
5767 Thýmus [Lamiaceae] dal greco θύμον thýmon timo, di etimo incerto, forse connesso al verbo θύω thúō fumigare, bruciare come incenso
5768 thyrsoídes (Agrostis, Buddleja, Campanula/ C. macrorhiza var., Forrestia, Grevillea/ Hakea, Ixora, Justicia, Ornithogalum/ Aspasia/ Eliokarmos/ Myogalum, Ornitrophe/ Schmidelia, Protea, Rumex/ Acetosa, Rumex nome ill., Saxifraga, Stenostephanus, Vitex negundo var.) dal greco θυρσός thyrsós tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e da εἶδος eídos sembianza: con infiorescenza tirsoide, simile al tirso in cui l'asse principale è un racemo di cime, ma che a differenza del tirso termina con un fiore
5769 tibiicýstis (Galerina/ Galera/ Galerula, Gloiocephala, Micropsalliota rubrobrunnescens var.) da tíbia tibia e dal greco κύστις cýstis vescichetta, cistidio: per la forma allungata dei cheilocistidi che ricorda quella di una tibia
5770 tigrínus, a, um da tigris tigre: relativo alle tigri; tigrato, con disegni a strisce scure come il mantello delle tigri; maculato in modo più o meno irregolare come il mantello di felini come il leopardo o l’ocelot (tigrillo)
(Agave/ A. virginiana var./ A. virginica f./ Manfreda/ M. virginica var./ Polianthes virginica f.) per le foglie maculate
(Alocasia acuta var.) per gli steli zebrati
(Alstroemeria, Cattleya, Ceropegia/ Stapelia, Chaubardiella/ Chaubardia/ Stenia, Cirrhaea dependens var., Crantzia/ Alloplectus/ Columnea/ Heintzia, Cymbidium/ Cyperorchis, Dichaea, Epidendrum nome ill., Gardenia, Haemanthus, Houlletia/ Paphinia, Iris, Lachenalia/ L. rubida var., Lilium, Lilium dauricum var., Lilium maximowiczii var., Mimulus, Mormodes, Oncidium sensu auct., Phalaenopsis, Phlox, Prosthechea/ Anacheilium/ Encyclia/ Epidendrum, Salvia, Saxifraga, Stanhopea, Stapelia nome inv./ S. atrata var., Thelymitra, Trichocentrum) per le corolle o loro parti più o meno minutamente maculate, con disegni che ricordano, più che il mantello di una tigre, quello di felini come l’ocelot (Leopardus pardalis) o il leopardo
(Aristolochia, Catasetum, Catasetum lucis f., Columnea nome ill., Dendrobium, Dictyanthus, Gladiolus, Grammatophyllum multiflorum var./ G. scriptum var., Impatiens. Justicia, Lachnostoma/ Phaeostemma, Lepanthes, Matelea/ Gonolobus/ Ptycanthera, Maxillaria/ Camaridium/ Chrysocycnis, Oncidium/ Cyrtochilum, Paphiopedilum, Rhododendron, Sanchezia, Tritonia, Whitfieldia colorata subsp.) per le corolle o loro parti con striature in colore contrastante che ricordano il mantello della tigre
(Begonia) perché cresce nel paese delle tigri (Malaysia)
(Billbergia horrida var., Maranta, Neoregelia/ Nidularium, Vriesea hieroglyphica var./ Massangea) per le foglie zebrate
(Calamus/ Palmijuncus) per i fusti armati di spine scure o nere disposte in giri o mezzi giri
(Cyrtopodium, Neorthosis, Triumfetta, Watsonia) senza indicazioni nel protologo
(Faucaria/ Mesembryanthemum) per le foglie triangolari con margini acutamente dentati che ricorderebbero le fauci di una tigre
(Heliocarpus) per i giri di peli stellati attorno ai rami giovani e all’asse dell’infiorescenza
(Hieracium/ H. dentatum subsp.) per le guaine con scaglie scure all’estremità, bordi chiari e peli neri
(Ipomoea) per le foglie palmate villose che ricorderebbero la zampa di una tigre
(Oenothera albicaulis var.) per i semi tigrati-marmorizzati
(Agaricus conopilus var., Entoloma) per il pileo striato
(Amanita lividopallescens var./ A. oblongospora var./ Amanitopsis lividopallescens f., Coprinopsis/ Astylospora/ Coprinus/ Psathyra/ Psathyrella, Cortinarius, Hydrocybe, Inocybe, Lentinus/ Agaricus/ Amanita/ Clitocybe/ Lentinula/ Lentodium/ Omphalia/ Panus/ Pocillaria, Pholiotella, Polyporus, Polyporus nome ill./ Polystictus, Polyporus flabelliformis subsp., Tricholoma/ Agaricus nome ill./ Gyrophila/ G. graveolens var.) per il pileo maculato di squame più scure
(Aspicilia cinerea var./ Lecanora cinerea var./ Urceolaria/ U. cinerea var./ Verrucaria, Lecidea, Verrucaria contigua var., Opegrapha, Opegrapha diaphora var./ O. notha var./ O. signata var./ O. varia var., Patellaria, Sarcographa/ S. tricosa var./ Graphis tricosa var.) per il tallo con zone chiare e scure
(Hypospila/ Linospora, Sphaeria) per il peritecio maculato
(Lepidoderma/ Didymium/ Diderma/ Physarum/ Trichia) per il peridio membranoso sparsamente coperto di squame bianche e grigie
(Niebla/ Desmazieria/ Ramalina/ Vermilacinia) per le macchie o bande nere irregolari del tallo
(Termitomyces) per il pileo da densamente tomentoso a tomentoso squamuloso in cui si alternano zono bianco-grigiastre e zone grigio scure
(Xylaria) per la clavula cinerea minutamente macchiettata
(Acaulopage, Septobasidium) da verificare
5771 Tília [Malvaceae] da tilia, nome latino del tiglio, presente tra gli altri in Virgilio e Columella, di etimo ignoto, presumibilmente un prestito dal substrato preindoeuropeo, analogamente al greco πτελέα pteléa, olmo
5772 tíliae (Achroomyces/ Stictis, Actinonema, Agaricus/ Dendrosarcus/ Pleurotus, Amphiporthe/ Amphicytostroma/ Cytospora, Apiognomonia/ Gloeosporidium/ Gloeosporium/ Laestadia errabunda f./ Myxosporina, Aplosporella, Arthopyrenia persoonii var., Arthopyrenia rhyponta f., Arthrinium, Ascochyta, Asteroma vagans f., Byssotheciella, Caliciopsis/ C. ellisii var., Camarosporium/ Camarosporulum, Capnodium/ Capnodaria/ Fumago/ Polychaeton, Ceratocystis, Chaetostromella, Ciboria/ Sclerotinia, Coniothecium, Coniothyrium/ C. australe subsp., Coronophora gregaria var., Cryptosporella/ Cryptospora/ Ophiovalsa/ Winterella, Cryptosporiopsis, Cryptosporium, Cytodiplospora, Cytogloeum, Cytosporella, Dendrophoma, Depazea, Dichomera/ Staurosphaeria, Didymella padicola f., Diplodia, Diplodina, Dothiopsis, Dothiorella, Ectostroma/ Xyloma, Elsinoe, Entoloma, Erysiphe/ Microsphaera, Eutypella, Exosporium/ Conoplea/ Helminthosporium/ Vermicularia, Fusicoccum, Globulina quercina var., Gnomonia, Hebeloma crustuliniforme var., Helicosporium, Hendersonia, Hercospora/ Exormatostoma/ Naemaspora/ Phorcys/ Rabenhorstia/ Sphaeria, Hormiscium, Hyaloscypha, Inocybe, Lachnella/ Cyphella/ Peziza/ Trichopeziza, Lecidea, Macrophyllosticta, Massarina/ Massaria, Melanconis juglandis var., Melanconium, Microdiplodia, Mycosphaerangium/ Sphaerangium, Mycosphaerella/ Sphaerella, Mycosphaerella punctiformis f., Myxofusicoccum, Myxosporium, Naevia/ Pseudopeziza, Nectria cinnabarina var., Neodidymelliopsis, Nothopucciniastrum/ Pucciniastrum, Nummularia bulliardii f., Otthia, Paracercosporidium/ Cercospora, Paraconiothyrium/ Asteroma/ Asteromella, Passalora/ Tandonella, Peniophora vermifera var., Pestalotiopsis/ Pestalotia, Pezicula, Phlegmacium/ Cortinarius, Phlyctema, Phoma, Phyllachora, Phylloporia, Phyllosticta, Placosphaeria, Platygloea/ Tachaphantium, Pleospora, Pleurocolla, Polyporus, Prosthemium, Ramularia, Rhabdospora, Septoria, Septoria tiliacearum var., Sphaerella maculiformis var., Sphaerella sparsa f., Sphaeria euphorbiae f., Spilosphaeria, Thelephora/ T. cinerea var./ Corticium cinereum var., Tympanis, Thyrostroma, Thyrostroma compactum var./ Stegonsporium compactum var., Valsa ambiens f., Valsaria) genitivo del genere Tilia (vedi) a cui appartengono le piante ospiti di questi funghi: del tiglio
5774 tinctórius, a, um tintorio, da tíngo tingere: utilizzato per produrre tinture e coloranti. Epiteto di larghissimo uso (oltre 600 occorrenze, un centinaio delle quali accettate e una sessantina tra funghi e licheni)
5775 tinei (Alllium, Brassica/ B. villosa subsp., Bryonia, Canna, Cereus, Cuscuta/ Grammica australis subsp., Gladiolus, Hippomarathrum, Melica, Mentha, Myosotis, Narcissus, Orobanche, Papaver, Pelargonium, Potentilla parviflora var., Poterium, Pyrus, Serrafalcus, Thlaspi) variante grafica per tineoi (vedi)
5776 tingitanus, a, um (Acetosa, Acis/ Leucojum, Allium, Arisarum, Armeria, Carduncellus, Carex binervis var., Carthamus/ Centaurea/ Kentrophyllum/ Onobroma, Chrysanthemum, Crepis/ Geracium/ Hieracium, Crocus, Epilobium, Ferula/ Agasulis, Hermione unicolor var., Hieraciodes, Iris/ Xiphion, Juncus/ Verojuncus, Lathyrus/ Clymenum/ Navidura, Leontodon/ Colobium/ Thrincia, Linaria, Lotus, Narcissus, Narcissus calcicola subsp., Ononis, Orchis, Passerina, Pyrethrum, Quercus ×, Reichardia/ Picridium/ Scorzonera/ Sonchus, Rumex/ Lapathum, Salvia/ Sclarea, Scilla/ S. monophyllos var./ Oncostema/ Tractema, Silene rosulata var., Tamarix, Xiphion nome ill. – Caloplaca, Lecanora, Micropeltis, Pleurotus eryngii var., Ramalina/ R. polymorpha var., Uromyces) di Tingi, antico nome dell'attuale Tangeri (Marocco) o più in generale dell’area corrispondente alla provincia romana della Mauretania tingitana, oggi tra Marocco e Algeria: di Tangeri, tangerino, tingitano
5777 tintinnábulus, a, um da tintinnābŭlum campanello, sonaglio:
  • (Cyrtandra, Grammitis, Stelis/ Pleurothallis/ Dracontia) per la presenza di organi aventi una forma richiamante un piccolo campanello
    (Apiospora, Psathyrella) per la forma del carpoforo
5778 típha errata grafia per Typha (vedi)
5779 tithymálinus, a, um dal greco τιϑύμαλλος tithýmallos sorta di euforbia
(Cytospora, Gnomonia, Naeviopsis/ Calloria/ Habrostictis/ Laetinaevia/ Naevia) per le piante ospiti, appartenenti al genere Euphorbia
(Lactarius/ Agaricus/ Galorrheus/ Lactifluus) per la secrezione di un latice biancastro e caustico come quello delle euforbie
5781 títubans da títubo vacillare, tentennare: oscillante, instabile, tentennante
(Cleome/ Tarenaya, Protium) per gli organi sorretti da lunghi petioli
(Bolbitius/ B. vitellinus subsp./ Agaricus/ Pluteolus) per la carne di brevissima durata
(Hymenoscyphus/ Calycina/ Helotium/ Poculum) per l’apice dello stipite sottile e oscillante
(Lecidea) forse per i margini sottili dell’apotecio o per l’incerta attribuzione
5782 Tjibodásia [Platygloeaceae] di Tjibodas, località giavanese
5783 todaroanus, a, um (Echinaria/ E. capitata subsp., Iris, Isoetes, Limonium, Medicago, Ophrys ×) specie dedicate al botanico italiano Agostino Todaro (1818-1892); avvocato di professione, coltivò la passione per la botanica, e dopo la morte di Vincenzo Tineo lo sostituì come docente di botanica presso l’Università di Palermo e come direttore dell’orto botanico di Palermo; fu anche senatore del regno
5784 Togária, a, um [Strophariaceae] da tóga, tipico mantello indossato nell’antica Roma; per l’anello simile a un mantello, particolarmente evidente negli esemplari giovani
5785 toguláris, e (Agrocybe/ Agaricus/ Conocybe/ Dryophila/ Galera/ Hylophila/ Pholiota/ Pholiotina/ Togaria, Cortinarius) da togulă (diminutivo di toga) piccola toga, tipico mantello indossato nell’antica Roma: per la presenza di un anello foggiato come un breve mantello
5786 tombeanensis, e (Saxifraga) del Monte Tombea, nelle Giudicarie (TAA), locus classicus di questa pianta
5787 Tomentellína [Thelephoraceae] diminutivo del genere Tomentella (vedi)
5788 Tomentellópsis [Pezizaceae] dal genere Tomentella (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza simile a una Tomentella
5789 tomentéllus, a, um diminutivo di toméntum peluria, lanugine: alquanto tomentoso. Epiteto di largo uso (circa 400 occorrenze, un centinaio accettate per le piante, una sessantina per funghi e licheni); può riferirsi all’intera pianta (Artemisia, Eucephalus) o a sue parti, come ai ramoscelli o ai fusti (Quercus, Rumex), alle foglie (Rhamnus, Syringa), ai frutti (Cassia, Acrosarco), e per funghi e licheni al carpoforo (Lepiota, Sticta)
5790 tomentósus, a, um da toméntum peluria: ricoperto da peluria, tomentoso. Epiteto di larghissimo uso (circa 2800 occorrenza, di 600 accettate per le piante, 350 per funghi e licheni), si riferisce spesso al fogliame o alla sua pagina inferiore (Ceanothus, Tilia), ma anche all’intera pianta (Galactites, Kalanchoe), a rami e fusti (Arctostaphylos, Capparis), al calice (Aristolochia, Congea), ai frutti (Rhodomyrtus, Vachellia) e per funghi e licheni al carpoforo (Bovista, Stereocaulon)
5791 tommasinianus, a, um (Campanula/ C. waldsteiniana subsp., Chabertia, Crepinia, Crocus, C. vernus var., Euphorbia/ E. esula subsp./ E. graminifolia subsp./ E. virgata subsp./ Tithymalus/ T. graminifolius subsp., Hieracium, Lactuca, Potentilla/ P. acaulis subsp./ P. cinerea subsp., Verbascum x) specie dedicate al botanico italiano Muzio (Giuseppe Spirito de) Tommasini (o Mutius J. S. Ritter von Tommasini/Mutius Josephus Spiritus de Tommasini, 1794-1879), podestà di Trieste e studioso della flora illirica
5792 tommasini, ii (Carex sylvatica var., Centaurea/ C. spinosociliata subsp./ Acosta, Heliosperma/ Ixoca/ Silene, Chamaecytisus/ C. austriacus subsp./ C. capitatus var./ Cytisus, Hieracium, Juncus/ J. acutus subsp., Lathyrus, Limonium ramosissimum subsp., Linum/ L. austriacum subsp./ L. squamulosum subsp./ Adenolinum, Melilotus, Moehringia/ Arenaria, Onobrychis/ O. arenaria subsp., Ophrys/ O. araneola subsp./ O. aranifera subsp./ O. sphegodes subsp., Orobanche, Pedicularis, Poa annua var., Primula, Quercus/ Q. brachyphylla subsp., Ranunculus, Seseli, × Serapicamptis/ × Anterioserapias/ × Orchiserapias/ Serapias ×, Sorbus, Tragopogon) specie dedicate al botanico italiano Muzio (Giuseppe Spirito de) Tommasini (o Mutius J. S. Ritter von Tommasini/Mutius Josephus Spiritus de Tommasini, 1794-1879), podestà di Trieste e studioso della flora illirica; partecipò a importanti spedizioni con Bartolomeo Biasoletto e insieme a Raimondo Tominz curò il primo catalogo del futuro Orto botanico di Trieste
5793 Tomóphagus [Ganodermataceae] dal greco τόμος tómos strato, e tema dal verbo φαγεῐν phageĭn mangiare, divorare: che divora uno strato del legno
5794 tonzigii (Linaria) specie dedicata a Sergio Tonzig (1905-1998), milanese, professore di botanica a Milano, autore del trattato Elementi di botanica
5795 topháceus, a, um (Cortinarius, Gloeocystidium) dal latino classico tōphus/tōfus tufo: color del tufo
5796 Tordylium [Apiaceae] dal greco τορδύλιον tordýlion, pianta presente in Plinio e Dioscoride, di etimo incerto; secondo Genaust, si tratta di un prestito di una lingua pregreca
5797 tormentíllus, a, um (Fragaria/ Potentilla) dal genere Tormentilla (vedi), con passaggio di nome generico ad epiteto
5798 torminósus, a, um (Lactarius/ Agaricus/ Galorrheus, Hypomyces/ Hypolissus/ Nectria/ Peckiella/ Sphaeria, Hypophyllum) da tormína colica, a sua volta da torqueo torcere, tormentare, torturare: che tormenta provocando coliche e/o dissenteria
5799 tornátus, a, um da tórno tornire: arrotondato come al tornio, tornito, levigato
(Carex/ C. nigra subsp./ C. vulgaris var.) per gli acheni arrotondati
(Medicago/ M. italica subsp./ M. obscura subsp./ M. polymorpha var./ Medica) per i legumi levigati e inermi
(Agaricus/ Clitocybe, Ganoderma/ G. applanatum var./ Elfvingia/ Polyporus/ Scindalma) per il pileo liscio e regolare
(Clonostachys/ Bionectria/ Pseudonectria/ Sesquicillium, Melanomma, Puccinia, Sphaeria, Umbilicaria/ U. cylindrica subsp./ U. proboscidea var./ Gyrophora cylindrica subsp./ G. proboscidea var./ Lichen leiocarpus var., Xenoastrosphaeriella/ Astrosphaeriella/ Sphaeria nome ill./ Trematosphaeria) per il corpo fruttifero liscio o arrotondato
5800 torósus, a, um da tórus oggetto rigonfio, protuberanza, muscolo; epiteto con due significati distinti: 1. nodoso, fornito di protuberanze: nodoso, cilindrico ma con rigonfiamenti e contrazioni a intervalli o con superficie cosparsa di protuberanze; 2. muscoloso, nerboruto: massiccio, compatto, di maggiori dimensioni
(Buceras, Cassia/ Chamaefistula Echites nome ill., Erica, Mandevilla/ Amblyanthera/ Echites/ Mesechites, Sinapis) per i frutti con protuberanze e restringimenti
(Cyperus) per le spighe lineari e nodose
(Citrus, Omphalocarpum) per i frutti irregolarmente bitorzoluti
(Phaseolus) per il fusto nodoso
(Agaricus, Imperator/ Boletus/ B. appendiculatus subsp,/ Dictyopus/ Suillellus/ Suillus/ Tubiporus) per il pileo compatto
(Anthostomella) per gli ascocarpi moniliformi
(Caeoma) per la superficie verrucosa degli ecidi
(Ganoderma) per lo pseudostipide tarchiato
(Clitocybe sinopica var.) per l’aspetto più robusto
(Humaria/ Phialea) per il corpo fruttifero carnoso
(Laccaria) per le maggiori dimensioni
(Puccinia/ Dicaeoma) per le teliospore cilindrico-clavate profondamente costrette al centro
5801 tórpens (Psathyrella/ Agaricus/Drosophila/ Pilosace/ Psathyra) da tórpeo intorpidire: che provoca torpore o intorpidimento
5802 torquátus, a, um da tórquis torque, collana, collare, a sua volta da torqueo volgere, avvolgere girando: ornato con una collana, una fascia o un collare; a forma di collana; ma anche, erroneamente, per tortus (vedi) : attorto, attorcigliato, ritorto come una corda
(Alyxia/ Gynopogon) presumibilmente per il frutto moniliforme
(Anthriscus/ A. sylvestris var./ Chaerophyllum/ Myrrhis) per le ciglia brevi e regolari che circondano la base dei frutti come un collare
(Aster undulatus var.) per le foglie molto minute la cui base avvolge lo scapo come una successione di collari
(Aylostera/ Rebutia) per le areole ravvicinate che formano una linea quasi continua lungo le costole
(Boronia pilosa subsp.) per il collare di peli bianchi semplici che si presenta sotto lo stigma globulare e in molti esemplari evoca una gorgiera elisabettiana
(Bulbophyllum) per i minuti pseudobulbi ravvicinati, ellittici o subovoidali, angolosi, ottusi
(Cactus) per la forma degli articoli, prima dilatati poi ristretti come una collana
(Caesalpinia) per il petalo maggiore opposto al segmento concavo del calice, similmente a una mascella o a un collaretto
(Crassula) per i petali coronati da una cospicua ghiandola gialla
(Diospyros) per il frutto completamente racchiuso nel calice accrescente che forma una sorta di collare
(Doxantha, Echinopepon/ Echinocystis/ Elaterium/ Micrampelis, Echites, Epidendrum, Faramea) indicazioni esplicite assenti nel protologo
(Drosanthemum/ Mesembryanthemum, Haworthia/ H. viscosa f./ Aloe) per lo stelo ritorto
(Eucalyptus) per il calice che si dilata alla base in un anello con 7-10 linee verticali prominenti, formando una struttura corrugato permanente nel frutto
(Glaucium grandiflorum var.) per la macchia scura alla base dei petali
(Gluta/ Melanorrhoea) per la gola del calice con tre denti diseguali largamente triangolari che pendono attorno al peduncolo come un collare allentato
(Helleborus) per il collare bianco al collo del fiore
(Meconopsis Papaver) per l’ovario con un margine sinuato porpora-scarlatto (Melaleuca) per i frutti (capsule) la cui parte superiore ricorda una corona
(Mouriri) per le ampie bratteole che formano una sorta di collare alla base dei fiori e dei frutti
(Nassella/ Stipa) per la corona cospicua, serrata alla base, con una fila di numerosi macropeli eretta sul bordo
(Orobanche) per il calice collariforme
(Polygonum) per la parte erbacea dell’ocrea avvolta e retroflessa
(Potamogeton) per le foglie ovate che, galleggiando sull’acqua, possono suggerire l’idea di una collana
(Pterostylis/ Diplodium) per la prominente banda bruna del margine superiore del seno
(Rhododendron) per il calice che forma un cospicuo collare alla corolla
(Rhododendron nome ill.) per i germogli contorti
(Rinzia) per le stringhe di staminoidi che collegano le triadi di stami
(Strombocarpa/ Acacia/ Prosopis) per il legume simile a una collana contorta, sinuata tra un seme l’altro
(Vellozia) per le foglie lineari disposte a spirale
(Coprinus) per l’anello a forma di collare
(Helicomyces) per i conidi disposti come una catena o una collana
(Hymenoscyphus/ Lambertella) per il collare infundibuliforme delle ascospore
(Lecidea/ L. rivulosa var./ Lecanora/ Parmelia/ Patellaria) per il margine bianco degli apoteci
(Mycena/ Agaricus/ Chamaeceras/ Marasmius) per il peculiare collare (disco basale) alla base dello stipite
(Peniophorella/ Corticium/ Hyphoderma) per la fascia di processi digitati che delimita il setto delle vescicole che si presentano alla base delle ife
(Pertusaria) per le verruche irregolari e varamente gibbose
(Rhizocarpon) per l’anello biancastro sul bordo interno del marine degli apoteci immaturi e di molti di quelli maturi
(Phaeographina) per le lirelle (apoteci lineari) variamente arcuate e subintricate ritorte e attorte
(Codiaeum, Sedum tsiangii var. – Halosphaeria/ Ondiniella) da verificare
5803 torquéscens da torquesco, incoativo di torquĕo avvolgere, torcere, girare: che tende ad avere un portamento ritorto
(Hieracium) per le ligule marginali che tendono a ritorcersi
(Hymenophyllum) per le lacinie delle fronde ondulate e contorte
(Rhododendron) per i germogli contorti
(Marasmius/ Chamaeceras) per lo stipite contorto
(Glyphis/ Phaeographina/ Sarcographa/ Sarcographina) per gli apoteci sub-contorti
(Polyporus) per il pileo che crescendo si incurva variamente
(Usnea, Xylaria) per il tallo ondulato o contorto
5804 torreanus, a, um (Centaurea, Noccaea/ Hutchinsia/ Thlaspi/ T. montanum subsp.) in onore del “dilettissimo botanofilo” Salvator Torre che raccolse queste specie sul Gargano
(Cissus, Copernicia) in onore del naturalista e antropologo cubano Carlos de la Torre y Huerta (1858 - 1950); soprattutto malacologo, collaborò con lo Smithsonian, invitando molti naturalisti statunitensi a visitare Cuba e le isole vicine; fece raccolte con Léon; fu anche presidente della Camera dei rappresentanti
(Crassocephalum, Solanum, Xylia) specie dedicate al botanico e tassonomista portoghese António Rocha da Torre (1904–1995) che condusse spedizioni in Mozambico e in Portogallo, raccogliendo con i suoi collaboratori oltre 18.000 campioni botanici e diede un contributo essenziale alla conoscenza della flora del Mozambico
(Hymenorebutia) di La Torre, località del dipartimento di Santa Cruz, provincia di Sud Cinti (Bolivia)
5805 Torréndia [Amanitaceae] genere di funghi dedicato al gesuita portoghese Camille Torrend (1875-1961), missionario in Brasile e micologo, professore di botanica e fitopatologia presso la Scuola agricola imperiale di Bahia, scrisse sui funghi di Portogallo, Brasile e Madera
5806 tórtilis, e che tende a ritorcersi, contorto, sinuoso, avvolto a spirale, da torquĕo avvolgere, torcere, girare; epiteto di largo uso (circa 120 occorrenze tra le piante, una cinquantina accettate, e una quarantina tra i funghi); indica la presenza di organi ritorti o spiralati, e può riferirsi agli organi più diversi: per le piante, il fusto (Euphorbia), i rami (Crataegus), la disposizione delle foglie (Trachyandra), i loro margini (Disparago), elementi del perianzio (Dendrobium), la forma dei legumi (Vachellia), per i funghi lo stipite (Clavaria), il capello (Laccaria), gli sporangi (Erysiphe)
5807 tortuósus, a, um che si ritorce, ritorto, tortuoso, a spirale, da tórqueo avvolgere, torcere, girare; epiteto di larghissimo impiego (circa 400 occorrenze per le piante, di cui una novantina accettate, e un centinaio per funghi e licheni. Indica la presenza di organi ritorti o spiralati, e può riferirsi al portamento generale (Sceletium) o agli organi più diversi: per le piante i rami (Jasminum), i rami fiorali (Alcantarea), il fusto (Harrisia), lo stelo (Aichryson), la lamina delle foglie (Antirrhinum) o la loro disposizione a spirale (Haworthiopsis) o arrotolate come cavatappi (Romulea), lo spadice (Arisaema), gli elementi del perianzio (Polycycnis), la siliqua (Streptanthus) o il legume (Vachellia); per i funghi indica soprattutto le ife intricate e per i licheni i rami contorti o l’aspetto intricato del tallo
5808 tórtus, a, um da tórqueo avvolgere, torcere, girare: ritorto, attorcigliato, storto, a spirale
(Acalypha, Stoebe) per le foglie ritorte
(Andropogon) per il lemma superiore ritorto
(Appendicula/ Podochilus) per il labello ritorto
(Argyrolobium, Trigonella) per i legumi ritorti
(Aristida/ Chaetaria) per la pannocchia sub-contorta
(Aristolochia) forse per la capsula arcuata
(Babiana, Bulbine, Moraea/ Gynandriris/ Helixyra, Romulea) per le foglie che si arricciano a spirale
(Bidens) per gli acheni ritorti in massimo grado
(Bomarea/ Alstroemeria) per le foglie con margini revoluti
(Bulbophyllum) per i petali ricurvi con apice incurvato e il labello ricurvo
(Carex) per la punta piatta triangolare all'apice del periginio, spesso ritorta
(Chionochloa crassiuscula subsp.) per le foglie pungenti molto contorte
(Chloroleucon/ Cathormion/ Feuilleea/ Inga/ Pithecellobium, Dalbergia/ Amerimnon, Leptolobium, Myrcia/ Aulomyrcia) per i rami ritorti
(Corymbia) per i margini ondulati delle foglie adulte
(Crataegus) per i sottili rami disposti a zigzag
(Disa/ Satyrium/ Schizodium, Liparis/ Leptorkis/ Stichorkis, Thrixspermum) per il caule ricurvo
(Echinocactus) per le costole ritorte a spirale
(Euphorbia) per gli angoli dei rami ritorti a spirale
(Fimbristylis/ Iria/ Trichelostylis, Philodendron) per le foglie ricurve
(Habenaria) per lo stelo e la spiga contorti
(Iris) per le lacinie della corolla retroflesse e obliquamente ritorte
(Lepidium) per gli steli molto angolati ai nodi
(Lepturus incurvatus var.) per la spiga ricurva
(Leucadendron) per le foglie con base ritorta
(Lycopodiella/ Lycopodium/ Palhinhaea) per le foglie degli assi più vecchi incurvate verso l’alto e verso l’esterno
(Masdevallia/ Byrsella) per le code ricurve dei sepali
(Mionia) per le antere che giacciono ad angolo retto rispetto alla posizione abituale
(Odontochilus/ Anoectochilus/ Pristiglottis) per il lembo ritorto del labello
(Oenothera chamaenerioides var./ Sphaerostigma) per le capsule variamente contorte
(Passiflora) per i peduncoli ritorti a spirale
(Pedicularis) per la parte del labbro superiore della corolla che continua il tubo ritorta a spirale
(Pouteria/ Labatia/ Lucuma/ Guapeba) per il tronco e i rami sugherosi ritorti (Protea) per i rami incurvati
(Rhytidocaulon/ Caralluma/ Ceropegia) per i lobi ritorti della corolla
(Senegalia/ Acacia/ Mimosa) per i ramoscelli laterali che si attorcono attorno a qualsiasi supporto, quindi, dopo aver dato un giro o due, si estendono come gli altri rami
(Setaria/ S. sphacelata var.) per la lamina fogliare convoluta
(Sisyrinchium) per lo stelo ritorto a spirale da una a quattro volte, che talvolta forma una curva sigmoide poco profonda
(Spiranthes/ Ophrys) per i fiori disposti a spirale lungo lo stelo
(Vincetoxicum) per la corolla fortemente contorta
(Xyris) per le lunghe e strette foglie ritorte
(Agaricus, Pluteus) per lo stipite
(Botrytis, Meliola/ Leptomeliola) per le ife contorte
(Cerinomyces/ Dacrymyces/ Tremella) per il corpo fruttifero circonvoluto, similmente all’intestino
(Crepidotus) per i cheilocistidi contorti
(Chlorencoelia/ Chlorosplenium/ Peziza, Guepiniopsis) per il pileo con margini sinuosi
(Chloridium) per il corpo fruttifero ritorto e arrotolato quasi a spirale
(Graphis) per la disposizione del tallo
(Pseudocercospora/ Cercospora) per le conidispore settate e ritorte lungo il setto
(Sclerococcum) per la disposizione dell'ornamentazione striata sulle pareti sporali, irregolarmente ritorte e ramificate lungo l'asse lungo delle spore
(Variolaria) per il disco contorto e piegato dell’apotecio
(Laboulbenia, Lagenidium, Telamonia) da verificare
5809 torulósus, a, um da tórulus treccia, croccia, muscolo, diminutivo di torus tórus oggetto rigonfio, protuberanza, muscolo, rialzo, letto, cuscino: toruloso, ovvero cilindrico, con porzioni rigonfie ad intervalli; con rigonfiamenti catenati, moniliformi; nodoso; più raramente, provvisto di un toro, cioè di un qualsiasi rigonfiamento rotondo, di una protuberanza, di un nodo; in micologia talvolta anche muscoloso, quindi robusto, tarchiato, similmente a torosus (vedi) ; a forma di guanciale
(Acacia/ Racosperma, Allantoma, Aristea, Brassica, Cabucala, Capparis/ Pleuteron/ Quadrella, Capparis nome ill., Carmichaelia/ Notospartium, Cassia/ C, sophera var., Ceropegia, Chaunanthus, Chilocarpus/ Alyxia/ Neokeithia, Cissampelos, Cymbopetalum, Dactylicapnos/ Capnorchis/ Dicentra, Descurainia, Dorycnium, Echites/ Mesechites, Erysimum/ E. arenicola var., Erysimum nome ill., Goldbachia, Heliophila, Hypecoum, Impatiens, Indigofera/ Anila, Indigofera nome ill., Leavenworthia, Lotus/ L. arabicus var., Ludwigia/ Jussiaea/ J. erecta f./ Oocarpon, Matthiola/ Cheiranthus, Neotorularia/ Dichasianthus/ Hesperis/ Malcolmia/ Sisymbrium/ Torularia, Oenothera, Ornithocarpa, Riocreuxia/ Ceropegia nome ill., Sinapis, Sterigmostemum/ Arthrolobus/ Cheiranthus nome ill./ Sterigma, Thelypodium/ Thelypodiopsis, Trigonella, Urceola/ Chavannesia, Vicia) per il frutto toruloso
(Allocasuarina/ Casuarina, Casuarina nome ill.) per l’aspetto tubercolato dei coni femminili
(Apicra pentagona var./ Haworthia pentagona var.) per gli angoli spugnosi-torulosi del perigonio
(Capsicum, Pseudocapsicum) per le bacche profondamente solcate
(Capsicum nome ill., Elaphrium, Hesperis, Hibiscus, Rosa) motivazione non esplicitata nel protologo
(Castanopsis, Catunaregam/ Limonia, Hibbertia, Randia) per i rami nodosi
(Chrysophyllum) per l’aspetto generale di questo albero definito “arbor torulosa”
(Cupressus/ C. lusitanica subsp.) per l’aspetto toruloso dei ramoscelli, quasi cilindrici e ricoperti di foglie squamose strettamente appressate
(Elytranthe) per i rami irregolarmente lenticellati
(Grammitis/ Ctenopteris/ Enterosora/ Polypodium/ Zygophlebia) per l’aspetto quasi moniliforme delle fronde, dato dai lobi delle pinne, larghi e ottusi, che raggiungono quasi la nervatura centrale
(Gymnocalycium damsii var.) per i tubercoli molto marcati delle costole del fusto
(Malpighia) per i rami giovanili verrucosi
(Matelea) riferimento all’appendice terminale capitata della testa dello stilo, a forma di pomello
(Melaleuca/ Calothamnus, Othonna, Sedum, Tylecodon) per i fusti cilindrici irregolarmente bitorzoluti
(Orophea/ Mezzettiopsis) per i carpelli maturi con un seme per segmento
(Pelargonium) per il fusto prevalentemente sotterraneo succulento e moniliforme
(Phoradendron/ Loranthus/ Viscum) per i rami cilindrici con nodi rigonfi
(Pleopeltis/ Drynaria) per l’aspetto delle fronde fruttifere
(Stelis) rifermento al callo sul dorso del labello
(Aegerita/ Crocysporium) per le ife costituite da cellule nodose e di forma irregolare
(Asterina) per gli sporidi filiformi e torulosi
(Biatorinopsis) per i gonidi torulosi-concatenati
(Chaetomium) riferimento al diametro irregolare delle ramificazioni del peritecio
(Cladosporium herbarum var., Corynespora/ Brachysporium/ Cercospora musarum var./ Deightoniella/ Helminthosporium, Stomiopeltis) per le ife torulose
(Colletotrichum) riferimento alla natura altamente convoluta dei suoi appressori
(Coniocarpon/ Arthonia/ Pertusaria) per gli apoteci allungati torulosi
(Daedalea gibbosa subsp.) per il margine del pileo
(Dendrospora) a forma di barile, riferimento alla forma della cellula conidiale
(Dioicomyces) per le tre gibbosità della parte mediana del peritecio degli esemplari femminili
(Dothiorella/ Sphaeropsis) per gli sporofori
(Fusarium/ Fusidium/ Fusoma) per le spore fusiformi con 6-7 setti che si proiettano irregolarmente nelle connessure
(Fuscoporia/ Boletus/ Mucronoporus/ Phellinus/ Polyporus) per la superficie cosparsa di protuberanze irregolari
(Hydnum/ Sarcodon) per gli stipiti torulosi, quasi come composti da più stipiti
(Isoachlya/ Saprolegnia) per gli ovogoni torulosi
(Macrosporium) per i conidi torulosi
(Merulius) per le pliche torulose, ovvero presumibilmente con restringimenti irregolari
(Panus/ Agaricus/ A. conchatus var./ A. fornicatus subsp./ Lentinus/ Pleuropus/ Pleurotus/ Pocillaria, Russula/ R. queletii var.) muscoloso, riferimento al portamento massiccio
(Pestalotia) per le spore torulose con due setti
(Ramalina gracilenta var./ R. furcellata var., Usnea/ U. barbata var./ U. dasypogoides f.) per i ramoscelli del tallo torulosi
(Rupestriomyces) per i conidi disposti a catena moniliforme
(Saccharomyces/ S. chevalieri var.) per la forma globosa
(Siphula/ Lichen) per i margini granulosi del tallo foglioso
(Tephromela/ T. atra var./ Lecanora atra f.) per gli apoteci più o meno arrotondati e irregolari
(Trinacrium) per gli articoli dei raggi dei conidi, torulosi in quanti costretti da setti
(Xanthoparmelia/ Neofuscelia) per le lacinie torulose del tallo
(Xylaria/ X. digitata var.) per i rami torulosi del corpo fruttifero
(Cereus, Masdevallia/ M. carruthersiana var./ Alaticaulia, Peliosanthes, Salix/ S. arctica subsp., Sonchus, Terminalia - Ceratocystis/ Ophiostoma, Monodictys, Periconia, Rhinocladium/ Sporotrichum, Thelonectria, Tuber) da definire
5810 torvus, a, um da torvus torvo, bieco, truce, detto in origine degli occhi; feroce, crudele, minaccioso: d’aspetto minaccioso o selvaggio
(Crataegus, Solanum, Zanthoxylum/ Fagara) d’aspetto temibile per la presenza di vistose spine
(Cynoglossum) per la superficie interna del mericarpo con prominenti nervature radianti, allusione al riferimento originario agli occhi
(Orecarya) d’aspetto selvaggio, per le setole grossolane ed ampiamente diffuse che ricoprono tutta la pianta
(Taraxacum) presumibilmente per il colore verde scuro nerastro di foglie e capolini
(Atractobolus/ Dasyscyphus/ Lachnum/ Peziza) per gli asci richiusi in un disco urceolato armato all’esterno da vistosi peli rigidi
(Cortinarius/ Agaricus/ Gomphos/ Hydrocybe/ Telamonia) squallido, inquietante per il colore bruno con toni violacei del corpo fruttifero
5811 tournefortii, ii (Acantholimon/ Statice nome ill., Acanthophyllum, Achillea, Agriophyllum, Agropyron/ Triticum, Alhagi, Anblatum, Anchonium/ A. elichrysifolium var., Anoplanthus, Anthyllis, Aristolochia, Astragalus/ A. gummifer subsp./ Astracantha/ Tragacantha, Atraphaxis/ A. billardierei subsp./ Tragopyrum, Ballota, Bunias, Capsicum, Celtis, Centaurea/ Chartolepis, Cerastium, Chenopodium, Cinnamomum, Clematis, Coincya/ Brassica/ B. barrelieri subsp./ Erucastrum, Convolvulus, Crataegus/ Phaenopyrum, Crataegus nome ill., Crocus/ C. boryi subsp., Cupressus/ C. torulosa var., Cynara/ Arcyna/ Bourgaea, Diervilla, Doronicum/ D. plantagineum subsp., Echinophora, Echinops/ Sphaerocephalus, Epilobium/ E. tetragonum subsp., Eryngium, Genista, Geum, Gundelia, Halogeton, Hedypnois, Hutchinsia/ Noccaea, Hymenonema, Hypericum/ H. orientale var., Lathyrus/ Orobus, Lepidium, Limonium/ L. delicatulum subsp./ Statice/ S. delicatula var., Linaria/ Antirrhinum, Lithospermum, Lunaria, Malva, Morina, Noaea/ Anabasis/ Salsola, Onobrychis/ Hedysarum/ Xanthobrychis, Ononis/ Bugranopsis, Onosma, Origanum/ Amaracus/ Beltokon, Phelypaea/ Anoplon/ Diphelypaea, Phillyrea longifolia subsp., Phlomoides/ Eremostachys/ E. laciniata subsp., Plantinia, Primula/ P. auriculata subsp., Prunella, Quercus/ Q. cerris subsp., Reseda, Rhinanthus, Rosmarinus, Rumex, Scaligeria, Scutellaria, Senecio, Sesamella, Sinapis, Sisymbrium, Solenanthus, Solidago, Stachys, Tanacetum, Teucrium saxatile var., Thliphthisa/ Asperula/ Crucianella, Verbascum, Veronica/V. allionii var./ V. officinalis var., Veronica nome ill.) specie dedicate al medico e botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (1656-1708), uno dei massimi botanici prelinneani; formatosi a Montpellier, nel 1683 divenne dimostratore al Jardin des Plantes di Parigi, dove insegnò fino alla morte. Esplorò a fondo la flora provenzale e spagnola e nel 1700-1702 visitò il Levante. Autore di Elemens de botanique ou métode pour connaître les plantes (nella versione latina Institutiones rei herbariae) in cui pubblicò più di 10000 specie raccolte in 698 generi, categoria di cui diede la prima compiuta definizione scientifica. Il suo metodo di classificazione si impose come il più diffuso prima di quello linneano. (Per un approfondimento clicca qui)
5812 Toxicodendron [Anacardiaceae] dal greco τοξικóν toxicón veleno per le punte delle frecce e da δένδρον déndron albero: albero velenoso
5813 Tozzia [Orobanchaceae] genere dedicato dal suo allievo Pier Antonio Micheli a padre Bruno Tozzi (1656-1743), botanico e monaco di Vallombrosa
5814 trábeus, a, um (Agaricus, Botrytis, Cellularia, Collybia, Lenzites, Trametes) da trábea mantello bianco con strisce di porpora
5815 trachélinus, a, um (Agaricus, Calicium, Mycena, Sphaeria) dal greco τρἃχὐς trachýs scabro, ruvido, aspro
5816 Trachélium [Campanulaceae] dal greco τρἀχηλος tráchelos gola, collo: antico nome di una pianta usata per la cura del mal di gola
5817 Trachycárpus [Arecaceae] dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido, aspro e da καρπός carpós frutto: con frutti ruvidi
5818 trachydérmus, a, um (Piper – Humaria, Lecanora, Peziza, Placopsis, Puccinia) dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido, aspro, e da δέρμα dérma pelle: con la corteccia o cuticola ruvida
5819 trachyphyllus, a, um (Agrostis, Armeria, Cordia, Dendrobium, Eupatorium, Euphorbia, Festuca, Poa, Salvia, Senecio, Silene, Vernonia, Xyris) dal greco τρᾱχύς trachýs ruvido, scabro e da φύλλον phýllon foglia: con foglie scabre
5820 tráchypus (Allium, Andropogon, Bulbophyllum, Cassia, Epidendrum, Panicum, Rubus, SennaPolyporus, Laboulbenia, Tubercularia) dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido, aspro e da πούς poús piede, gambo: col gambo ruvido, scabro
5821 trachýsporus, a, um (Bovista, Buellia, Hebeloma, Mycena, Verrucaria)dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido e da σπορά sporá semenza, spora: con spore scabre
5822 Tradescantia [Commelinaceae] genere dedicato da Linneo a a John Tradescant sr. (1570-1638) e al figlio omonimo (1608-1662), giardinieri d'origine olandese alla corte di Sua Maestà Britannica
5823 tradescanti, ii (Aster/ Symphyotrichum) specie dedicata a John Tradescant sr. (~1570-1638) e al figlio omonimo (1608-1662), giardinieri d'origine olandese alla corte di Sua Maestà Britannica
5824 tragacanthus, a, um (Astragalus, Phaca, Silene, Sterculia, Tetraglochin, Vellozia, Xerophyta) dal greco τράγος trágos capro e da ἄκανϑα ácantha spina: pianta spinosa che puzza come un caprone
5825 tráganus, a, um (Agaricus, Chamaeceras, Cortinarius, Gomphos, Marasmius, Phlegmacium) dal greco τράγος trágos capro: per il puzzo emanato
5826 Tragopógon [Asteraceae] dal greco τράγος trágos capro, becco e da πώγων pógon barba: barba di becco
5827 trametélla [Polyporaceae] diminutivo del genere di funghi Trametes (vedi), appartenente alla stessa famiglia
5828 tramétes (Daedalea, Striglia) dal genere di funghi Trametes (vedi): passaggio da genere a epiteto per mutata tassonomia
5829 Trápa [Lythraceae] dal greco τρέπω trépo volgersi, torcersi, cambiate direzione: riferimento alla radichetta primordiale dapprima volta verso l'alto e che poi s'incurva verso il basso
5831 Traunsteinera [Orchidaceae] genere dedicato al botanico Joseph Traunsteiner (1798-1850), farmacista a Kitzbühel (Austria)
5832 traunsteineri, ii (Carduus, Dactylorchis, Dactylorhiza, Draba, Gnaphalium, Omalotheca ×, Orchis, Salix) specie dedicate al botanico Joseph Traunsteiner (1798-1850), farmacista a Kitzbühel (Austria)
5833 trechísporus, a, um (Inocybe, Peziza, Puccinia, Scutellinia, Symphytocarpus) dal greco ionico τρεχύς trechýs scabro, ruvido, aspro, e dal greco σπoρά sporá spora, seme, per le spore da verrucose a finemente aculeate
5834 Trechispora [Hydnodontaceae] dal greco ionico τρεχύς trechýs scabro, ruvido, aspro, e da σπoρά sporá spora, seme: per le spore da verrucose a finemente aculeate
5835 Tremélla [Tremellaceae] da tremere tremare: tremolante, per la consistenza gelatinosa del carpoforo
5836 Tremellochaéte [Auriculariaceae] dal genere di funghi Tremella (vedi) e dal greco χαίτη chaíte chioma, capigliatura: con copertura gelatinosa come quella delle tremelle
5837 Tremellodendrópsis [Tremellodendropsidaceae] dal genere di funghi Tremellodendron (vedi) e dal greco ὄψις opsis aspetto, somiglianza: simile a quel genere
5838 Treméllodon [Auriculariales] dal genere di funghi Tremella (vedi) e dal greco ionico ὀδών odon dente: per la consistenza gelatinosa e per l'imenio ricoperto di piccoli denti
5839 tremellósus, a, um (Auricula, Ciboria, Humaria, Merulius, Uredo) da tremo tremare: tremolante: per la consistenza gelatinosa
5841 trémens (Clitocybe, Galera, Phiscia, Pleurotus, Strigula) da trémo tremare: d'aspetto tremolante
5842 Tremíscus [Auriculariales] dal verbo tremésco/tremísco tremare, tremolare: per la consistenza gelatinosa
5843 triacánthus, a, um, os (Acacia, Asparagus, Barleria, Cactus, Cirsium, Duranta, Genista, Gleditsia, Opuntia, Senegalia, Tragacantha, Trichilia) dal greco τρεῖς treís tre e da ἄκανθα ácantha spina: con tre spine o con spine a tre punte
5844 triánder, ra, rum, rus (Alternathera, Asperula, Calceolaria, Elatine, Epidendrum, Juncus, Lepidium, Narcissus, Osmanthus, Plantago, Salicornia, Salix, Scabiosa, Tristemon) dal greco τρεῖς treís tre e da ἀνήρ, ἀνδρός anér, andrós maschio, elemento maschile: con tre stami
5845 trichadenus, a, um (Cochlidiosperma, Veronica) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo e da ἀδήν, -ένος adén, -énos ghiandola: con peli ghiandolari
5846 Tricháptum [Hymenochaetales] dal greco τρίχαπτος tríchaptos tessuto di peli: per l'aspetto del carpoforo
5847 Tricharia [Gomophillaceae, Pyronemataceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello, treccia: per la presenza della cigliatura al margine del carpoforo
5848 Tricharína [Pyronemataceae] diminutivo del genere Tricharia (vedi): simile a una Tricharia di piccola taglia
5849 Tricháster [Geastraceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello, treccia e dal genere Geaster (vedi): simile a un Geastrum peloso
5850 tríchius, a, um (???) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello, treccia (attinente i capelli o le trecce), probabilmente per gli sporangi formati da filamenti, talvolta disposti a spirale
5851 Trichóbolus [Thelebolaceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello, treccia e da βόλος bólos getto, lancio (da βάλλω bállo lanciare)
5852 trichocalycinus, a, um (Alchemilla, Asyneuma, Campanula, Euphrasia, Minuartia, Onobrychis, Salvia, Silene) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capello, pelo, setola e da κᾱλυξ cályx calice, involcro: con calice peloso o setoloso
5853 trichocéphalus, a, um (Achyrophorus, Bulbophyllum, Carduud, Centaurea, Crepis, Croton, Hieracium, Trifolium, Xyris) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capello, pelo e da κεφαλή cephalé testa: con capolini o sommità pelose
5854 Trichogáster [???] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello e dal genere Geaster (vedi): simile a un Geastrum peloso
5855 Trichoglóssum [Geoglossaceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capello, capigliatura, pelo e da γλῶσσα glóssa lingua: con una lingua pelosa, per il carpoforo linguiforme finemente villoso
6328 tinaei (Hemionitis/ Allosorus/ Cheilanthes/ C. pteridioides subsp./ Oeosporangium, Iris/ I. australis var./ I. pallida subsp.) specie coltivate nell’orto botanico di Palermo o conservate nell’erbario dello stesso; dedicate a uno dei due botanici Tineo: Giuseppe (1757-1812) fondatore dell'Orto Botanico di Palermo o suo figlio Vincenzo (1791-1856) che gli successe
6329 transsylvanicus, a, um (Alyssum, Calamagrostis, Cnicus, Czekelia, Dianthus, Erica, Geranium, Lepicephalus, Myosotis, Pycnomon) della Transilvania, regione storico-geografica della Romania Centrale
6585 transalpinus, a, um (Carduus, Centaurea, Carex, Crataegus, Heliotropium, Hieracium, Knautia, Rosa, Rubus ×) dal prefisso trans- al di là e da alpinus delle Alpi: d'oltralpe
6591 todaroi (Agave, Aira, Arabis, Botryanthus, Centaurea/ C. panormitana subsp./ C. ucriae subsp., Colchicum autumnale var., Gaudinia, Mentha, Orchis, Orobanche, Poa, Polygonum, Quercus, Serapias, Syagrus coronata var./ Cocos coronata var.) specie dedicate al botanico italiano Agostino Todaro (1818-1892); avvocato di professione, coltivò la passione per la botanica, e dopo la morte di Vincenzo Tineo lo sostituì come docente di botanica presso l’Università di Palermo e come direttore dell’orto botanico di Palermo; fu anche senatore del regno
6732 tremolsii (Amaranthus ×, Epipactis, Euphrasia ×, Juniperus, Limonium, Senecio, Statice, Urtica) in onore del botanico spagnolo Frederico Trémols y Borrell (1831-1900)
6846 tisonianus, a, um (Gagea, Santolina decumbens subsp.) taxa dedicati al botanico francese Jean-Marc Tison (1960 -), autore di Flora Gallica e Flore de France mediterranéenne continentale
7076 tiroliensis, e (Androsace, Centaurea, Delphinium/ D. elatum subsp., Gentiana, Jacobaea abrotanifolia subsp./ Senecio, Oxytropis/ O. campestris var./ Astragalus, Potentilla, Saxifraga ×, Taraxacum, Viola × - Bagliettoa sphinctrina f./ Polyblastia sphinctrina f./ Verrucaria sphinctrina var., Biatorella, Involucrothele, Leptosphaeria, Ochrolechia/ Pertusaria, Niesslia/ Coleroa, Parvoplaca/ Caloplaca, Placidiopsis, Psorothecium, Psorotichia, Thelidium) del Tirolo, regione dell'Austria sudoccidentale, tirolese
7094 thurifer, erus, era, erum dal latino turifer, composto di t(h)us, t(h)uris incenso, a sua volta dal greco θύoς thýos intensamente profumato, e da fero portare: portatore d’incenso, per la presenza di oli essenziali profumati o perché se ne ricavano resine bruciate come incenso
(Anisoptera/ Dipterocarpus/ Mocanera, Boswellia, Clusia/ Dillenia, Flourensia/ Diomedea/ Helianthus, Ingenhouzia, Robinsonia/ Senecio) per la resina che se ne estrae e bruciata rende un odore aromatico
(Croton/ Oxydectes) per il gradevolissimo profumo
(Daniellia, Juniperus nome inv./ Chamaecyparis/ Cupressus, Cupressus nome ill.) per la resina profumata
(Juniperus/ J. foetida var./ Sabina) per gli oli essenziali che se ne distillano
(Osmunda) per le fronde profumate
7253 thuringiacus, a, um (Aceras hircinum var., Carex/ C. flacca var./ C. glauca var., Coeloglossum viride var., Epilobium ×, Hedlundia ×/ Aria ×/ Pyrus, Sorbus ×/ S. × pinnatifida var./ S. semipinnata var., Hieracium, Lavatera sensu act., Malva/ Althaea/ Lavatera/ Olbia, Melica ×/ M. ciliata subsp., Mentha ×, Polygala, Potentilla/ P. chrysantha subsp., Rosa, Rumex ×) della Turingia, regione storica della Germania centro-orientale
7274 transsilvanicus, a, um (Allium, Astrantia, Anemone, Artemisia, Campanula, Crepis, Melica, Poa, Seseli) della Transilvania, regione storico-geografica della Romania Centrale
7498 tillaea (Crassula) specie dedicata, con passaggio da nome generico a epiteto, a Michelangelo Tilli (1655-1740), medico e botanico toscano alla corte di Cosimo III de' Medici; viaggiò nelle Baleari e a Costantinopoli, quindi fu nominato prefetto del Giardino dei Semplici a Pisa. Fu tra i primi in Italia a utilizzare serre, rendendo possibile la coltivazione di ananas e caffè
7535 tragium (Apium, Pimpinella) dal greco τράγιον trágion nome di una pianta non ben identificata il cui nome deriverebbe da τράγος trágos becco, capro, per l'odore sgradevole
7559 tobira
  • (Pittosporum/ Euonymus) dal giapponese tobira, porta (in Kanji 扉の木, tobira no ki, albero della porta), per l'usanza di esporne la frasca sull'ingresso delle abitazioni a scopo apotropaico oppure per coprire l’odore delle teste di pesce durante il Setsubun
  • (Asteromella/ Phyllostica) Ascomycota agente di necrosi, che prende il nome della pianta ospite (Pittosporum tobira)
7568 trachyspermus, a, um dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido e da σπέρμα spérma seme:
  • (Chamaesyce, Cleome, Commelina, Euphorbia, Galium, Lathyrus, Polanisia, Ranunculus, Scirpus, Villarsia) con semi ruvidi
  • (Arachniotus, Cortinarius, Inocybe, Schiffnerula, Talaromyces) con spore scabre
7588 tremulus, a, um tremulo, tremolante, da tremo tremare:
  • (Populus) per le foglie che si agitano al più leggero soffio di vento a causa del picciolo lungo e piatto
  • (Adiantum, Aira, Andropogon, Asplenium, Eupatorium, Hieracium, Justicia, Poa, Pteris, Restio, Schefflera, Sporobolus, Utricularia) per la presenza di organi (foglie, antere, spighette, fiori) sostenuti da esili connessioni e pertanto tremuli
7662 tinctorum (Combretum, Desmodium, Dyschoriste/ Sautiera, Galium, Hypericum, Lachnanthes/ Dilatris/ Girotheca/ Heritiera/ Petagnana, Rubia/ R. peregrina subsp.) genitivo plurale di tinctor tintore: dei tintori, che utilizzavano queste piante per tingere stoffe
7667 traunfellneri, ii (Hecatonia, Ranunculus) in onore del botanico austriaco Aloys Traunfellner (1782-1840), farmacista a Klagenfurt
7711 transiens da transĕo trasformarsi, mutarsi:
  • (Alyssum, Aster, Hieracium, Orchis, Quercus, Setaria) che si trasforma, che muta d'aspetto
  • (Russula) per i colori mutevoli
7742 tragus (Arnoldia, Calendula, Castalis, Dimorphoteca, Kali, Salsola) dal greco greco τράγος trágos caprone, becco: probabilmente per l'odore sgradevole
7810 thymbra (Satureja/ Clinopodium/ Micromeria) dal greco θύμβρα thýmbra, di etimo sconosciuto, forse di origine pregreca, che indicava una pianta aromatica, sorta di santoreggia
7891 torminalis, e (Aria/ Azarolus/ Crataegus/ Hahnia/ Lazarolus/ Malus/ Mespilus/ Pyrenia/ Pyrus/ Sorbus/ Torminaria) da tormína colica, a sua volta da torqueo torcere, tormentare, torturare: in grado di lenire le coliche; i frutti del ciavardello, ricchi di tannini, sono impiegati in erboristeria nel trattamento delle coliche dello stomaco e intestinali
7980 tineoi (Allium, Brassica/ B. villosa subsp., Bryonia, Canna, Cereus, Cuscuta/ C. australis subsp./ Grammica australis subsp., Gladiolus, Hippomarathrum, Limonium/ Statice, Limonium nome ill., Melica, Mentha, Myosotis, Narcissus/ N. patulus var., Orobanche, Papaver, Pelargonium, Potentilla parviflora var., Poterium, Pyrus, Serrafalcus, Thlaspi/ T. perfoliatum subsp.) specie dedicate a uno dei due Tineo: Giuseppe (1757-1812), fondatore dell'Orto Botanico di Palermo, o suo figlio Vincenzo (1791-1856) che gli successe nella direzione dell'Orto Botanico
7984 Thymelaea [Thymelaeaceae] dal greco θυμελαία thumelaía timelea, crasi tra θύμος thúmos timo e ελαία elaía, in riferimento rispettivamente al portamento basso e arbustivo la prima parte, alle foglie lineari-lanceolate a margini interi la seconda parte; l’accurata descrizione di Plinio ha permesso di identificare la pianta degli antichi con Daphne gnidium, appartenente alla stessa famiglia
7990 Tolpis [Asteraceae] dal greco τολῠπη tolȳpe gomitolo, pallottola: per la forma del ricettacolo che si presenta rigonfio
7991 Tommasinia [Apiaceae] in onore del botanico italiano Muzio (Giuseppe Spirito de) Tommasini (o Mutius J. S. Ritter von Tommasini/Mutius Josephus Spiritus de Tommasini, 1794-1879), podestà di Trieste e studioso della flora illirica; partecipò a importanti spedizioni con Bartolomeo Biasoletto e insieme a Raimondo Tominz curò il primo catalogo del futuro Orto botanico di Trieste
7993 Torilis [Apiaceae] denominazione di Adanson, con la prima parte inspiegabile secondo Genaust, forse ricavata dal genere Tordylium (vedi) secondo altri, e la seconda ricavata dal genere Caucalis (vedi)
7995 Trachelospermum [Apocynaceae] dal greco τρἀχηλος tráchelos collo, trachea e da σπέρμα spérma seme: per la somiglianza dei semi con gli anelli della colonna tracheale
7996 Trachomitum [Apocynaceae] dal greco τρᾱχύς trachýs ruvido, scabro e da μίτος mítos filo: secondo Helmut Genaust dalla pianta si ricaverebbe un filamento ruvido lucente, una fibra grezza tipo rafia, adatta per cordami e prodotti grossolani
7997 Trachynia [Poaceae] dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido
7999 Tribulus [Zygophyllaceae] dal greco τρίβολος tríbolos ferro con punte che veniva gettato a terra per ostacolare il passaggio della cavalleria nemica: riferimento ai frutti dotati di spine vistose
8012 Tofieldia [Tofieldiaceae] genere dedicato da William Hudson al botanico inglese Thomas Tofield (1730-1779), come ringraziamento delle informazioni di cui si servì per Flora Anglica; era un ardente studioso della flora britannica di cui formò un erbario; come ingegnere civile fu coinvolto nel drenaggio del Potteric Carr nello Yorkshire
8059 tinus (Cestrum, Euonumus, Viburnum) da tinus, sorta di alloro selvatico citato da Plinio, Ovidio e Virgilio, di etimo ignoto
8081 tineorum (Viola) specie dedicata ai due botanici siciliani Tineo: Giuseppe (1757-1812), fondatore e direttore dell'Orto Botanico di Palermo (1789-1812) e suo figlio Vincenzo (1791-1856) che gli successe nella direzione dell'Orto Botanico
8303 Tremastelma [Dipsacaceae] dal greco τρημα trema pertugio, orifizio e da στέμμα stémma corona
8350 tirolensis, e (Achillea, Alchemilla/ A. vulgaris var., Alnus, Anthyllis, Biscutella/ B. longifolia subsp., Cirsium ×, Euphrasia, Geum ×, Phyteuma pauciflorum var., Potentilla, Rosa - Ascochyta, Colletotrichum pyri f./ Colletotrichopsis pyri f., Coniothyrium, Crepidotus, Cryptodiscus, Gloeosporium pruinosum var., Melanconis marginalis subsp., Mortierella, Mycosphaerella/ Carlia/ Sphaerella, Olla/ Pezizella, Patinella, Penicillium, Phyllachora, Phyllosticta, Platysporoides/ Clathrospora, Puccinia, Ramularia, Ramulaspera salicina var./ Phacellium salicinum var./ Ramularia salicina var., Sphaerulina, Venturia, Verrucaria) del Tirolo, regione storico-geografica situata fra Austria e Italia, tirolese
(Sarcoglottis) di El Tirol, località a nord est di Encarnacion (Paraguay)
8358 tornabeni, ii, ei (Atriplex/ A. tataricus subsp., Carex) specie dedicate al religioso e botanico italiano Francesco Tornabene Roccaforte (1813-1897); priore del convento benedettino di S. Nicola di Catania, lavorò al riordino della biblioteca del monastero; per le sue ricerche di botanica ottenne la cattedra presso l’Università di Catania, di cui fondò l’orto botanico. Fu autore di opere di biblioteconomia e di botanica siciliana
8409 tournefortianus, a, um (Althaea, Angelica, Artemisia, Chenopodium, Crocus, Cytisus, Eryngium, Hieracium/ H. alatum subsp. / H. juranum subsp. / H. vogesiacum subsp., Malva/ M. alcea subsp./ M. moschata subsp./ Bismalva) specie dedicate al medico e botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (1656-1708), uno dei massimi botanici prelinneani; formatosi a Montpellier, nel 1683 divenne dimostratore al Jardin des Plantes di Parigi, dove insegnò fino alla morte. Esplorò a fondo la flora provenzale e spagnola e nel 1700-1702 visitò il Levante. Autore di Elemens de botanique ou métode pour connaître les plantes (nella versione latina Institutiones rei herbariae) in cui pubblicò più di 10000 specie raccolte in 698 generi, categoria di cui diede la prima compiuta definizione scientifica. Il suo metodo di classificazione si impose come il più diffuso prima di quello linneano. (Per un approfondimento clicca qui)
8439 transylvanicus, a, um (Anemone, Bromus, Scabiosa, Sempervivum, Senecio, Succisa) della Transilvania, regione storico-geografica della Romania Centrale
8545 thulini, ii (Aneilema pusillum subsp., Blepharis, Cenchrus/ Pennisetum, Echidnopsis, Euphorbia, Ichthyostoma, Peddiea, Phyllanthus/ Moeroris, Pleuropterantha, Vernonia, Wahlenbergia) in onore del botanico svedese Mats Thulin (1948- vivente), professore emerito dell’Università di Uppsala, specialista di Fabaceae, delle Campanulaceae africane e della flora del Corno d’Africa
8616 ticinensis, e (Anacamptis ×/ A. simorrensis subsp./ × Anacamptorchis/ A. simorrensis var. ticinensis, Festuca/ F. ovina subsp., Silene, Asplenium ×/ A. adiantum-nigrum subsp. – Hypoxylon, Lecanora sambuci var., Mycena, Phaeophyscia/ Physcia/ P. virella f.) del Canton Ticino, cantone del sud della Svizzera di lingua italiana
(Camellia sinensis f./ C. thea f.) di Pavia, dal nome latino Ticinum; questa varietà resistente al clima padano fu selezionata nell’orto botanico di Pavia da Gino Pollacci, nella speranza di avviare una coltivazione italiana del tè
(Veronica) delle sponde del Ticino, fiume che nasce in Svizzera nell'omonimo cantone e scorre in Piemonte e Lombardia
(Cercospora, Peltigera/ P. horizontalis f., Sporormia, Sporotrichum) di Pavia o dei suoi dintorni, dal nome latino Ticinum
8644 toluensis, e (Genista) del Monte Tului, nei pressi del comune di Dorgali (NU) in Sardegna
8686 triangularis, e (Acetosella, Adiantum, Aechmea, Alchemilla, Astragalus, Bulbostylis, Cactus, Campanula, Chenopodium, Dioscorea, Erodium, Genista, Geraniium, Hieracium, Poa, Portulaca, Rumex, Senecio) triangolare, con tre angoli
8741 tonalensis, e (Cirsium ×, Hieracium) del Passo del Tonale, valico alpino nelle Alpi Retiche meridionali fra le province di Brescia e Trento
(Mammillaria/ Escobariopsis/ Oehmea) di Puente de Tonala, stato di Oaxaca (Messico)
(Salvia, Spermacoce/ Borreria) della Sierra de Tonalà, Chapas (Messico)
8762 torrigliensis, e (Hieracium) di Torriglia, comune ligure in provincia di Genova
8798 trabutianus, a, um (Astragalus/ A. cruciatus subsp., Avena, Convolvulus, Limodorum/ L. abortivum subsp./ Centrosis, Phalaris ×, Populus, Quercus ×, Saxifraga – Anthostomella, Bispora, Botryosphaeria/ Melanops/ Physalospora, Neottiella, Phoma, Ustilago) specie dedicate al medico, botanico e micologo francese Louis Charles Trabut (1853-1929), professore di scienze naturali alla facoltà di medicina e farmacia di Algeri che erborizzò in Francia, Algeria e altri paesi africani; autore di diverse opere sulla flora algerina in collaborazione con Jules Aimé Battandier
8836 tribracteatus, a, um (Allium, Androsace, Chirita, Ficinia, Gesniera, Justicia, Lythrum, Ononis, Psychotria, Ruschia, Sinningia, Uragoga, Utricularia) da tres/ tris tre e dal latino botanico bractea brattea: con tre brattee
8905 tigulianus, a, um (Isoetes, Limonium/ L. merxmuelleri subsp.) originario di Tigula, antico nome di Capo Teulada, punta all'estremo Sud della Sardegna
8911 toddei (Diantus ichnusae ssp.) in ricordo del naturalista Sergio Todde (1962-2006) a cui è anche intitolato il Giardino Botanico di Torre Canai a Sant'Antioco (Sardegna)
8935 trichodes (Acacia, Aira, Asperula, Bromus, Carex, Eragrostis, Festuca, Hieracium, Juncus, Miconia, Mimosa, Pilosella, Poa, Rubus, Sporobolos) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capello e da εἷδος eídos sembianza: simile a capelli, per le foglie filiformi
8951 tinctilingua (Hieraciium ×/ Pilosella) da tinctus colorato, dipinto e da lingua ligua: con ligule colorate
8961 timoleontis (Poa) specie dedicata al botanico francese Theophile Antoine Timoleon Ternisien (1804-1879)
8971 thyrsiflorus, a, um da thyrsus tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e da flos, floris fiore: con fiori disposti in un tirso, ovvero in un’infiorescenza composta di tipo misto, eterogenea, generalmente di forma di pannocchia molto condensata, in cui l'asse principale di tipo indefinito (racemoso) porta numerosi rami laterali e opposti definiti (cimosi) semplici o composti. Epiteto di largo impiego (circa 250 occorrenze, una sessantina accettate).
9000 tibulatius, a, um (Limonium) da Tibula, antica città fortificata della Sardegna situata secondo alcuni all'estremità settentrionale dell'isola, probabilmente dove si trova l'attuale Santa Teresa di Gallura, zona in cui vegeta questa specie
9027 triangulivalvis, e (Rumex) da triangulus triangolare e da valva valva, anta: con valve triangolari
9146 Trichocereus [Cactaceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello e dal genere Cereus (vedi): Cereus peloso
9161 townsendi, ii (Afroligusticum/ Peucedanum, Astragalus, Hemicrambe, Pfaffia – Fissidens, Hypnum cupressiforme var., Taxiphyllum) in onore del botanico e briologo britannico Clifford Charles Townsend (1926 – 2018), ufficiale scientifico principale dei Kew Gardens; fece spedizioni in Giordania, India, Sri Lanka, Pakistan e Africa centrale ed orientale e collaborò come tassonomista a varie pubblicazioni; dopo il pensionamento, guidò come esperto crociere e viaggi botanici in varie parti del mondo
(Atelophragma, Bidens, Burnellia/ Coreopsis, Cactus, Carex/ C. echinata subsp., Cirsium/ C. ochrocentrum var., Drymaria, Fuchsia, Gentiana, Heuchera, Mimosa, Parnassia, Parosela, Piper, Phoradendron, Potentilla, Prionosciadium, Ranunculus, Salvia, Senecio, Teucrium, Verbena, Viguiera deltoidea var.) in onore dell’entomologo statunitense Charles Henry Tyler Townsend (1863 –1944); descrisse oltre 3000 nuove specie e 1491 generi di insetti, soprattutto Ditteri. Fece anche rilevanti raccolte botaniche durante i suoi soggiorni in Messico (insieme al socio e collaboratore Charles Melvil Barber), Perù, Ecuador e Brasile
(Erigeron pulchellus var.) in onore di Edward C. Townsend che fece raccolte nella regione di Tryon (North Carolina) alla fine dell’Ottocento
(Sporobolus × townsendii/ Spartina ×/ S. stricta subsp.) in onore del bancario e botanico dilettante statunitense David Townsend (1787-1858); tesoriere della contea di Chester e primo direttore della Banca nazionale della Contea di Chester, insieme all’amico e collega William Darlington fece parte di un’associazione locale di botanica e corrispose con molti botanici tra cui Hooker al quale inviò molti campioni d’erbario
(Veronica) in onore di un non meglio noto E. Townsend o Townsends
9175 tirsa (Stipa/ S. pennata subsp.) dal nome vernacolare di questa pianta nella steppa russa, che potrebbe derivare da un prestito rumeno tirsaca, tirsoaga “barba di maiale”, Bromus inermis, in riferimento alle reste più lunghe del fiore
9182 Thujopsis [Cupressaceae] dal genere Thuja (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza: simile a una Thuja
9256 thuillieri (Antirrhinum, Centaurea/ C. debeauxii var., Deschampsia, Galium commune var., Linaria, Rosa, Rubus) in onore del giardiniere e botanico francese Jean Louis Thuillier (1757-1822) che raccoglieva e commercializzava erbari nella regione parigina, autore di Flore des environs de Paris
9257 todarii (Colchicum, Odontites) in onore del botanico italiano Agostino Todaro (1818-1892); avvocato di professione, coltivò la passione per la botanica, e dopo la morte di Vincenzo Tineo lo sostituì come docente di botanica presso l’Università di Palermo e come direttore dell’orto botanico di Palermo; fu anche senatore del regno
9285 Thyselium [Apiaceae] dal greco θύoς thýos odoroso, profumato e da σελινον selinon sedano, prezzemolo: sedano o prezzemolo aromatico
9308 trachyodon dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido e da ὀδών odón dente:
  • (Equisetum, Hieracium) con denti ruvidi
  • (Hydnum, Irpex) da definire
9340 timeroyi (Amaranthus, Galium/ G. commune var./ G. jordanii var., Iberis, Knautia/ Scabiosa/ Trichera, Lythrum/ Peplis/ Portula, Medicago, Rosa, Thalictrum ×) in onore del botanico francese Marc Antoine Timeroy (1793-1856), membro della Societé linnénne de Lyon e della Societé d’agricolture de Lyon, fece intese raccolte nei dintorni di Lione
9597 thyrsanthus, a, um (Jatropha, Lysimachia, Ostodes/ O. paniculata var., Rubus/ R. fruticosus var.) dal greco θυρσός thyrsós tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e da ἄνϑοϛ ánthos fiore: con fiori disposti in un tirso
9629 torreyi (Abronia, Acer/ A. glabrum subsp., Aegochloa, Agrostis nome ill., Amaranthus/ Amblogyna, Anthericum/ Hesperanthes, Aster, Astragalus, Atriplex/ A. lentiformis subsp./ Obione, Avena, Brodiaea, Carex, Collinsia, Cornus, Cryptantha, Cyperus, Dicliptera/ Diapedium, Diplacus/ Eunanus/ Mimulus, Eucrypta/ Ellisia/ Nyctelea, Euploca/ Heliotropium, Funastrum/ Philibertella/ Philibertia/ Sarcostemma, Galium, Gomphocarpus, Gratiola, Haplopappus validus subsp., Hosackia/ Lotus/ L. oblongifolius var., Juglans, Juncus/ Verojuncus, Lathyrus, Lechea/ L. cinera var., Lemna, Lithospermum/ L. ruderale var./ Batschia, Lomatium/ Cogswellia/ Peucedanum, Ludwigia glandulosa var., Lupinus/ L. lepidus var., Lupinus aridus var., Lycium, Malacothrix/ M. sonchoides var., Mentzelia, Muhlenbergia/ Agrostis, Neillia, Panicum, Penstemon/ P. barbatus var., Penstemon nome ill., Phyllospadix, Physocarpus, Plagiobothrys/ Eritrichium, Platystemon/ Meconella californica var., Polygala, Polygonum, Pycnanthemum/ Koellia, Rhynchosia/ Dolicholus, Schoenoplectus/ Scirpus, Sedum, Sida, Solanum, Utricularia striata var., Vauquelinia, Yucca, Zanthoxylum) in onore del medico, chimico e botanico statunitense John Torrey (1796-1873); per qualche anno tenne uno studio medico a New York, mentre dedicava il tempo libero alla botanica; tra i fondatori del New York Lyceum of Natural History (oggi New York Academy of Science), pubblicò tra l’altro Flora of the Northern and Middle State in cui fu tra i primi ad usare il sistema di Lindley. Entrato nell’esercito, fu professore di chimica e geologia a West Point, poi insegnò chimica a Princeton, chimica, mineralogia e botanica all’Università della città di New York, botanica e chimica alla scuola di medicina della Columbia University. Nominato nel 1836 botanico dello Stato di New York, con l’assistenza dell’allievo Asa Gray pubblicò i primi volumi di The Flora of North America. Ebbe ruoli rilevanti nelle istituzioni scientifiche newyorkesi e dal 1873 fu il primo presidente del Torrey Botanical Club, la prima società botanica degli Stati Uniti
9692 thymoides (Acinos, Anthospermum, Baeckea, Bolanthus, Convolvulus, Cunila/ Hedeoma/ Ziziphora, Cuphea, Darwinia/ Genetyllis/ Hedaroma, Erica, Eriogonum, Evolvulus alsinoides var., Gardoquia, Glechon, Gravesia/ Phornothamnus, Hedeoma nome ill., Heliotropium, Indigofera/ Anil, Leucas, Lippia, Melaleuca/ Myrtoleucodendron, Mentha pulegium var., Micromeria/ Clinopodium/ Satureja nome ill./ S. graeca var., Micromeria nome ill./ M. varia subsp./ Satureja/ S. ericifolia subsp./ S. varia subsp., Ocimum, Phyllanthus/ P. hirtellus/ Diasperus, Plocama/ Gaillonia/ Neogaillonia, Rotala, Salix, Salvia, Satureja nome ill., Staelia, Statice, Teucrium/ T. polium subsp., Thymopsis/ Neothymopsis/ Tetranthus, Verbena/ Glandularia, Verbena nome ill., Veronica) dal genere Thymus (vedi) e dal greco εἶδος eídos aspetto: simile a un timo per il portamento generale e/o le foglie
(Dalea, Frankenia) per il portamento simile a Thymus vulgaris
9698 triaristatus, a, um
    da tres/ tris tre e da arista resta della spiga:
  • (Aegilops, Agrostis, Aira, Apera, Avena, Bromus, Koeleria, Lepturopsis, Rhytachne, Triodia, Triticum) dotato di tre reste
  • (Franklandia, Stelis, Stevia, Trifolium) da definire
9784 trachyticus, a, um (Aster, Knautia, Marrubium, Ranunculus) dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido, aspro
9888 tribuloides (Astragalus, Carex, Dendrobium, Epidendrum, Euphorbia, Medicago, Opuntia, Pedicularis, Quercus, Tribulago) dal genere Tribulus (vedi) e dal greco εἶδος eídos sembianza: simile alle piante di quel genere
9923 tricephalodes (Cirsium) da tricephalus (vedi), epiteto di una specie e dal greco εἶδος eídos aspetto: simile alla specie tricephala
9924 tricephalus, a, um (Aster, Calea, Cirsium, Hieracium, Juncus, Mimosa, Psychotria, Pteronia, Senecio, Uragoga, Vernonia) dal greco τρεῖς treís tre e da κεφαλή cephalé testa, capo: con tre capolini o sommità
10056 thyrrenicus, a, um (Bacidia) dal greco Τυρρενός Tyrrenos Tirreno, dal nome di un'antica popolazione poi confluita negli etruschi: della costa tirrenica, toscano
10211 trachselianus, a, um (Hieracium, Thymus) in onore del botanico svizzero Kaspar (Caspar) Trachsel (1788-1832)
10418 thyrsoideus, a, um dal greco θυρσός thyrsós tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e da εἶδος eídos sembianza; epiteto di largo impiego (quasi 300 occorrenze, una cinquantina accettate); si riferisce a specie con infiorescenze composte più o meno simili a tirsi (Cestrum, Vriesea) o più specificamente con infiorescenza tirsoide, simile al tirso in cui l'asse principale è un racemo di cime, ma che a differenza del tirso termina con un fiore (Erysimum, Straurogyne)
10556 thureti, ii (Cirsium, Fumaria/ F. petteri subsp., Garrya ×, Huernia/ Ceropegia/ Stapelia, Jacobaea/ Senecio, Rosa – Arthopyrenia/ A. chlorotica var./ Opegrapha/ Porina/ Sagedia/ Spermatodium/ Verrucaria, Rhabdospora/ Septoria, Saprolegnia - Acinetospora pusilla var., Acrochaetium/ Audouinella/ Chantransia/ Rhodochorton, Aegeococcus, Campylodiscus, Choreonema/ Endosiphonia/ Melobesia, Closterium, Ectocarpus, Pilocladus/ Streblonema, Pyropia/ Porphyra, Ulva, Vaucheria) in onore del diplomatico, botanico, algologo e micologo francese Gustave Adolphe Thuret (1817-1875); durante la carriera diplomatica, studiò la flora orientale, quindi si dedicò soprattutto allo studio delle alghe della costa atlantica francese; trasferitosi ad Antibes, creò il Jardin botanique de la Villa Thuret
10656 tillieri (Sisymbrium) secondo Valbusa, specie dedicata da Bellardi al Sig. Paul Tillier, nobile valdostano, di cui non si hanno altre notizie; il dedicatario potrebbe invece essere il barnabita, botanico e matematico Bernardo de Tillier (1770-1820), membro dell’accademia delle scienze di Torino, corrispondente di Bellardi e Balbis, cui comunicò molti esemplari raccolti nei dintorni di Aosta
10666 tortilobus, a, um (Argostemma, Taraxacum) da tortus torto, ritorto, storto e da lobus lobo: dai lobi ritorti
10667 tortilobiformis, e (Taraxacum) da tortilobus (vedi), epiteto di una specie congenere, e da forma aspetto: simile alla specie tortilobum
10684 Thysselinum [Apiaceae] dal greco θύoς thýos odoroso, intensamente profumato e da σελινον selinon sedano: sedano, prezzemolo: sedano o prezzemolo aromatico
10686 Tinea [Orchidaceae] genere dedicato al botanico Giuseppe Tineo (1757-1812), fondatore e primo direttore dell'Orto Botanico di Palermo
10687 Tithymalus [Euphorbiaceae] dal greco τιϑύμαλλος tithýmallos, nome di alcune specie di euforbia secernenti un lattice biancastro e caustico
10689 Tournefortia [Boraginaceae]genere dedicato da Linneo al medico e botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (1656-1708), uno dei massimi botanici prelinneani; formatosi a Montpellier, nel 1683 divenne dimostratore al Jardin des Plantes di Parigi, dove insegnò fino alla morte. Esplorò a fondo la flora provenzale e spagnola e nel 1700-1702 visitò il Levante. Autore di Elemens de botanique ou métode pour connaître les plantes (nella versione latina Institutiones rei herbariae) in cui pubblicò più di 10000 specie raccolte in 698 generi, categoria di cui diede la prima compiuta definizione scientifica. Il suo metodo di classificazione si impose come il più diffuso prima di quello linneano. (Per un approfondimento clicca qui)
10691 Triadenia [Clusiaceae] dal greco τρεῖς treís tre e da ἀδήν, -ένος adén, -énos ghiandola: con tre ghiandole
10693 Thrincia [Asteraceae] dal greco θριγκóς thrincós fregio, corona: allusione al pappo piumoso
10694 Tournesolia [Euphorbiaceae] dal francese tournesol in italiano tornasole: colorante blu-viola usato nel medioevo per manoscritti miniati e come colorante alimentare, probabilmente estratto da questa pianta attualmente chiamata Chrozophora tinctoria
10695 Tovara [Polygonaceae] genere dedicato al medico spagnolo di origine portoghese Simon de Tovar (1528-1596), che, stabilitosi a Siviglia, si inserì nel commercio triangolare, arricchendosi con la compravendita di schiavi neri dell’Africa, metalli preziosi e droghe esotiche dal Nuovo mondo; il suo giardino ebbe un ruolo importante nell’introduzione di piante americane ed era considerato il più ricco del paese. Pubblicò due testi di terapeutica farmacologica, uno a Siviglia, l’altro ad Anversa per i tipi di Plantin. Attraverso l’amicizia comune con l’erudito Benito Arias Montano, entrò in contatto e scambiò piante con Clusio
10696 Toxylon [Moraceae] dal greco τοξον toxon arco e da ξύλον xýlon legno: legno per archi, per l'uso dei nativi d'America di utilizzarne il legno nel costruire archi
10757 tolstoii
  • (Hieracium) dedica allo scrittore e filosofo russo Lev Nikolaevic Tolstoj (1828-1910) che nel suo storico giardino di Tula fece piantare meli provenienti dalla Valle di Non (TN)
  • ( Lecidea, Lopadium) Tolstoj Nos è la località di raccolta dei tipo (Siberia)
10823 toxa errata grafia per toza (vedi)
10824 Tinguarra [Apiaceae] genere dedicato a Tinguaro, fratello del sovrano aborigeno Bencomo, che combattè contro i conquistadores nell'isola di Tenerife alla fine del XV secolo
10946 Tillandsia [Bromeliaceae] genere dedicato da Linneo a Elias Enrici Tillandz (anche Til-Landz e Tillander, 1640-1693), medico, botanico, briologo e micologo svedese, professore di medicina all’università di Åbo/ Turku, di cui fondò l’orto botanico, autore della prima opera di botanica stampata in Finlandia, una flora di Turku e dei suoi dintorni.  Per maggiori informazioni clicca qui
10947 Titanopsis [Aizoaceae] dal greco τίτανος títanos calce, gesso e da ὄψις ópsis aspetto, somiglianza: simile a calcare, perché T. calcarea vive su affioramenti calcarei e le foglie hanno macchie biancastre che le mimetizzano nell'ambiente
10950 Tibouchina [Melastomataceae] da tibouch, nome vernacolare di questa pianta in uso nella Guyana francese
10951 Tithonia [Asteraceae] aggettivo femminile derivato da Thitonus Titone, mitico personaggio troiano figlio di Laomedonte, in riferimento alla sposa Eos, nella mitologia greca dea dell'alba; allusione al colore rosso aranciato dei fiori di T. rotundifolia, simile a quello del cielo all’alba
10961 toza (Quercus) dal nome vernacolare sudafricano
11027 Trichera [Dipsacaceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs peli, capelli: riferimento ali lembi del calice
11281 timahensis, e (Cryptocoryne ×) della riserva naturale Bukit Timah di Singapore
11425 Trachystemon [Boraginaceae] dal greco τρᾱχύς trachýs ruvido, scabro e da στήμων stēmōn stame: con stami scabri
11500 trichocarpus, a, um, on (Carex, Draba, Epidendrum, Lotus, Ormocarpum, Piper, Populus) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello, capigliatura e da καρπός carpόs frutto: dai frutti pelosi
11505 tirucalli, ii (Arthrothamnus/ Euphorbia/ Tirucalia) epiteto coniato da Linneo riprendendo il nome vernacolare di queste piante utilizzato dai nativi della regione indiana del Malabar
11637 Torenia [Linderniaceae] in onore del rev. Olof Torén (1718-1753), botanico svedese e raccoglitore di piante, allievo di Linneo, cappellano di bordo per la Swedish East India Company, viaggiò in India, Surat e Cina; (Per un approfondimento clicca qui)
11655 Thrinax [Arecaceae] dal greco θρῖναξ thrinax tridente: riferimento alle foglie flabellate tipiche delle palme a ventaglio
11656 thunbergianus, a, um (Adenophora, Agathosma/ Diosma/ Hartogia, Agathosma nome ill., Artemisia, Asparagus, Atriplex, Bonamia/ Convolvulus, Brunia, Bryonia, Canthium, Carpesium, Cassia, Crassula, Crotalaria, Deutzia, Diascia, Dobrowskya, Dodonaea, Epimedium grandiflorum var., Eragrostis, Euonymus, Galium, Grammatotheca erinoides var., Hedysarum, Hosta lancifolia var., Hydrocotyle, Isolepis/ Scirpus, Lactuca, Lepisorus/ Pleopeltis/ Polypodium/ P. lineare var., Lilium/ L. bulbiferum subsp./ L. dauricum subsp., Lobelia pubescens var., Lobostemon, Mallotus/ Coelodiscus, Massonia, Merciera tenuifolia var., Nymphoides/ Limnanthemum, Ornithogalum/ Eliokarmos, Oxalis, Phylica/ Tylanthus, Pinus, Podalyria, Psoralea, Pueraria/ Pachyrhizus, Rhus, Salix, Sambucus, Satyrium bicallosum, var. Senecio, Silene, Thesium/ Linosyris, Urtica, Wahlenbergia/ Lightfootia, Youngia, Zygophyllum) in onore del botanico ed entomologo svedese Carl Peter (Karl Pehr) Thunberg (1743-1828) che, come medico della Compagnia olandese delle Indie, esplorò la flora del Sud Africa e del Giappone; allievo di Linneo, occupò la sua cattedra all’università di Uppsala, ricostruì l’orto botanico in una nuova sede, fu uno dei botanici più importanti della sua generazione, autore delle fondamentali Flora Japonica e Flora Capensis
11657 Thunbergia [Acanthaceae] genere dedicato al botanico ed entomologo svedese Carl Peter (Karl Pehr) Thunberg (1743-1828) che, come medico della Compagnia olandese delle Indie, esplorò la flora del Sud Africa e del Giappone; allievo di Linneo, occupò la sua cattedra all’università di Uppsala, ricostruì l’orto botanico in una nuova sede, fu uno dei botanici più importanti della sua generazione, autore delle fondamentali Flora Japonica e Flora Capensis
11658 Thunbergianthus [Scrophulariaceae] nome composto da Thunberg, dedica al botanico ed entomologo svedese Carl Peter (Karl Pehr) Thunberg (1743-1828) che, come medico della Compagnia olandese delle Indie, esplorò la flora del Sud Africa e del Giappone; allievo di Linneo, occupò la sua cattedra all’università di Uppsala, ricostruì l’orto botanico in una nuova sede, fu uno dei botanici più importanti della sua generazione, autore delle fondamentali Flora Japonica e Flora Capensis, e dal greco ἄνϑοϛ ánthos fiore: fiore in onore di Thunberg
11659 Thunbergiella [Apiaceae] genere dedicato al botanico ed entomologo svedese Carl Peter (Karl Pehr) Thunberg (1743-1828) che, come medico della Compagnia olandese delle Indie, esplorò la flora del Sud Africa e del Giappone; allievo di Linneo, occupò la sua cattedra all’università di Uppsala, ricostruì l’orto botanico in una nuova sede, fu uno dei botanici più importanti della sua generazione, autore delle fondamentali Flora Japonica e Flora Capensis
11718 tithymaloides (Asclepias, Euphorbia/ Pedianthus/ Tithymalus, Peperomia/ Piper, Peplis) dal greco τιϑύμαλλος tithýmallos, nome di alcune specie di euforbia secernenti un lattice biancastro e caustico e εἶδος eídos aspetto, sembianza: d’aspetto simile a un’euforbia
11863 Tinnea [Lamiaceae] genere che commemora la spedizione scientifica di tre donne olandesi sul Nilo nel 1861-63: Alexandrine Petronella Francina Tinne (1835-1869), una ricchissima ereditiera, insieme alla madre, la baronessa Henriëtte van Capellen Tinne e alla zia, Adrienne van Capellen; giunsero sino al territorio degli Azande nel Centro Africa riportando da questa spedizione anche dei semi di Tinnea rhodesiana
11913 Trachyandra [Asphodelaceae] dal greco τρᾱχύς trachýs ruvido, scabroso, aspro e da ἀνήρ, ἀνδρός anér, andrόs uomo, maschio: riferimento agli stami con filamenti finemente puberoli
11945 tiliaceus, a, um dal genere Tilia (vedi): simile al tiglio; attinente ai tigli
(Alcea/ A. rhyticarpa var./ Althaea, Cissus/ C. sicyoides f./ Vitis, Clematoclethra/ C. cordifolia var., Coccoloba/ Uvifera, Corylus, Dombeya/ Assonia/ Leeuwenhoeckia/ Xeropetalum, Flemingia, Ipomoea/ Convolvulus, Hibiscus/ Parita/ Pariti/ Talipariti, Rubus/ R. moluccanus var./ R. paniculatus f., Rubus nome ill., Sterculia) per le foglie cordate simili a quelle di varie specie di tiglio
(Paracephaelis) per le foglie e le infiorescenze simili a quelle del tiglio
(Thespesocarpus) per i frutti secchi tardivamente deiscenti
(Albugo ipomoeae-panduratae var.) per la pianta ospite, Ipomoea tiliacea
(Aplosporella/ Macrophoma, Botryosphaeria/ Melanops, Encoelia/ Aleuria/ Cenangium/ Dermatea/ Peziza/ Phibalis/ Rutstroemia, Cryptodiaporthe/ Diaporthe/ Diatrype/ Hercospora/ Melanconis/ Phragmodiaporthe, Holwaya, Macroplodia/ Sphaeropsis, Opegrapha, Parmelina/ Imbricaria/ I. quercifolia var./ Lichen/ Lobaria/ Parmelia/ P. quercifolia var./ P. saxatilis var./ Platisma, Peziza nome ill./ Plicaria) per la crescita su corteccia o rami di specie di questo genere
(Boletus luridus var., Cortinarius) funghi che crescono sotto i tigli
(Chaetodiplodia) per la crescita su rami di Tiliaceae
(Erineum/ Phyllerium, Infundibulum, Zygodesmus) per le piante ospiti, specie di questo genere
(Irpex, Orbilia, Peniophora quercina var./ Corticium quercinum var., Pezizella, Pluteus) per la crescita su legno marcio di specie di questo genere
12104 Thuarea [Poaceae] genere dedicato, a partire dal nome latinizzato, al botanico francese Louis Marie Aubert du Petit-Thouars (1758-1831); di famiglia aristocratica, durante la rivoluzione, dopo due anni di carcere fu esiliato in Madagascar e iniziò a fare raccolte in Madagascar e nelle isole di Mauritius e La Réunion; tornato in Francia con un vasto erbario, scrisse opere pionieristiche sulla flora di quella regione, particolarmente rilevanti per la descrizione di oltre 100 specie di orchidee
12105 thuari, ii (Gymnotrix/ Panicum, Pentameris/ Danthonia, Tetraria) specie dedicate, a partire dal nome latinizzato, al botanico francese Louis Marie Aubert du Petit-Thouars (1758-1831); di famiglia aristocratica, durante la rivoluzione, dopo due anni di carcere fu esiliato in Madagascar e iniziò a fare raccolte in Madagascar e nelle isole di Mauritius e La Réunion; tornato in Francia con un vasto erbario, scrisse opere pionieristiche sulla flora di quella regione, particolarmente rilevanti per la descrizione di oltre 100 specie di orchidee
12106 thuarsi, ii grafia errata per thouarsii (vedi)
12107 thuarsianus, a, um grafia errata per thouarsianus (vedi)
12112 Tremellodendron [Sebacinaceae] dal genere Tremella (vedi) e dal greco δένδρον déndron albero: perché entra in simbiosi micorrizica con alberi
12130 Trianthema [Aizoaceae] dal greco τρεῖς treís tre e da ἄνϑεμον ánthemon fiore: oscuro il riferimento al genere, la specie più diffusa Trianthema portulacastrum L. ha fiori singoli nell'ascella delle foglie
12145 tranquillans (Hibanobambusa) da tranquillo adqietare, calmare: calmante, che ingenera serenità
12699 tigrani, ii (Sambucus) in onore del famoso imperatore armeno del I secolo a.C, Tigranes II, più conosciuto come Tigranes il Grande (in armeno Տիգրան Մեծ Tigran Mets)
12750 toliaraea (Solanum) di Toliara, comune chiamato Tuléar in epoca coloniale, situato nella regione omonima sulla costa sud occidentale del Madagascar
13056 Trichocalyx [Acanthaceae] dal greco θρίξ, τριχός thrix, trichós capelli, peli, setole e da καλυξ cályx calice, involucro: con calice peloso o setoloso
13060 trichocalyx (Acetosella, Astragalus, Calophane, Cerastium, Convolvolus, Globularia, Oenothera, Oxalis, Rhododendron, Saurauia, Vernonia) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capello, pelo e da καλυξ cályx calice, involucro: con calice peloso o setoloso
13066 Trichodesma [Boraginaceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capello e da δέσμη désme mazzo, fascetto: con peli in fascetti
13097 Tragium [Apiaceae] dal greco τράγιον trágion nome di una pianta non ben identificata il cui nome deriverebbe da τράγος trágos becco, capro, per l'odore sgradevole
13098 Trachyspermum [Apiaceae] dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido e da σπέρμα spérma seme: con semi ruvidi
13209 transcaucasicus, a, um (Polygala, Seseli, Centaurea, Chrysanthemum, Echinops, Erysimum) dal prefisso trans- al di là e da Caucaso regione geografica fra Europa e Asia: d'oltre il Caucaso
13302 transvaalensis, e (Acalypha, Anemone, Blepharis, Cussonia, Cynodon, Disperma, Euphorbia, Hieracium, Mesembryanthemum, Ornithogalum, Pelargonium, Stachys) del Transvaal, ex provincia del Sudafrica che venne smembrata nel 1994
13324 transvalensis, e (Aloë, Helichrysum, Lippia, Sedum, Toxicodendron) grafia errata, ma valida, per transvaalensis (vedi)
13408 thraskii (Aloë) la specie sembra dedicata a uno sconosciuto Sig. Thrask di cui non ci è pervenuta alcuna notizia
13416 Tragacantha [Fabaceae] dal greco τράγος trágos capro e da ἄκανϑα ácantha spina: pianta spinosa che puzza come un caprone
13417 tragacanthifolius, a, um (Carlina) dal genere Tragacantha (vedi) e da "folium" foglia: con foglie simili a quelle di qualche specie di quel genere
13436 tibeticus, a, um del Tibet, regione storico-geografica dell’Asia orientale localizzata sull'omonimo altopiano, tibetano; epiteto di larghissimo uso (circa 300 occorrenze, oltre 100 accettate)
13697 topiarius, a, um attinente l'arte dei topiarii, giardinieri, paesaggisti e disegnatori di giardini (a sua volta da topia paesaggi dipinti od ornamentali), in particolare nella locuzione ars topiaria che consiste nel potare e modellare alberi e arbusti in forme geometriche, antropomorfe e zoomorfe
(Menais) motivazione non chiara
(Hebe/ Veronica) per il portamento compatto e arrotondato che richiama quello di un arbusto potato
13796 tissierei, ii (Hieracium/ H. cochlearifolium subsp./ H. pseudalpinum subsp.) di Tissiere, frazione di Sarre in Val d'Aosta
14108 tikoua (Ficus) dal nome vernacolare cinese ti koua che significa zucca di terra
14132 tiliifolius, a, um (Abutilon/ Sida, Acalypha, Alchornea/ Stipellaria, Alnus, Apocynum, Aria/ Micromeles/ M. alnifolia var./ Sorbus alnifolia var., Bagassa/ Laurea/ Piper, Begonia, Betula davurica var., Betula pubescens var., Bignonia, Boehmeria, Boesenbergia/ Kaempferia, Byttneria, Callicarpa, Celtis crassifolia var., Cissus, Clidemia/ C. hirta var./ Staphidium, Coleosanthus, Cordia/ Rumphia, Crataegus/ Mespilus, Croton/ Oxydectes, Croton nome ill., Dalechampia, Desmodium/ Hedysarum/ Meibomia, Dioscorea/ D. esculenta var., Dombeya/ Assonia/ Astrapaea/ Cavanilla/ Pentapetes, Ficus, Gonolobus, Gouania, Grewia, Helicteres, Heracleum, Heteropterys aceroides subf., Hibiscus/ Pariti, Hydrangea, Julocroton villosissimus var., Lantana/ L. horrida subsp./ Camara, Mallotus/ Rottlera, Melastoma, Miconia/ Acinodendron, Morus, Muehlenbeckia/ Calacinum/ Polygonum, Passiflora, Pavonia/ Codonochlamys, Piper nome ill./ Artanthe/ Steffensia, Premna, Prunus, Rapona/ Breweria, Riedlea/ Visenia, Rubus, Ryssopterys/ Banisteria, Salix, Salvia, Sorbus/ Pyrus, Speirostyla, Stictocardia/ Amphione/ Argyreia/ Convolvulus/ Ipomoea/ Rivea, Stigmaphyllon/ Banisteria nome ill., Torricellia/ Sambucus, Triumfetta, Ulmus, Urtica, Valeriana/ V. alliariifolia var., Viburnum/ Oreinotinus, Vitis/ V. vinifera var., Wedelia) dal genere Tilia (vedi) e da folium foglia: con foglie simili a quelle dei tigli, ovvero con base cordata, apice acuto e margini seghettati
14241 tinctus, a, um (Acinos suaveolens f., Adiantum, Aristida, Astragalus/ A. lamarckii subsp., Astragalus purshii var./ Phaca purshii subsp., Carex/ C. mirabilis var./ C. normalis var., Carex straminea f., Castilleja/ C. pallida f., Columnea, Conophytum, Depacarpus/ Mesembryanthemum, Eragrostis, Fragaria, Fuchsia, Gasteranthus/ Besleria, Helleborus, Helichrysum/ Gnaphalium/ Leontonyx, Hieracium/ H. maculatum subsp., Lamprothyrsus hieronymi var., Leucadendron, Paspalum, Pelargonium, Penstemon, Piper, Polystachya luteola var., Serratula, Sidalcea candida var., Silene, Solanum, Spiralepis, Taraxacum - Amphoridium calcisedum f., Aspicilia platycarpa var./ Lecanora platycarpa var., Buellia, Ceratostoma, Lecanora/ Rinodina, Lecanora cinerea f., Lecanora kjachtensis f., Pronectria/ Cryptodiscus/ Nectriella, Rhynchostoma, Sirothecium/ Cheiromyces, Usnea/ U. steineri var., Verrucaria calciseda f., Verrucaria steineri f.) tinto, participio passato di tíngo tingere: tinto, colorato, soffuso di una leggera macchia di colore
15426 Trichia [Trichiaceae] dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs pelo, capelli, treccia: rivestito di peli
16236 Thuya grafia alternativa utilizzata da Adriano Fiori per Thuja (vedi)
16251 transbaicalicus, a, um (Geranium, Poa, Rumex ×) dal prefisso trans- al di là e dal lago Baikal (Russia): che si trova oltre il lago Baikal
16836 tragoriganum (Origanum, Satureja, Sideritis, Thymus) dal greco τράγος trágos capro, becco e dal genere Origanum (vedi) origano: origano che fa pensare a un caprone, probabilmente per l'odore
17864 transilvanicus, a, um
  • (Aconitum, Agrostis, Senecio, Sesleria) della Transilvania, regione storico-geografica della Romania Centrale
  • (Cephalaria) variante grafica utilizzata da Adriano Fiori per transsylvanicus (vedi)
18704 Tomentella [Thelephoraceae] diminutivo di toméntum peluria, lanugine, per l'aspetto araneoso del carpoforo
18705 Trametes [Polyporaceae] etimologia incerta: per alcuni deriverebbe da tráma trama, ordito, tessuto, per la presenza di sostanza araneosa attorno ai pori, per altri da trámes viottolo, sentiero, per la conformazione dell'imenio
20478 Tipuana [Fabaceae] nome derivato da quello della Valle Tipuana nel Parana (Brasile), dove questa pianta è molto diffusa; il nome della valle deriva a sua volta da tipu (vedi), nome vernacolare della pianta
20479 tipu (Machaerium/ Tipuana) da tipu, nome vernacolare con cui è chiamato quest'albero in Bolivia, sua terra d'origine
20730 trazzonarae (Ophrys ×) del Monte Trazzonara (TA, Puglia) dove fu scoperto questo ibrido
21091 thyonanthus, a, um grafia alternativa per thionanthus (vedi)
21122 thracoponticus, a, um (Caloplaca) della Tracia Pontica, da Thracia Tracia e da Pontus Ponto, un’area geografica anticamente abitata da Traci posta sulle rive del Mar Nero
21123 Thuidium [Thuidiaceae]diminutivo di Thuja (vedi): genere di muschi con ramificazioni e strutture fogliformi che ricordano le fronde di specie di quel genere
21124 thurberi, ii (Acourtia/ Perezia, Anisacanthus/ Drejera, Anoda, Astragalus/ Phaca/ Tragacantha, Baileya/ B. multiradiata var./ B. pleniradiata var., Carex, Centrostegia/ Chorizanthe, Cylindropuntia/ Grusonia/ Opuntia, Diphysa/ Daubentonia/ Emerus/ Ormocarpum/ Sesbania/ Solulus, Eremochloe, Eriogonum/ E. cernuum subsp., Festuca/ F. tolucensis subsp., Gossypium, Habenaria/ Limnorchis, Heleniastrum, Helenium, Ipomoea, Ipomopsis/ Collomia/ Gilia/ Navarretia, Kosteletzkya, Lepidium, Macromeria/ M. viridiflora var./ Lithospermum/ Onosmodium, Magnolia, Malvastrum/ Sphaeralcea, Muhlenbergia/ Sporobolus, Packera/ Senecio, Penstemon/ P. ambiguus var./ Leiostemon, Petalonyx, Pilostyles, Potentilla, Randia, Pseudabutilon/ Abutilon, Salix, Sidalcea neomexicana subsp./ S. parviflora var., Silene, Stenocereus/ Cereus/ Glandulicereus/ Lemaireocereus/ Marshallocereus/ Neolemaireocereus/ Pilocereus/ Rathbunia, Stephanomeria/ Lygodesmia/ Ptiloria, Tephrosia/ Cracca, Tithonia/ Urbanisol, Thymophylla/ Dyssodia/ Hymenatherum, Vicia) in onore del giornalista, chimico e naturalista statunitense George Thurber (1821-1890) che, come naturalista della commissione per i confini tra Stati Uniti e Messico, fece ampie raccolte; fu poi docente di botanica, orticultura e agricoltura a New York e nel Michigan, fu per 24 anni curatore di American Agriculturist e successe a Torrey come presidente del Torrey Club
21125 thurberianus, a, um (Eriocoma/ Achnatherum/ Stipa, Poa/ Panicularia, Podagrostis/ Agrostis) in onore del giornalista, chimico e naturalista statunitense George Thurber (1821-1890) che, come naturalista della commissione per i confini tra Stati Uniti e Messico, fece ampie raccolte; fu poi docente di botanica, orticultura e agricoltura a New York e nel Michigan, fu per 24 anni curatore di American Agriculturist e successe a Torrey come presidente del Torrey Club
21126 thuretianus, a, um (Arbutus ×, Hieracium – Exidia/ Tremella - Leptotrichia) in onore del diplomatico, botanico, algologo e micologo francese Gustave Adolphe Thuret (1817-1875); durante la carriera diplomatica, studiò la flora orientale, quindi si dedicò soprattutto allo studio delle alghe della costa atlantica francese; trasferitosi ad Antibes, creò il Jardin botanique de la Villa Thuret
21127 thurowi, ii (Dichanthelium/ D. acuminatum var., Panicum, Sisyrinchium) in onore di Friedrich Wilhelm Thurow (1852-1931), botanico dilettante statunitense di origine tedesca, che fece importanti raccolte in Texas e fu in contatto con botanici come Coulter, Vasey, Rose
21128 thwaitesi, ii (Acilepis/ Cacalia/ Vernonia, Acrotrema, Actinodaphne, Anaphalis, Ancistrocladus/ Bigamea, Andropogon filipendulus var., Aporosa, Argyreia/ A. populifolia var./ Ipomoea, Aristolochia/ Isotrema/ Siphisia, Arundinella, Balanophora, Begonia/ B. tenera var./ Reichenheimia, Benstonea/ Pandanus, Bulbophyllum/ Cirrhopetalum/ Phyllorkis, Calamus, Calophyllum, Camphora, Campylospermum, Carex, Ceropegia, Casearia, Christisonia, Cinchona, Cinnamomum, Cissus, Commelina, Cryptocoryne, Ctenitis, Ctenopterella/ Ctenopteris/ Polypodium, Cyanotis/ C. arachnoidea var./ C. fasciculata var., Cylicodaphne, Cymbopogon/ Andropogon, Deparia/ Asplenium/ Athyriopsis/ Athyrium/ Diplazium, Desmodium/ Meibomia, Digitaria/ Panicum, Dimeria, Dioscorea oppositifolia var., Dioscorea pentaphylla var., Diospyros/ D. hirsuta var., Dracaena/ D. terniflora var./ Draco/ Pleomele, Dryopteris/ Lastrea/ Nephrodium, Dryopteris ×, Elaeagnus, Ellipanthus, Eriocaulon, Eugenia, Eulalia/ Pollinia, Euonymus, Fagraea, Fergusonia, Ficus, Fimbristylis, Garcinia, Garnotia, Glochidion, Goniothalamus, Gymnema lactiferum var./ Marsdenia lactifera var., Gymnostachyum/ Cryptophragmium, Hedyotis/ Oldenlandia, Hemionitis/ Aleuritopteris/ Cheilanthes/ Oeosporangium, Huperzia/ Urostachys, Hygrophila/ Adenosma/ Brillantaisia/ Cardanthera/ Plaesianthera/ Synnema, Impatiens, Ixora, Jasminum rottlerianum var., Lagenandra, Lasianthus/ Nonatelia, Lindsaea, Liparis/ Leptorkis, Litsea, Malaxis, Mariscus, Mastixia, Memecylon, Mesua, Microlepia/ Davallia, Myrsine/ Rapanea, Oberonia, Oplismenus, Oxytenanthera, Palaquium, Panicum neurodes var., Pavetta, Peperomia, Piper, Podadenia/ Ptychopyxis/ Stylanthus, Polygala, Polythecium, Premna/ Gumira, Psychotria/ Uragoga, Pterygota/ Clompanus/ Sterculia, Sageraea/ Bocagea, Rubus rugosus subsp., Sapindus, Scirpus/ Fimbristylis nome ill., Semecarpus, Strobilanthes, Symplocos/ S. cochinchinensis subsp./ Eugeniodes, Tectaria/ Aspidium/ Pleocnemia/ Sagenia, Thelypteris/ Abacopteris/ Cyclosorus/ Dryopteris / Meniscium/ Phegopteris/ Pronephrium, Themeda/ Anthistiria/ A. tremula var., Tithymalus, Trichosanthes/ Anguina, Trichotosia/ Eria/ Pinalia, Tropidia, Tylophora, Uncaria/ U. dasyoneura var., Vanda, Vatica, Walsura, Zehneria/ Cucumella/ Melothria) in onore del botanico ed entomologo inglese George Henry Kendrick Thwaites (1812-1882) che fu sovrintendente del Peradeniya Botanic Garden, Ceylon dal 1849 al 1879, autore di Enumeratio Plantarum Zeylaniæ
21129 thwaitesianus, a, um (Asplenium, Antidesma/ A. bunius var., Cleisostoma, Combretum, Croton/ Oxydectes, Diasperus/ Phyllanthus, Leptochilus/ Colysis, Neanotis/ Anotis/ Hedyotis, Scleria) in onore del botanico ed entomologo inglese George Henry Kendrick Thwaites (1812-1882) che fu sovrintendente del Peradeniya Botanic Garden, Ceylon dal 1849 al 1879, autore di Enumeratio Plantarum Zeylaniæ
21130 Thyidium grafia errata per Thuidium (vedi)
21131 Thymbra [Lamiaceae] dal greco θύμβρα thýmbra, di etimo sconosciuto, forse di origine pregreca, che indicava una pianta aromatica, sorta di santoreggia
21132 thyoides (Chamaecyparis) dal genere Thuja (vedi) e dal greco εἶδος eídos aspetto, sembianza: simile a una Thuja
21133 thysanoleanae (Astrosphaeriella, Distoseptispora, Dendrographium, Leptostromella, Massariothea, Parabambusicola, Paraconiothyrium, Periconia, Phyllachora, Podosporium, Pseudomultiseptospora/ Multiseptospora) genitivo del genere Thysanolaena (vedi) a cui appartengono le piante ospiti di questi funghi
21134 Thysanolaena [Poaceae] dal greco θΰσᾰνος thȳsănos fiocco, frangia e da laena clamide, veste: con un rivestimento fioccoso o frangiato, rifermento al lemma superiore sfrangiato
21135 tica, a, um (Fernandezia, Passiflora – Harpella) latinizzazione di tico, soprannome con cui vengono chiamati colloquialmente gli abitanti della Repubblica di Costarica, per la loro abitudine di usare diffusamente il diminutivo -tico, -tica: costaricense, della Costarica
(Platystele) costaricense, ma anche allusione al suffisso diminutivo -tico/a utilizzato per cose molto piccole, come le dimensioni di questa pianta: piccola pianta costaricana
21136 Tidestromia [Amaranthaceae] genere dedicato al botanico statunitense di origine svedese Ivar (Frederick) Tidestrøm (1864-1956); emigrato negli Stati Uniti con la famiglia, servì nell’esercito, partecipando tra l’altro alla guerra ispano-americana; come botanico, fu assistente di Edward Lee Greene prima all’università poi al Forest Service e collaborò con Frederick Vernon Coville al Bureau of Plant Industry. Specialista della flora del sudovest statunitense, fu autore di Elysium Marianum sulla flora del Maryland e di Flora of Utah and Nevada
21137 Tieghemella [Sapotaceae] genere dedicato al botanico e biologo francese Philippe Édouard Léon Van Tieghem (1839-1914); fece ricerche sul micelio nel laboratorio di Pasteur, quindi fu successivamente docente di scienze naturali alla École centrale des arts et manufactures, al Museo di storia naturale di Parigi e all'Istituto nazionale di agronomia; tradusse Lehrbuch der Botanik di J. von Sachs e fu autore di Traité de botanique e studioso della famiglia Loranthaceae
21138 Tieghemia [Loranthaceae] genere dedicato al botanico e biologo francese Philippe Édouard Léon Van Tieghem (1839-1914); fece ricerche sul micelio nel laboratorio di Pasteur, quindi fu successivamente docente di scienze naturali alla École centrale des arts et manufactures, al Museo di storia naturale di Parigi e all'Istituto nazionale di agronomia; tradusse Lehrbuch der Botanik di J. von Sachs e fu autore di Traité de botanique e studioso della famiglia Loranthaceae
21139 Tieghemiomyces [Dimargaritaceae] nome composto da Tieghem, dedica al botanico e biologo francese Philippe Édouard Léon Van Tieghem (1839-1914); fece ricerche sul micelio nel laboratorio di Pasteur, quindi fu successivamente docente di scienze naturali alla École centrale des arts et manufactures, al Museo di storia naturale di Parigi e all'Istituto nazionale di agronomia; tradusse Lehrbuch der Botanik di J. von Sachs e fu autore di Traité de botanique e studioso della famiglia Loranthaceae, e dal greco μύκης mýces fungo: fungo dedicato a Tieghem
21140 Tieghemopanax [Araliaceae] nome composto da Tieghem, dedica al botanico e biologo francese Philippe Édouard Léon Van Tieghem (1839-1914); fece ricerche sul micelio nel laboratorio di Pasteur, quindi fu successivamente docente di scienze naturali alla École centrale des arts et manufactures, al Museo di storia naturale di Parigi e all'Istituto nazionale di agronomia; tradusse Lehrbuch der Botanik di J. von Sachs e fu autore di Traité de botanique e studioso della famiglia Loranthaceae, e dal genere Panax (vedi): genere simile al Panax dedicato a Tieghem
21141 Tigridia [Iridaceae] da tigris tigridis tigre: tigrato, per i fiori con piccole macchie scure che formano disegni che ricordano, più che il mantello di una tigre, quello dell’ocelot (Leopardus pardalis) o del leopardo
21142 tigridia da tigris tigridis tigre: tigrato, con disegni a strisce scure come il mantello di questi animali; leopardato, screziato
(Iris) per le striature più scure delle lacinie interne
(Kohleria/ Capanea/ Gloxinia/ Rhytidophyllum) per la corolla macchiettata, simile, più che il mantello di una tigre, quello dell’ocelot (Leopardus pardalis), similmente al genere Tigridia (vedi)
(Tromotriche revoluta var./ Stapelia/ Stissera/ Stisseria) per le corolle a strisce scure (Lecidea) per l’aspetto screziato del tallo grigiastro, composto da particelle squamiformi mescolate a scudetti discoidali neri ed appiattiti
(Ferraria/ Marica/ Moraea) dal genere Tigridia (vedi) , con passaggio da nome generico ad epiteto
21143 tilingi, ii (Allium/ Borodinia/ Arabis/ Braya/ Hesperis/ Sisymbrium, Erigeron, Erythranthe/ Mimulus/ M. langsdorffii var., Eschscholzia helleriana var., Festuca, Kruhsea/ Streptopus, Hieracium, Oxytropis/ Spiesia, Potentilla/ P. congesta var./ Horkelia, Silene, Smelowskia, Sorbus) in onore del botanico lettone naturalizzato statunitense Heinrich Sylvester Theodor Tiling (1818-1871); suddito russo, studiò all’università di Dorpat, quindi divenne chirurgo della compagnia russo-americana ad Ayan sul mare di Ochotsk, ritornando in Europa con un vero e proprio giro del mondo; più tardi fu chirurgo a Sitka in Alaska e, dopo l’acquisto dell’Alaska da parte degli Stati Uniti, si trasferì in California e negli ultimi anni della sua vita assunse la cittadinanza statunitense. Raccolse e descrisse numerose piante della Siberia, dell’Alaska e della California
21144 Tilingia [Apiaceae] genere dedicato al botanico lettone naturalizzato statunitense Heinrich Sylvester Theodor Tiling (1818-1871); suddito russo, studiò all’università di Dorpat, quindi divenne chirurgo della compagnia russo-americana ad Ayan sul mare di Ochotsk, ritornando in Europa con un vero e proprio giro del mondo; più tardi fu chirurgo a Sitka in Alaska e, dopo l’acquisto dell’Alaska da parte degli Stati Uniti, si trasferì in California e negli ultimi anni della sua vita assunse la cittadinanza statunitense. Raccolse e descrisse numerose piante della Siberia, dell’Alaska e della California
21145 tilingianus, a, um (Micranthes/ Saxifraga, Streptopus/ Kruhsea) in onore del botanico lettone naturalizzato statunitense Heinrich Sylvester Theodor Tiling (1818-1871); suddito russo, studiò all’università di Dorpat, quindi divenne chirurgo della compagnia russo-americana ad Ayan sul mare di Ochotsk, ritornando in Europa con un vero e proprio giro del mondo; più tardi fu chirurgo a Sitka in Alaska e, dopo l’acquisto dell’Alaska da parte degli Stati Uniti, si trasferì in California e negli ultimi anni della sua vita assunse la cittadinanza statunitense. Raccolse e descrisse numerose piante della Siberia, dell’Alaska e della California
21146 Tillaea [Crassulaceae] genere dedicato a Michelangelo Tilli (1655-1740), medico e botanico toscano alla corte di Cosimo III de' Medici; viaggiò nelle Baleari e a Costantinopoli, quindi fu nominato prefetto del Giardino dei Semplici a Pisa. Fu tra i primi in Italia a utilizzare serre, rendendo possibile la coltivazione di ananas e caffè
21147 timdali, ii (Rhizocarpon) in onore del lichenologo norvegese Einar Timdal (1955-) professore di micologia all’università di Oslo
21148 Timmia [Amaryllidaceae] genere dedicato al farmacista e botanico tedesco Joachim Christian Timm (1734-1805); stabilitosi come farmacista a Malchin, di cui fu anche sindaco, fece intense raccolte nel Mecklenburgo, interessandosi particolarmente di crittogame, e scrisse Florae megapolitanae Prodromus
[Timmiaceae] genere di muschi dedicato allo stesso
21149 Tinaea forma alternativa per Tinea (vedi)
21150 tinea [Bulbophyllum] dal genere Tinea (vedi): passaggio da genere a epiteto
21151 Tintinnabularia [Apocynaceae] da tintinnābŭlum campanello: per la presenza di organi aventi una forma richiamante un piccolo campanello
21152 Tiquilia [Boraginaceae] da tiquilo, nome vernacolare di queste piante
21153 Tiquiliopsis [Boraginaceae] dal genere Tiquilia (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, somiglianza: simile a quel genere
21154 tisseranti, ii (Achyrospermum, Adenia, Antherotoma/ Dissotis, Baphiastrum, Beilschmiedia, Bertiera, Blotiella/ Lonchitis, Bulbostylis, Bulbostylis nome ill./ Fimbristylis, Burmannia, Byrsocarpus, Centaurea, Ceropegia deightonii subsp., Combretum, Cordia, Cussonia, Cyperus/ C. margaritaceus var./ C. niveus var., Cyphostemma, Digitaria, Diplolophium, Droogmansia, Eriosema, Eugenia, Eulophia/ E. guineensis var./ Cyrtopera, Euphorbia, Gnetum, Habenaria/ Bilabrella, Heimodendron, Hibiscus, Hypoestes strobilifera var., Kolobopetalum, Kyllinga, Leersia/ Oryza, Lepidagathis, Letestuella, Loudetia, Macrotyloma geocarpum var./ Kerstingiella/ K. geocarpa var., Magnistipula butayei subsp./ Hirtella/ Parinari, Microcharis/ Indigofera/ I. asparagoides var., Monanthotaxis schweinfurthii var., Pavetta, Pogostemon/ Dysophylla, Polygala, Pristimera/ Simirestis, Scleria, Sorghastrum, Thyridachne, Tiliacora, Turraea, Vanilla, Vigna) in onore del missionario, etnologo, linguista e botanico francese Charles Tisserant (1886-1962), che fu attivo nella Repubblica Centrafricana
(Alyxia) in onore del veterinario francese Eugène Tisserant (1816–1888), professore della scuola imperiale di veterinaria di Lione
21155 Tisserantodendron [Bignoniaceaenome composto da Tisserant, dedica al missionario, etnologo, linguista e botanico francese Charles Tisserant (1886-1962), che fu attivo nella Repubblica Centrafricana, e dal greco δένδρον déndron albero: albero dedicato a Tisserant
21156 Titanotrichum [Gesneriaceae] dal greco τῐτᾰνος titanos calce, gesso e da ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capelli, peli: per la pelosità biancastra con secrezioni d'aspetto calcareo
21157 titanum, um genitivo plurale di titan anis, gigante, titano, a sua volta dal greco Τιτάν, ᾶνος Titán, anos Titano, mitico gigante figlio di Urano e Gea: dei giganti, dei titani
(Amorphophallus/ Conophallus) per le enormi dimensioni dello spadice e dei tuberi, paragonati agli organi sessuali di un gigante
(Heliconia, Monstera) per le dimensioni eccezionali del fogliame e della infiorescenza
21162 tindaleae (Acacia/ Racosperma) in onore dell'australiana Mary Douglas Tindale (1920-2011), pteridologa e specialista di acacie
21171 tobaicus, a, um (Nepenthes, Thelypteris/ Pneumatopteris – Epicoccum/ Toruloidea) del Lago Toba, Sumatra (Indonesia)
21172 tocantinensis, e (Barbacenia, Bromelia, Chamaecrista, Declieuxia cacuminis var., Encylia, Heteropterys, Myrcia, Polygala – Candida, Diorygma) di Tocantins, stato del Brasile centrale al confine tra la foresta amazzonica e la savana costiera, attraversato da diversi corsi d’acqua, tra cui il fiume omonimo
21173 tocantinus, a, um (Aechmea, Calea, Calliandra, Cenostigma, Discolobium, Hirtella, Homalolepis/ Simaba, Justicia/ Chaetothylax, Licania, Mimosa, Pachira/ Bombacopsis/ Bombax, Piptadenia) di Tocantins, stato del Brasile centrale al confine tra la foresta amazzonica e la savana costiera, attraversato da diversi corsi d’acqua, tra cui il fiume omonimo
21174 Todaroa [Apiaceae] genere dedicato al botanico italiano Agostino Todaro (1818-1892); avvocato di professione, coltivò la passione per la botanica, e dopo la morte di Vincenzo Tineo lo sostituì come docente di botanica presso l’Università di Palermo e come direttore dell’orto botanico di Palermo; fu anche senatore del regno
21175 Todea [Osmundaceae] genere dedicato al sacerdote, poeta, architetto, botanico e micologo tedesco Heinrich Julius Tode (1733-1797); fu un celebre autore di testi di cantate sacre. Come micologo è autore di Fungi Mecklenburgenses Selecti, che diede un importante contributo alla sistematica dei funghi
21176 tolrai, ii (Mentha) specie dedicata da padre Sennen (Étienne Marcelin Grenier-Blanc) a Henri Tolra, benefattore dell'antica Ecole de Frères di Prades, dipartimento dei Pirenei Orientali (Francia)
21177 tomaselli, ii
  • (Dion/ Dioon, Tillandsia) in onore del botanico italiano Ruggero Tomaselli (1920-1982); direttore dell'Istituto e dell'Orto Botanico di Pavia, introdusse in Italia gli studi della Fitosociologia e pubblicò la prima carta della vegetazione naturale potenziale d'Italia
  • (Catasetum) in onore dell'ingegnere forestale brasiliano Tomaselli
21178 tominensis, e (Cleistocactus/ Borzicactus/ Cereus/ Echinopsis, Lupinus) di Tomina, provincia della Bolivia meridionale
21191 tomorianus, a, um (Nepenthes) del Golfo di Tomori nelle Celebes (Indonesia)
21192 Tomzanonia [Orchidaceae] genere dedicato al botanico statunitense Thomas A. Zanoni (1949-) del New York Botanical Garden e del Jardin Botanico Nacional di Santo Domingo, specialista di flora neotropicale, che erborizzò negli Stati Uniti, Messico, Haiti, Guatemala, Portorico e Repubblica Dominicana
21193 tonduzi, ii (Adamanthus/ Ornithidium, Ageratina/ Eupatorium, Aiouea/ Cinnamomum/ Phoebe, Alchemilla sibbaldiifolia var./ Lachemilla, Anguria, Anthurium, Aphelandra, Aristolochia, Avicennia, Begonia, Calliandra/ Anneslia, Calyptranthes, Capparis/ Linnaeobreynia, Cedrela, Chamaecrista, Chamaeranthemum, Chusquea, Cleome, Clidemia, Cojoba/ Pithecellobium, Croton, Ctenitis/ Aspidium/ Dryopteris, Cyclanthera, Cycnoches, Cyperus, Dieffenbachia, Elaphoglossum/ Acrostichum, Elleanthus, Epidendrum, Ficus, Gonzalagunia, Guarea, Guatteria, Gyminda/ Crossopetalum/ Rhacoma, Hoffmannia, Hyperbaena, Inga, Justicia/ J. dianthera var., Malaxis/ Microstylis, Marcgravia, Masdevallia/ Reichantha, Maxillaria/ Camaridium, Meliosma, Mendoncia, Mesadenella/ Spiranthes/ Stenorrhynchos, Miconia/ Acinodendron, Mikania, Notopleura/ Psychotria, Ocotea, Oncidium, Ornithocephalus, Palicourea/ Cephaëlis, Paspalum, Pentacalia/ Senecio, Peperomia, Peyritschia/ Trisetum, Phoradendron, Piper, Piper hirsutum var., Quercus/ Q. seemannii subsp., Pleurothallis/ Acronia/ Zosterophyllanthos, Restrepia, Rhipsalis, Ronnbergia/ Aechmea/ Pothuava, Ruellia, Salvia, Scleria, Selenicereus/ Cereus/ Weberocereus/ Werckleocereus, Senna/ Cassia/ Peiranisia, Sinclairia/ Liabum, Smilax, Stigmaphyllon, Trichilia, Urospatha, Verbesina, Weinmannia) in onore del botanico svizzero (Jean François) Adolphe Tonduz (1862-1921) che erborizzò in Svizzera, Costa Rica e Guatemala e fu il primo direttore dell'Herbarium del Costa Rica; con Henri Pittier pubblicò Primitae Florae Costaricensis e Herborisations au Costa Rica
21194 tongolensis, e (Aconitum, Artemisia desertorum var., Aster/ Diplactis, Astragalus, Corydalis, Cotoneaster distichus var., Delphinium, Gentiana/ Gentianodes, Hedysarum, Ligularia/ Senecillis/ Senecio, Pedicularis, Primula, Tibetia/ Gueldenstaedtia) di Tongolo (Dongolou), nel Sichuan occidentale (Cina)
21195 Tonina [Eriocaulaceae] presumibilmente dal nome vernacolare in uso nella Guayana francese
21196 tonsus, a, um (Alopecurus/A. myosuroides subsp., Anchusa strigosa subsp., Anthopogon/ A. procerus var./ Gentiana/ G. crinita var./ G. detonsa var., Arenaria, Asemeia/ Polygala, Callicarpa kinabaluensis var., Carex/ C. rugosperma var./ C. umbellata var., Digitaria, Diospyros californica var., Dischidia, Draba/ D. streptocarpa var., Erigeron, Ficus, Hieracium scabrum var., Justicia/ Monechma, Koanophyllon palmeri var./ Eupatorium palmeri var., Leptospermum/ L. pubescens var., Lonicera villosa var., Lysimachia/ L. ciliata var./ Steironema, Mitella caulescens f., Monachyron/ Panicum/ Rhynchelythrum/ Tricholaena, Paphiopedilum/ Cordula/ Cypripedium, Persicaria setacea var./ Polygonum setaceum var., Piper constipatispicum var., Poa, Psychotria alba var., Quercus stellata f., Rubus idaeus f./ R. strigosus var., Salix cordifolia var., Senecio congestus subsp., Sidalcea spicata var., Solanum, Solidago/ S. bicolor var./ S. hispida var., Taraxacum, Teucrium polium var., Trisetum canescens f., Tylophora, Uragoga) da tondeo radere, rasare: raso, rasato, privo di peli, in genere in contrapposizione ad altre specie congeneri
21197 tophaceoides (Cortinarius) da tophaceus (vedi), epiteto di una specie congenere e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile al Cortinarius tofaceus
21198 topperi, ii (Paphiopedilum/ P. kolopakingii f.) in onore del vivaista statunitense Richard Jack Topper (XX secolo), specialista in orchidee
21199 Tormentilla [Rosaceae] dal latino medievale tormentilla, derivato di torméntum tormento: perché le radici erano ritenute in grado di alleviare alcuni tipi di dolore
21200 torralbasi, ii (Chamaesyce, Euphorbia) in onore del botanico e agronomo cubano José Ildefonso Torralbas (1842-1903), professore dell’università dell’Avana e direttore del museo botanico universitario
21201 torrei, ii (Allophylus, Aloe, Asplenium. Barleria, Blepharis, Brachystegia/ B. tamarindoides subsp., Chascanum schlechteri f./ Plexipus schlechteri var., Clerodendrum cephalanthum var., Commiphora, Cordia, Crotalaria, Euphorbia/ Monadenium, Hermannia, Hibiscus, Hionanthera, Indigofera, Inversodicraea/ Ledermanniella, Memecylon, Ophrestia, Polygala, Psorospermum/ Vismia, Rhynchosia, Rytigynia, Scorodophloeus, Thunbergia, Vachellia/ Acacia, Xylopia) specie dedicate al botanico e tassonomista portoghese António Rocha da Torre (1904–1995) che condusse spedizioni in Mozambico e in Portogallo, raccogliendo con i suoi collaboratori oltre 18.000 campioni botanici e diede un contributo essenziale alla conoscenza della flora del Mozambico
(Hymenaea, Psychotria) in onore del naturalista e antropologo cubano Carlos de la Torre y Huerta (1858 - 1950); soprattutto malacologo, collaborò con lo Smithsonian, invitando molti naturalisti statunitensi a visitare Cuba e le isole vicine; fece raccolte con Léon; fu anche presidente della Camera dei rappresentanti
21202 torrendi, ii (Callianthe/ Bakeridesia, Microlicia – Acutocapillitium/ Bovistoides, Amanita, Amauroderma/ Ganoderma/ Polyporus, Asterostromella, Boletus, Clitocybe, Cylindrobasidium/ Peniophora, Endogone, Favolaschia/ Laschia, Hypoxylon, Leptocorticium/ Corticium/ Gloeocystidiellum/ Gloeocystidium/ Gloiothele, Leptosphaeria, Odontia, Ostracoderma/ Lycogala/ Lycoperdellon, Perisporiopsis/ Parodiopsis, Pestalotia/ Pestalotiopsis, Poria, Ramularia/ Cercosporella, Scleroderma, Trechispora, Urnula) in onore del gesuita portoghese Camille Torrend (1875-1961), missionario in Brasile e micologo, professore di botanica e fitopatologia presso la Scuola agricola imperiale di Bahia, scrisse sui funghi di Portogallo, Brasile e Madera
21203 torrendia (Pestalotia) dal genere Torrendia (vedi): passaggio da nome generico a epiteto a segito di modifiche sistematiche
21204 torrendianus, a, um (Galactinia, Stilbum) in onore del gesuita portoghese Camille Torrend (1875-1961), missionario in Brasile e micologo, professore di botanica e fitopatologia presso la Scuola agricola imperiale di Bahia, scrisse sui funghi di Portogallo, Brasile e Madera
21205 torrendiella (Camatorella/ Catacauma/Phyllacora/ Sphaerodothis)) dal genere Torrendiella (vedi): passaggio da nome generico a epiteto a segito di modifiche sistematiche
21206 Torrendiella [Sclerotiniaceae] genere di funghi dedicato al gesuita portoghese Camille Torrend (1875-1961), missionario in Brasile e micologo, professore di botanica e fitopatologia presso la Scuola agricola imperiale di Bahia, scrisse sui funghi di Portogallo, Brasile e Madera
21207 torresi, ii (Aldama/ Viguiera, Diospyros, Harpalyce, Justicia, Ornithocephalus, Stachys, Tetrachyron, Verbesina) in onore del botanico messicano Rafael Torres Colín (1958 - ), raccoglitore dell’erbario nazionale, coinvolto in diversi progetti come Flora di Oaxaca e l’esplorazione botanica del Cerro Guiengola, responsabile dello sviluppo delle collezioni botaniche dello stato di Michoacán per l’istituto di Ecologia Flora del Bajío
(Alomia microcarpa f., Arachnothryx/ Javorkaea/ Rondeletia, Begonia, Clusia, Lippia, Thalictrum) in onore del naturalista costaricano Rubén Torres Rojas (1890-1978), professore di scienze naturali presso il Colegio san Luis Gonzaga di Cartago e altri istituti, quindi docente di botanica dell’Università di Costa Rica, studioso di flora e entomologia costaricensi; collaborò con Standley e altri botanici statunitensi
(Hyssopus, Viola) senza indicazioni nel protologo
21208 Torreya nomen conservandum; genere dedicato da Arnott al medico, chimico e botanico statunitense John Torrey (1796-1873); per qualche anno tenne uno studio medico a New York, mentre dedicava il tempo libero alla botanica; tra i fondatori del New York Lyceum of Natural History (oggi New York Academy of Science), pubblicò tra l’altro Flora of the Northern and Middle State in cui fu tra i primi ad usare il sistema di Lindley. Entrato nell’esercito, fu professore di chimica e geologia a West Point, poi insegnò chimica a Princeton, chimica, mineralogia e botanica all’Università della città di New York, botanica e chimica alla scuola di medicina della Columbia University. Nominato nel 1836 botanico dello Stato di New York, con l’assistenza dell’allievo Asa Gray pubblicò i primi volumi di The Flora of North America. Ebbe ruoli rilevanti nelle istituzioni scientifiche newyorkesi e dal 1873 fu il primo presidente del Torrey Botanical Club , la prima società botanica degli Stati Uniti.
[Lamiaceae] nomen reijcendum, genere dedicato allo stesso da Rafinesque
[Cyperaceae] nome illegittimo, genere dedicato allo stesso da Rafinesque
[Lamiaceae] nome illegittimo, genere dedicato allo stesso da Sprengel
[Loasaceae] nome illegittimo, genere dedicato allo stesso da Eaton
[Stemonaceae] nome invalido, genere dedicato allo stesso da Croom
21209 torreyanus, a, um (Anantherix, Atriplex, Boerhavia/ B. spicata var., Bothriochloa/ B. laguroides subsp./ B. saccharoides var./ Amphilophis/ Andropogon/ A. saccharoides var./ Dichanthium saccharoides subvar., Callitriche marginata var., Carex, Carlowrightia, Croton/ Oxydectes, Cryptantha/ Krynitzkia, Cyperus, Dicksonia, Eleocharis/ Scirpus/ Trichophyllum, Ephedra, Epilobium/ Boisduvalia/ Oenothera, Eriogonum/ E. umbellatum var., Eupatorium/ Uncasia, Fuirena, Gentiana/ Pneumonanthe, Glyceria/ Panicularia/ Poa, Ipomoea cordatotriloba var./ Ipomoea trichocarpa var./ Ipomoea trifida var., Melica, Muhlenbergia/ Agrostis/ Sporobolus, Nicotiana, Nyctaginia, Panicum, Parkinsonia/ Cercidium, Pinus, Prosopis glandulosa subsp./ P. juliflora var., Rhynchospora/ Phaeocephalum, Rhynchospora nome ill., Salix, Scleria, Stillingia, Suaeda/ Dondia, Tetraneuris/ Actinea/ Actinella/ Hymenoxys, Vaccinium) in onore del medico, chimico e botanico statunitense John Torrey (1796-1873); per qualche anno tenne uno studio medico a New York, mentre dedicava il tempo libero alla botanica; tra i fondatori del New York Lyceum of Natural History (oggi New York Academy of Science), pubblicò tra l’altro Flora of the Northern and Middle State in cui fu tra i primi ad usare il sistema di Lindley. Entrato nell’esercito, fu professore di chimica e geologia a West Point, poi insegnò chimica a Princeton, chimica, mineralogia e botanica all’Università della città di New York, botanica e chimica alla scuola di medicina della Columbia University. Nominato nel 1836 botanico dello Stato di New York, con l’assistenza dell’allievo Asa Gray pubblicò i primi volumi di The Flora of North America. Ebbe ruoli rilevanti nelle istituzioni scientifiche newyorkesi e dal 1873 fu il primo presidente del Torrey Botanical Club, la prima società botanica degli Stati Uniti
21210 Torreyochloa [Poaceae] nome composto da Torrey, dedica in onore del medico, chimico e botanico statunitense John Torrey (1796-1873); per qualche anno tenne uno studio medico a New York, mentre dedicava il tempo libero alla botanica; tra i fondatori del New York Lyceum of Natural History (oggi New York Academy of Science), pubblicò tra l’altro Flora of the Northern and Middle State in cui fu tra i primi ad usare il sistema di Lindley. Entrato nell’esercito, fu professore di chimica e geologia a West Point, poi insegnò chimica a Princeton, chimica, mineralogia e botanica all’Università della città di New York, botanica e chimica alla scuola di medicina della Columbia University. Nominato nel 1836 botanico dello Stato di New York, con l’assistenza dell’allievo Asa Gray pubblicò i primi volumi di The Flora of North America. Ebbe ruoli rilevanti nelle istituzioni scientifiche newyorkesi e dal 1873 fu il primo presidente del Torrey Botanical Club, la prima società botanica degli Stati Uniti, e dal greco χλόα chlóa erba: erba dedicata a Torrey
21212 tosaensis, e (Arisaema, Asplenium/ × Asplenosorus, Boehmeria, Callicarpa ×, Carex, Clematis/ C. japonica var., Comanthosphace/ C. stellipila var./ Leucosceptrum stellipilum var., Chrysosplenium/ C. flagelliferum var., Cynoglossum/ C. asperrimum var., Cyperus, Dendrobium, Elaphoglossum/ Acrostichum, Habenaria/ Fimbrorchis, Hypericum, Lepisorus/ Pleopeltis/ Polypodium, Phyllostachys nigra var., Pleioblastus/ Nipponocalamus, Polystichum/ Aspidium, Potamogeton ×, Primula, Rhododendron/ R. obtusum var., Sciaphila/ Parexuris/ Seychellaria, Scutellaria, Sedum, Spiraea/ S. bracteate var./ S. nipponica var., Swertia/ S. diluta var./ Frasera diluta var./ Ophelia, Viola) della provincia di Tosa nel Shikoku meridionale (Giappone)
21213 tovari, ii (Axinaea, Capsicum, Chusquea, Cistanthe, Diplostephium, Ferreyranthus/ Liabum, Geranium, Lomanthus/ Senecio, Nordenstamia/ Aequatorium/ Gynoxys, Nototriche, Piptochaetium, Poa, Solanum velleum var., Verbesina, Viola) specie dedicate al botanico peruviano Oscar Tovar Serpa (1923 - 2009), docente dell’Università di Lima, specialista di Poaceae, autore di Vegetatio Andinae e Las Gramíneas Acuáticas de la Amazonía
(Mariscus) della località di Tovar (Venezuela)
21214 Townsendia [Asteraceae] genere dedicato da W.J. Hooker al bancario e botanico dilettante statunitense David Townsend (1787-1858); tesoriere della contea di Chester e primo direttore della Banca nazionale della Contea di Chester, insieme all’amico e collega William Darlington fece parte di un’associazione locale di botanica e corrispose con molti botanici tra cui appunto Hooker al quale inviò molti campioni d’erbario
21215 toxicodendron (Cotinus, Philostemon, Ptelea, Rhus) dal genere Toxicodendron (vedi), passaggio da nome generico a epiteto per mutato ordine sistematico
21216 toxicus, a, um (Aconitum, Hedyosmum, Ficus, Linum, Lophopetalum, Mayna, Solenospermum – Amanita, Clitocybe, Ramaria, Volutella) da toxicum veleno utilizzato per le frecce: velenoso, tossico
21217 tozeri, ii
  • (Bryum) in onore del rev. John Savery Tozer (1790-1836), briologo inglese
  • (Albizia, Feuilleea, Myrtus, Pithecellobium) da definire
21218 tozzi, ii (Euphorbia) in onore del raccoglitore di piante italiano R. Tozzi (fl.1931-1932) che erborizzò in Somalia
21219 traceyi
  • (Caesalpinia, Miliusa) specie dedicate a botanico ed ecologo australiano John Geoffrey Tracey (1930-2004)
  • (Actephila, Phaeocephalum) da definire
21220 trachelium (Campanula, Drymocodon) dal genere Trachelium (vedi): passaggio da nome generico a epiteto per la modifica del rango sistematico
21221 trachycarpus, a, um (Acacia, Ainsworthia, Ammi, Carex, Cassia, Corydalis, Epidendrum, Euphorbia, Ferulago, Ficus, Pimpinella, Ranunculus, Senecio, Tragopogon, Valeriana) dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido, aspro e da καρπός carpós frutto: con frutti ruvidi
21222 trachydermis (Rubus) dal greco τρᾱχύς trachýs scabro, ruvido, aspro, e da δέρμα dérma pelle: con l'epidermide ruvida
21223 Tracya [Doassansiaceae] genere di funghi dedicato al botanico, agrostologo e micologo americano Samuel Mills Tracy (1847-1920)
21224 Tracyanthus [Melanthiaceae] nome composto da Tracy, dedica al botanico, agrostologo e micologo americano Samuel Mills Tracy (1847-1920) e dal greco ἄνϑοϛ ánthos fiore: fire dedicato a Tracy
21225 tracyi
  • (Andropogon, Eragrostis, Poa) in onore del botanico, agrostologo e micologo americano Samuel Mills Tracy (1847-1920)
  • (Festuca) in onore del botanico dilettante Joseph Prince Tracy (1879-1953), statunitense
  • (Actaea, Aquilegia, Astragalus, Carex, Cirsium, Drosera, Epilobium, Geranium, Lathyrus, Opuntia, Rubus, Sanicula, Senecio) da definire
21226 tracyanus, a, um
  • (Cymbidium) in onore del vivaista inglese Henry Anos Tracy (~1850-1910)
  • (Clerodendrum, Gongora, Premma, Vitex) da definire
21227 Tracyina [Asteraceae] genere dedicato al botanico americano Joseph Prince Tracy (1879-1953)
21228 Tracylla [Ascomycota] genere di funghi dedicato al botanico e micologo americano Samuel Mills Tracy (1847-1920)
21229 Tragia [Euphorbiaceae] genere dedicato da Linneo al botanico tedesco Hieronimus Bock (1498-1554) il cui cognome in tedesco vuol dire caprone, latinizzato in Tragus (dal greco τράγος trágos) – Bock nel 1539 pubblicò Kreutterbuch (Libro delle piante) sulla flora della Germania
21230 tragodes (Acharia, Schinus, Fagara, Pterota, Zanthoxylum) dal greco τράγος trágos capro, becco e dal suffisso -ώδης, -odes, dall'aspetto di, simile a: probabile riferimento all'odore sgradevole
21231 Tragus [Poaceae] genere dedicato da Haller al botanico tedesco Hieronimus Bock (1498-1554) il cui cognome in tedesco vuol dire caprone, latinizzato in Tragus (dal greco τράγος trágos) – Bock nel 1539 pubblicò Kreutterbuch (Libro delle piante) sulla flora della Germania
21232 trailli, ii
  • (Cyperus, Dioscorea, Miconia, Rudgea, Sabicea, Tococa – Agaricus) in onore del medico, naturalista, botanico e micologo scozzese James William Helenus Trail/Traill (1851-1919) che erborizzò nella Guyana britannica, Surinam, Brasile e Gran Bretagna
  • (Acyphylla e probabilmente Cotula, Leptinella, Olearia) in onore dello scozzese Arthur William Traill (1852-1936)che col fratello Walter e il fratellastro Charles emigrò in Nuova Zelanda dove assistette Thomas Kirk (1828-1898) nelle sue esplorazioni botaniche e successivamente erborizzò in proprio
  • (Bryum, Campylopus) specie probabilmente dedicate da Robert Brown del New Zealand a Charles Traill (1826-1891), scozzese emigrato in Nuova Zelanda che erborizzò nella Stewart Island
  • (Hemitelia/ Cyathea, Primula) in onore del botanico e mineralologo scozzese George William Traill (1836-1897) che erborizzò in Gran Bretagna e India
  • (Hieracium, Phyllophora) da definire
21233 traillianus, a, um
  • (Chirita/ Didymocarpus, Gentiana/ Gentianella/ Comastoma, Crawfurdia, Rhododendron) in onore del botanico statunitense autore di questi taxa George William Traill (1836-1897), suocero del botanico scozzese George Forrest (1873-1932)
  • (Maderosperma/ Tassadia) in onore del medico, naturalista, botanico e micologo scozzese James William Helenus Trail/Traill (1851-1919) che erborizzò nella Guyana britannica, Surinam, Brasile e Gran Bretagna
21234 Trametopsis [Polyporaceae] dal genere di funghi Trametes (vedi) e dal greco ὄψις opsis aspetto, sembianza: simile a un Trametes
21235 tranzscheli, ii (Aconitum, Astragalus, Draba, Euphorbia, Euphrasia, Filaginella, Galarhoeus, Gnaphalium, Potentilla, Ranunculus, Rubus ×, Tithymalus, Trapa) in onore del micologo russo Woldemar Andrejevitch Tranzschel (1868-1942) per i suoi studi sui funghi patogeni delle piante
21236 trapeziformis, e (Adiantum, Alyssum, Asplenium, Davallia, Inga, Lindsaea, Microlepia, Racinaea, Scottia, Tillandsia) da trapetium trapezio e da forma aspetto: di forma trapezioidale, solitamente riferito alle foglie o ai loro segmnenti
21237 trassi, ii (Amandinea, Caloplaca, Chaenothecopsis, Cladonia, Opegrapha) in onore del lichenologo estone Hans Trass (1928-)
21238 Trattenikia [Asteraceae] genere dedicato al botanico e micologo austriaco Leopold Trattinnick (o Trattunick o Trattinnik, 1764-1849)
21239 Trattinickia variante grafica di Trattinnickia (vedi)
21240 Trattinnickia [Burseraceae] genere dedicato al botanico e micologo austriaco Leopold Trattinnick (o Trattunick o Trattinnik, 1764-1849)
21241 Traubia [Amaryllidaceae] genere dedicato al botanico americano Hamilton Paul Traub (1890-1983)
21242 trautvetteri, ii (Acer, Astragalus, Campanula, Cousinia, Dianthus, Lepidium, Phyteuma, Poa, Salvia, Saxifraga, Senecio, Sisymbrium, Thymus) in onore del botanico russo Ernst Rudolf von Trautvetter (1809-1889), nato in Lettonia da famiglia tedesca, specializzato nella flora del Caucaso e dell'Asia centrale
21243 Trautvetteria [Ranunculaceae] genere dedicato al botanico russo Ernst Rudolf von Trautvetter (1809-1889), nato in Lettonia da famiglia tedesca, specializzato nella flora del Caucaso e dell'Asia centrale
21244 trautvetterianus, a, um (Allium, Artemisia, Draconia, Eremostachys, ierochloë, Jurinea, Minuartia, Ranunculus, Salix, Serratula, Thalictrum) in onore del botanico russo Ernst Rudolf von Trautvetter (1809-1889), nato in Lettonia da famiglia tedesca, specializzato nella flora del Caucaso e dell'Asia centrale
21245 travancoricus, a, um
  • (Ochlandra) di Travancore (India), luogo d'origine
  • (Anaphalis, Asplenium, Cacalia, Ficus, Garcinia, Habenaria, Impatiens, Ligustrum, Pavetta, Uragoga, Vernonia) da definire
21246 Treculia [Moraceae] genere dedicato al botanico francese Auguste Adolphe Lucien Trécul (1818-1896)
21247 Treleasea [Commelinaceae] genere dedicato al botanico ed entomologo statunitense William Trelease (1857-1945) che partecipò alla spedizione Harriman in Alaska nel 1899
21248 treleasei (Agave, Barbula, Cercocarpus, Crataegus, Dasylirion, Delphinastrum, Draba, Mimulus, Peperomia, Phoradendron, Vitis) in onore del botanico ed entomologo statunitense William Trelease (1857-1945) che partecipò alla spedizione Harriman in Alaska nel 1899
21249 treleasii
  • (Thalictrum) in onore del botanico ed entomologo statunitense William Trelease (1857-1945) che partecipò alla spedizione Harriman in Alaska nel 1899
  • (Agave, Barbula, Cereus/ Stenocereus, Draba) grafia alternativa per treleasei (vedi)
21250 tresederianus, a, um (Laelia ×, ×Laeliocattleya) in onore di Mr. J.S. Treseder, ibridizzatore presso il vivaio esotico Heath & Son, Cheltenham
21251 treubi, ii (Dendrobium, Diospyros, Hopea, Ixora, Polypodium, Pteris, Stercula, Utricularia) piante dedicate al botanico olandese Melchior Treub (1851-1910), direttore del Botanic Garden di Buitenzorg (ora Bogor), Giava
21252 Trevirana [Gesneriaceae] genere dedicato al botanico tedesco Ludolph Christian Treviranus (1779-1864)
21254 trianae
  • (Cattleya) in onore del botanico, medico ed esploratore colombiano José Jerónimo Triana Silva (1826-1890)
  • (Aristolochia, Arundinaria, Aspidium, Asplenium, Cissus, Dryopteris, Eupatorium, Galium, Geranium, Senecio, Urtica) da definire
21255 trianaea (Weinmannia/ Windmannia) dal genere Trianea (vedi): passaggio da genere a epiteto per modificata tassonomia
21256 Trianaea [Solanaceae] genere dedicato al botanico, medico ed esploratore colombiano José Jerónimo Triana Silva (1826-1890)
21257 trianaei variante grafica per trianae (vedi)
21258 Trianaeopiper [Piperaceae] nome composto da Triana, dedica al botanico, medico ed esploratore colombiano José Jerónimo Triana Silva (1826-1890) e dale genere affine Piper (vedi): genere dedicato a Triana simile al Piper
21259 trianeus, a, um errata grafia per trianaea (vedi)
21260 tricarpus, a, um (Connarus, Dicella, Elvasia, Eucalyptus, Euonymus, Froesia, Psychotria, Sedum, Spachea, Turibana) dal greco τρεῖς treís tre e da καρπός carpós frutto: con frutti tripartiti
21264 trichocaulis, e (Desmodium, Drosera, Hieracium, Hypericum, Scirpus, Senecio, Stipa) dal greco ϑρίξ, τριχóϛ thríx, trichόs capello, pelo e da καυλóϛ caulós caule, gambo, germoglio: con gambi o germogli pelosi
22383 touveti, ii (Hieracium armerioides ssp./ H. cirritum ssp.) entità dedicata al botanico francese Jean-Maurice Casimir Arvet-Touvet (1841-1913), uno dei maggiori specialisti francofoni del genere Hieracium. Le sue prime indagini botaniche avvennero nel Delfinato e successivamente si dedicò al genere a cui consacrò i suoi studi
22639 toutonii (Cymbalaria, Thymus pulegioides var., Tortula) in onore del francese Jean-Baptiste Touton (1881-1972), alto funzionario delle poste e botanico dilettante che fece raccolte nel settore occidentale bacino parigino; scoprì Cymbalaria toutonii quando era direttore delle poste di Laval
(Hieracium bifidum ssp.) in onore del medico dermatologo Karl Touton (1858-1934), appassionato di botanica; il suo erbario (ricco di oltre 20.000 campioni) ebbe il fulcro nel Genus Hieracium e costituisce ancor oggi il nucleo più importante di tale Genus del Museo Botanico di Berlin-Dahlem BHL
22756 translucens (Acacia, Aloë, Convolvolus, Cystopteris, Eucalyptus, Hieracium ssp., Lonicera, Peucedanum, Scirpus) da transluceo lasciar passare la luce: diafano, traslucido, semitrasparente
22810 titani (Centaurea alba f., Crepis lacera subsp., Dactylis glomerata var.) del Monte Titano, il principale rilievo della Repubblica di San Marino, luogo del ritrovamento di questi taxa
23122 tortifolius, a, um (Abies nordmanniana f., Allium/ A. ampeloprasum var., Anthericum, Banksia/ Dryandra/ D. arctotidis var., Bulbine, Castilleja, Chrysothamnus/ C. viscidiflorus var./ Bigelowia douglasii var., Eupatorium/ E. hyssopifolium var./ Uncasia, Fimbristylis, Fritillaria, Haplopappus, Hieracium/ H. lachenalii subsp., Melaleuca, Monardella, Narcissus, Pancratium, Persoonia/ Linkia, Schoenorchis/ Saccolabium, Salix humilis f., Selaginella flexuosa var., Sericocarpus/ Aster/ Oligactis, Solidago, Styphelia, Yucca/ Y. rupicola var., Xylorhiza/ Aster nome ill./ Machaeranthera) da tortus torto, ritorto, storto e da folium foglia: con foglie ritorte
23194 trefferianus, a, um (Hieracium) in onore del botanico austriaco Georg Treffer (1847-1902) che erborizzò in Alto Adige
23195 trefferi, ii (Potentilla ×, Salix ×) in onore del botanico austriaco Georg Treffer (1847-1902) che erborizzò in Alto Adige
23196 trefferianiformis, e (Hieracium ssp.) da trefferianus, a, um (vedi), epiteto di un'entità congenere, e da forma forma, aspetto, sembianza: simile a quella entità
23213 thyrsodes (Brassia, Dendrobium/ Callista, Hieracium calcareum var.) dal greco θυρσός thyrsós tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e da εἶδος eídos sembianza: con infiorescenza tirsoide, simile al tirso in cui l'asse principale è un racemo di cime, ma che a differenza del tirso termina con un fiore
23328 tintiae (Hieracium glaucinum subsp.) in onore della dottoressa Daniela Tinti, coautrice di Il Lago di Campotosto e la sua flora e impiegata presso il Centro Floristico Appennino (San Colombo/Barisciano), per il grande aiuto fornito a Günter Gottschlich, autore del taxon
23444 toscoemilianus, a, um (Hieracium) dal latino moderno toscanus toscano e da emilianus emiliano: riferimento alla zona di crescita nell'Appennino Tosco-Emiliano
23445 toutonianus, a, um (Hieracium) in onore di Anna Touton nata Reifer, moglie del medico dermatologo Karl Touton (1858-1934) con il quale collaborò attivamente nelle sue ricerche sul genere Hieracium
23476 timaviensis, e (Hieracium leiocephalum subsp./ H. leiocephalum subsp.) del Fiume Timavo che scorre tra Croazia, Slovenia e Italia
23503 trentanus, a, um (Hieracium ssp.) della Val Trenta che si trova nel Goriziano sloveno ed è percorsa dal fiume Isonzo
23542 tofanensis, e (Hieracium murorum subsp..) del massiccio montuoso delle Tofane nelle Dolomiti Orientali a ovest di Cortina d'Ampezzo
23543 torticeps (Hieracium/ H. murorum subsp. torticeps) da tortus torto, ritorto, storto e dal suffisso -ceps (derivato da cáput) capo, testa: con capolini ritorti, con riferimento alle squame involucrali
23556 triangulilacer, era, erum (Hieracium ssp.) da triangulus triangolare e da lacerus lacero, lacerato, strappato, sfrangiato: per le foglie con lacerazioni triangolari
23561 tomensis, e (Grammitis/ Lellingeria, Stenogrammitis, Tarenna) di São Tomé, isola del golfo di Guinea, facente parte dello stato insulare di São Tomé e Príncipe
(Hieracium/ H. oxyodon subsp.) delle sponde del Lago di Tom, sito nel comune di Quinto, regione del Piora, Canton Ticino, Svizzera, località dei primi ritrovamenti
(Racinaea/ R. decipiens var./ R. multiflora var./ Tillandsia multiflora var.) di La Toma, località della provincia di Loja in Ecuador nei cui pressi fu raccolto il tipo
23565 trachselianoides (Hieracium) da trachselianum (vedi), epiteto di un'entità congenere, e dal greco εἷδος eídos aspetto, sembianza: simile a quella entità
23766 tineoorum (Viola) errata grafia per tineorum (vedi)
24841 topalii (Ammi) in memoria di Konstantinos Topali (1898-1926) che studiò medicina a Ginevra e morì tragicamente sul ghiacciaio del Glenz (Monte Rosa); forse fu lui a introdurre alla botanica la sorella Sofia Topali (1900-1944), collaboratrice del botanico elvetico Gustave Beauverd
24842 topalianus, a, um (Anthemis, Campanula, Orlaya) in onore di Panagiotis Topali, possidente e padre della botanica greca Sofia Topali, il quale finanziò le ricerche botaniche della figlia e del botanico elvetico Gustave Beauverd
(Crepis setosa subsp., Trifolium) in onore della botanica greca Sofia Topali (1900-1944) che all’inizio degli anni ’30 fece viaggi di raccolta in Libano, Cipro, Chios, Tessaglia, Attica e Peloponneso; con il sostegno finanziario del padre P. Topali, lei e Gustave Beauverd fecero ricerche botaniche sul Monte Pelio, in Eubea e nel Peloponneso settentrionale. Durante la seconda guerra mondiale, accusata di attività antitedesche, fu impiccata insieme alla madre e a una domestica
25081 Trewia [Euphorbiaceae] genere dedicato al medico e botanico tedesco Christopher Jakob Trew (1695-1769), autore di Hortus nitidissimus, Plantae rariores
25082 Trevia [Euphorbiaceae] variante grafica di Trewia (vedi)
25731 Topelia [Stictidaceae] da topel, anagramma del cognome del botanico, briologo e lichenologo tedesco Josef Poelt (1924-1995), professore di botanica sistematica prima alla libera università di Berlino poi a Graz, che erborizzò in Austria, Francia, Germania, Grecia, Italia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria, Brasile e Nepal
25732 Topeliopsis [Graphidaceae] dal genere Topelia (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, sembianza: simile a quel genere
25956 torquetus, a, um (Epipactis) errata grafia per torquatus (vedi), confuso con tortus (vedi) nel significato di ritorto (da torqueo torcere, ritorcere): nel protologo si spiega che l'epiteto deriva dal fatto che epichilo e ipochilo sono spesso contorti l'uno contro l'altro e spesso anche i singoli fiori e la colonna sono contorti
26722 tofanae (Hieracium) delle Tofane, massiccio montuoso della catena delle Dolomiti orientali, a ovest di Cortina d'Ampezzo, luogo del primo ritrovamento
26827 Triandus (Narcissus) gruppo (o divisione) di cultivar con caratteristiche evidenti di N. triandrus: solitamente due o più fiori penduli per stelo; segmenti del perianzio retroflessi
26924 tricerospermus, a, um (Onosma) dal prefisso greco τρι- tri- tre, da κέρας, -ατοϛ céras, -atos corno, e da σπέρμα spérma seme: con semi tricorni
27138 Toninia [Ramalinaceae] genere dedicato a Carlo Tonini (1803-1877), farmacista veronese collezionista di licheni e appassionato di botanica. Contemporaneo di Abramo Bartolomeo Massalongo, con il quale collaborò in quello che fu il periodo più celebre della lichenologia a Verona.
27234 tora (Persoonia) forma alternativa per toru, nome maori di questa pianta
(Senna/ Cassia/ Diallobus/ Emelista) dal nome singalese di questa pianta
27235 Thouinia [Sapindaceae] nomen conservandum; genere dedicato al francese André Thouin (1747 – 1824), giardiniere capo del Jardin du Roi, di cui aumentò enormemente le collezioni; fu attivo durante la rivoluzione e stilò insieme a Desfontaines il catalogo dei giardini della regione parigina appartenuti ai nobili; nominato professore amministratore del Museo nazionale di storia naturale vi creò la Scuola di agricoltura pratica
[Oleaceae] nomen rejicendum; genere dedicato allo stesso André Thouin
27236 thouini, ii (Dalea/ Parosela/ P. leporina var., Festuca, Marrubium, Limonium/ Linczevskia/ Statice/ Taxanthema Solanum, Vicia) in onore del francese André Thouin (1747 – 1824), giardiniere capo del Jardin du Roi, di cui aumentò enormemente le collezioni; fu attivo durante la rivoluzione e stilò insieme a Desfontaines il catalogo dei giardini della regione parigina appartenuti ai nobili; nominato professore amministratore del Museo nazionale di storia naturale vi creò la Scuola di agricoltura pratica
27237 thouvenoti, ii (Abrahamia/ Protorhus, Apodytes, Astrotrichilia, Cryptocarya/ Ravensara, Faucherea/ Manilkara, Garcinia/ Rheedia, Grewia, Memecylon, Mespilodaphne/ Ocotea, Ochna/ Discladium, Scolopia, Syzygium/ Eugenia condensata var., Tambourissa, Turraea, Zanthoxylum) in onore del francese Edouard Eugène Thouvenot (1873 – ca. 1920), ispettore forestale in Madagascar che fece raccolte e collaborò Ètienne Aimé Fauchère
27238 Thozetella [Chaetosphaeriaceae] genere di funghi dedicato all’orticultore franco-australiano Anthelme Thozet (1826 - 1878), che, emigrato in Australia, lavorò per qualche tempo all’orto botanico di Sydney, quindi si interessò alle piante usate dagli indigeni del Queensland settentrionale, a Rockhampton collaborò allo sviluppò dei Rockhampton Botanic Gardens e creò un vivaio chiamato Mullerville in onore di Ferdinand von Muller, che forniva semi e piante a lui, altri botanici e orti botanici
27239 thozeti, ii (Alyxia/ Pulassarium, Aristolochia, Callicarpa, Corchorus, Eucalyptus gracilis var., Olea, Terminalia/ Myrobalanus) in onore dell’orticultore franco-australiano Anthelme Thozet (1826 - 1878), che, emigrato in Australia, lavorò per qualche tempo all’orto botanico di Sydney, quindi si interessò alle piante usate dagli indigeni del Queensland settentrionale, a Rockhampton collaborò allo sviluppò dei Rockhampton Botanic Gardens e creò un vivaio chiamato Mullerville in onore di Ferdinand von Muller, che forniva semi e piante a lui, altri botanici e orti botanici
27240 thozetianus, a, um (Aidia/ Ixora, Alchornea/ Caelebogyne/ Cladodes, Capparis/ Busbeckea, Eucalyptus, Heliodendron/ Acacia/ Albizia/ Archidendropsis/ Feuilleea, Jambosa) in onore dell’orticultore franco-australiano Anthelme Thozet (1826 - 1878), che, emigrato in Australia, lavorò per qualche tempo all’orto botanico di Sydney, quindi si interessò alle piante usate dagli indigeni del Queensland settentrionale, a Rockhampton collaborò allo sviluppò dei Rockhampton Botanic Gardens e creò un vivaio chiamato Mullerville in onore di Ferdinand von Muller, che forniva semi e piante a lui, altri botanici e orti botanici
27241 Threlkeldia [Amaranthaceae] genere dedicato al sacerdote dissidente, medico e botanico irlandese Caleb Threlkeld (1676 - 1728) autore della prima flora irlandese Synopsis Stirpium Hibernicarum
27242 Thrixspermum [Orchidaceae] dal greco θριξ τριχος thrix trichós pelo, capello e σπέρμα spérma seme: rifermento ai semi alati lunghi e sottili come capelli
27243 Thryallis [Malpighiaceae] dal nome di una pianta citata da Teofrasto per un verbasco e da Plinio per due diverse specie, forse per il colore giallo dei fiori
27244 Thryptomene [Myrtaceae] forma passiva del verbo greco θρύπτω thrýpto fare a pezzi, spezzare: reso piccolo, in riferimento alle dimensioni minute di molte specie
27245 Thuemenella [Hypoxylaceae] genere di funghi dedicato al botanico e micologo tedesco Felix von Thümen (Felix Karl Albert Ernst Joachim Baron von Thümen-Gräfendorf, 1839 - 1892) studioso di funghi e di patologie degli alberi da frutto (infestazioni fungine)
27246 Thulinia [Orchideceae] genere dedicato al botanico svedese Mats Thulin (1948- vivente), professore emerito dell’Università di Uppsala, specialista di Fabaceae, delle Campanulaceae africane e della flora del Corno d’Africa
27247 thulinianus, a, um (Cucumis, Dicoma, Lobelia, Oxygonum) in onore del botanico svedese Mats Thulin (1948- vivente), professore emerito dell’Università di Uppsala, specialista di Fabaceae, delle Campanulaceae africane e della flora del Corno d’Africa
27248 thunbergia (Gardenia/ Genipa/ Warneria) in onore del botanico ed entomologo svedese Carl Peter (Karl Pehr) Thunberg (1743-1828) che, come medico della Compagnia olandese delle Indie, esplorò la flora del Sud Africa e del Giappone; allievo di Linneo, occupò la sua cattedra all’università di Uppsala, ricostruì l’orto botanico in una nuova sede, fu uno dei botanici più importanti della sua generazione, autore delle fondamentali Flora Japonica e Flora Capensis
27249 Thunia [Orchidaceae] in onore del nobiluomo e statista austriaco Franz Anton von Thun (Franz Anton von Thun und Hohenstein, 1786 - 1873) per un breve periodo ministro-presidente e ministro dell’interno, protettore delle arti e collezionista di orchidee
27250 Thurovia [Asteraceae] genere dedicato a Friedrich Wilhelm Thurow (1852-1931), botanico dilettante statunitense di origine tedesca, che fece importanti raccolte in Texas e fu in contatto con botanici come Coulter, Vasey, Rose
27251 Thurya [Dianthaceae] genere dedicato al naturalista e botanico svizzero Jean Marc Antoine Thury (1822 - 1905), professore di botanica dell’Accademia di Ginevra, tra i fondatori della Société genevoise d'instruments de physique (SIP)
27252 Thyridachne [Poaceae] dal greco θυρίδος thyrìdos finestra, porticina, diminutivo di θύρᾱ thúrā porta, e ἄχνη áchne gluma, paglietta: riferimento al peculiare lemma inferiore
27253 Thyridia [Phrymaceae] dal greco θυρίδος thyrìdos finestra, porticina, diminutivo di θύρᾱ thúrā porta, in allusione alla fila di areole simili a finestre lungo entrambi i lati delle scanalature longitudinali della superfice dei semi
27254 Thyrocarpus [Boraginaceae] dal greco θύρᾱ thúrā porta e καρπός carpόs frutto: riferimento all’apice perforato delle nucole
27255 Thyridolepis [Poaceae] dal greco θυρίδος thyrìdos finestra, porticina, diminutivo di θύρᾱ thúrā porta, e da λεπίϛ, -ίδοϛ lepís, -ídos squama, scaglia: in riferimento alle glume le cui scaglie assomigliano a piccole finestre
27256 thyrsiformis, e (Bromus mollis var., Calceolaria glandulosa var., Espeletia/ Coespeletia, Hedychium/ Gandasulum, Panicum virgatum var., Phlogacanthus/ Justicia, Stylidium) da thyrsus tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e da forma forma: con fiori disposti in un’infiorescenza simile al tirso
27257 Thyrsodium [Anacardiaceae] dal greco θυρσός thyrsós tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta: per i fiori maschili disposti in ampie pannocchie terminali
27258 Thysanotus [Asparagaceae] dal greco θυσανωτός thysanotós sfrangiato, a sua volta da θΰσᾰνος thȳsănos fiocco, frangia: sfrangiato, riferimento ai bordi sfrangiati dei tepali
27259 Thyrsosalacia [Celastraceae] dal greco θυρσός thyrsós tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e dal genere Salacia (vedi): affine a quel genere, ma con infiorescenze a tirso
27260 Thyrsostachys [Poaceae] dal greco θυρσός thyrsós tirso, il bastone delle baccanti, qui nel significato tecnico di tirso tipo di infiorescenza composta, e da στᾰχυϛ stáchys spiga: con spighe a tirso
27261 Thysanocarpus [Brassicaceae] dal greco θΰσᾰνος thȳsănos fiocco, frangia, e καρπός carpόs frutto: riferimento ai margini sfrangiati dei frutti
27262 thysanotus, a, um dal greco θυσανωτός thysanotós sfrangiato, a sua volta da θΰσᾰνος thȳsănos fiocco, frangia: sfrangiato
(Lepanthes) riferimento ai petali sfrangiati
(Melaleuca) per il ciuffo di peli all’apice dei sepali
(Metastelma, Scleromitrion/ Hedyotis/ Oldenlandia) per la frangia di peli lungo i margini della corolla
(Streptocarpus) per la cospicua frangia di peli attorno alla gola
(Hieracium) da determinare
27264 Tianschaniella [Boraginaceae] dei monti Tien Shan o Tian Shan, letteralmente “montagne celesti”, vasto sistema montuoso, al confine tra Asia centrale e orientale, che costituisce prevalentemente il confine tra Cina e Kirghizistan
27265 tianschanicus, a, um (Acantholimon, Achillea, Aconitum, Adonis/ A. turkestanica var./ Adonanthe/ Chrysocyathus, Agrostis, Alchemilla, Alfredia/ Carduus, Allium/ A. hymenorhizum var., Amygdalus, Anabasis, Aquilegia/ A. vicaria subsp., Arabis, Artemisia/ Seriphidium, Astragalus, Atriplex/ Obione, Aulacospermum/ Trachydium, Bassia/ Kochia, Betula, Calamagrostis/ Deyeuxia, Calophaca/ C. nigricans var./ C. soongorica var./ Caragana, Caelestium/ Polygonum, Carex, Cerastium/ C. vulgatum var., Chorispora, Chrysosplenium, Clematis sibirica var./ Atragene, Cousinia, Crataegus, Cryptobasis, Cynoglossum, Dianthus, Diarthron/ Stelleropsis/ S. altaica subsp., Draba, Elymus uralensis subsp./ Agropyron/ Roegneria/ Semeiostachys, Epilobium, Eremurus, Erigeron, Eritrichium, Erysimum, Exochorda, Festuca, Galatella, Galium, Gentiana/ Gentianodes/ Tretorhiza, Gypsophila, Halimocnemis, Halothamnus/ H. glaucus subsp., Hedysarum obscurum var., Helictotrichon/ Avenastrum, Hylotelephium, Hyssopus, Juniperus, Kamelinia, Lagochilus, Lappula, Lepidium/ Stroganowia, Leymus/ Aneurolepidium/ Elymus/ E. uralensis subsp., Lilium, Limonium, Linaria, Linum heterosepalum subsp., Malus/ M. sieversii var., Matthiola, Medicago/ M. varia f., Monogynella, Neottia/ Listera, Oreosalsola/ Salsola, Oxytropis/ Spiesia, Papaver/ P. croceum subsp./ Oreomecon, Parrya/ Achoriphragma/ Neuroloma, Pedicularis, Phlomoides/ Eremostachys, Picea/ P. morinda subsp./ P. schrenkiana subsp., Piptatherum/ P. songaricum subsp./ Oryzopsis, Poa/ P. macrocalyx var., Populus, Potentilla/ Drymocallis, Puccinellia/ P. tenuiflora subsp., Pyrola, Ribes meyeri var., Richteria/ Cancrinia/ Chrysanthemum/ Pseudoglossanthis/ Pyrethrum/ Xylanthemum, Rindera, Rosa, Rumex, Salix, Salvia, Schulzia/ S. albiflora var., Serratula, Seselopsis, Sibiraea, Silene, Smelowskia, Sorbus/ Pyrus, Sphaenolobium/ Selinum, Spiraea, Stipa/ Ptilagrostis, Taraxacum, Trigonella/ Melilotoides/ Melissitus, Tulipa, Valeriana, Veronica, Vickifunkia/ Ligularia) dei monti Tien Shan o Tian Shan, letteralmente “montagne celesti”, vasto sistema montuoso, al confine tra Asia centrale e orientale, che costituisce prevalentemente il confine tra Cina e Kirghizistan
27266 Tiarella [Saxifragaceae] diminutivo del latino tiara copricapo orientale maschile, turbante: riferimento alla forma della capsula
27267 Tibellia [Ramalinaceae] genere di licheni, in onore dl botanico, micologo e lichenologo svedese Leif Tibell (1944 - ), professore di botanica sistematica dell’Università di Uppsala
27268 Tibetia [Fabaceae] del Tibet, regione storico-geografica dell’Asia orientale localizzata sull'omonimo altopiano
27269 tibicinis (Myrmecophila/ Bletia/ Cattleya/ Laelia/ Schomburgkia) genitivo di tibicen flautista, suonatore di flauto: del flautista, perché in Honduras gli indigeni ricavavano flauti dagli pseudobulbi cavi
27270 Tibisia [Poaceae] da tibisí, parola della lingua Taino che indica diverse specie di bambù rampicanti delle Indie occidentali; i Taino storicamente abitavano gran parte delle Grandi Antille e delle Bahamas, dove si trovano le tre specie di questo genere
27271 Ticanto [Fabaceae] dal nome vernacolare usato dai Bramini, secondo quanto riferisce Hortus Malabaricus
27272 Ticodendron [Ticodendraceae] da tico, soprannome con cui vengono chiamati colloquialmente gli abitanti della Repubblica di Costarica, per la loro abitudine di usare diffusamente il diminutivo -tico, -tica e dal greco δένδρον déndron albero: albero dei costaricensi, perché i caratteri inusuali di questo genere furono segnalati da botanici del Costarica, paese dove avvennero le prime raccolte
27273 tidestromi, ii (Astragalus/ Xylophacos, Lupinus, Oenothera/ O. oakesiana var., Penstemon, Pseudocymopterus, Viola) in onore del botanico statunitense di origine svedese Ivar (Frederick) Tidestrøm (1864-1956); emigrato negli Stati Uniti con la famiglia, servì nell’esercito, partecipando tra l’altro alla guerra ispano-americana; come botanico, fu assistente di Edward Lee Greene prima all’università poi al Forest Service e collaborò con Frederick Vernon Coville al Bureau of Plant Industry. Specialista della flora del sudovest statunitense, fu autore di Elysium Marianum sulla flora del Maryland e di Flora of Utah and Nevada
27274 Tiedemannia [Apiaceae] genere dedicato al medico, anatomista e zoologo tedesco Friedrich Tiedemann (1781 - 1861); allievo di Cuvier, fu professore di anatomia e zoologia a Landshut, quindi di anatomia e fisiologia a Heidelberg; si distinse per i suoi studi sull’anatomia del cervello e fu tra i primi a contestare le teorie razziste dimostrando che la supposta inferiorità intellettuale dei neri era basata su pregiudizi. In Geschichte des Tabaks und anderer ähnlicher Genussmittel riprtò casi di tumori alla lingua collegandoli al fumo del tabacco
27275 tieghemi, ii (Abies fargesii var., Balanites, Kalanchoe, Loranthus, Rhodiola/ Sedum, Scytopetalum/ Rhaptopetalum, Sloanea/ Antholoma, Viscum, Zygogynum) in onore del al botanico e biologo francese Philippe Édouard Léon Van Tieghem (1839-1914); fece ricerche sul micelio nel laboratorio di Pasteur, quindi fu successivamente docente di scienze naturali alla École centrale des arts et manufactures, al Museo di storia naturale di Parigi e all'Istituto nazionale di agronomia; tradusse Lehrbuch der Botanik di J. von Sachs e fu autore di Traité de botanique e studioso della famiglia Loranthaceae
27276 tiehmi, ii (Astragalus, Boechera/ Arabis, Eriogonum, Juncus/ Juncinella, Lepidium/ Stroganowia, Mentzelia, Penstemon) in onore dell’autista e botanico dilettante Arnold Gerard Tiehm (1951-), che nel tempo libero ha fatto raccolte in Nevada scoprendo diverse nuove piante; autore di Nevada Vascular Plant Types and Their Collectors
27277 Tietkensia [Asteraceae] in onore dell’esploratore australiano William Henry Tietkens (1844-1933) che accompagnò Giles in due spedizioni e nel 1889 diresse una spedizione nell’Australia centrale durante la quale fece raccolte di piante; fece raccolte anche per Mueller e Ralph Tate
27278 Tilesia [Asteraceae] genere dedicato al medico, naturalista, illustratore ed esploratore tedesco Wilhelm Gottlieb Tilesius (1769-1857) che al servizio della Russia prese parte alla spedizione Krusenstern e ricostruì lo scheletro del mammut di Adams; tornato in Germania fu incisore, docente, membro di molte società scientifiche. Per un approfondimento clicca qui
27279 tilesi, ii (Arabis/ Sisymbrium, Arctagrostis/ Colpodium, Artemisia/ A. vulgaris subsp., Aster, Saussurea/ Serratula) in onore del medico, naturalista, illustratore ed esploratore tedesco Wilhelm Gottlieb Tilesius (1769-1857) che al servizio della Russia prese parte alla spedizione Krusenstern e ricostruì lo scheletro del mammut di Adams; tornato in Germania fu incisore, docente, membro di molte società scientifiche.  Per Per un approfondimento clicca qui
27280 Ticorea [Rutaceae] denominazione di Aublet di etimo sconosciuto, forse connessa a un nome vernacolare della Guyana
27281 tidballi, ii (Opuntia) in onore del militare statunitense John Caldwell Tidball (1825-1906), presumibilmente per l’assistenza prestata in occasione di uno dei Pacific Railroad Surveys
27288 Tilletia [Tilletiaceae] genere di funghi dedicato a Mathieu Tillet (1714 - 1791), metallurgo, agronomo e botanico francese, direttore della miniera di Troyes, quindi successivamente ispettore generale delle miniere e direttore della Salpêtrière; come amministratore della Contessa de La Motte fu coinvolto nell’affare della collana e subì il carcere. Come agronomo, studiò le malattie e i parassiti dei cereali. Fece parte della commissione dei pesi e delle misure istituita dall’assemblea costituente
27289 tilli, ii (Lamium) in onore di Michelangelo Tilli (1655-1740), medico e botanico toscano alla corte di Cosimo III de' Medici; viaggiò nelle Baleari e a Costantinopoli, quindi fu nominato prefetto del Giardino dei Semplici a Pisa. Fu tra i primi in Italia a utilizzare serre, rendendo possibile la coltivazione di ananas e caffè
(Parodia, Pitcairnia, Puya, Racinaea, Tillandsia, Vriesea) in onore del botanico austriaco Walter Till (1956- ), direttore dell’erbario di Vienna, specialista di Bromeliaceae, che fece raccolte in Sudamerica
27290 timdalianus, a, um (Ramalina) in onore del lichenologo norvegese Einar Timdal (1955-), professore di micologia all’università di Oslo
27291 Timeroyea [Nyctaginaceae] genere dedicato al botanico francese Marc Antoine Timeroy (1793-1856), membro della Societé linnénne de Lyon e della Societé d’agricolture de Lyon, fece intese raccolte nei dintorni di Lione
27292 Timonius [Rubiaceae] dalla forma latinizzata del nome vernacolare malesiano di una specie di questo genere
27299 Tirania [Resedaceae] genere dedicato da Pierre al “Dr. Tiran, autore di lavori notevoli sulla zoologia dell’Indocina”; si tratta probabilmente, per un errore di trascrizione, del naturalista e funzionario coloniale Gilbert Tirant (1848 – 1899) che pubblicò molti lavori importanti sulla fauna dell’Indocina
27300 Tirpitzia [Linaceae] in onore del grande ammiraglio tedesco Alfred von Tirpitz (1849–1930), Segretario di Stato dell’ufficio navale imperiale
27301 Tisonia [Salicaceae] genere in onore del medico e botanico francese Eugène Édouard Augustin Tison (1842–1932), autore di una monografia sulla faba del Calabar Physostigma venenosum
27302 titanus gigante, titano, a sua volta dal greco Τιτάν, ᾶνος Titán, anos Titano, mitico gigante figlio di Urano e Gea: gigantesco, di enormi dimensioni
(Rubus/ R. vitifolius var.) per i frutti grandissimi
(Yucca ×) per le dimensioni eccezionali
27303 Tithymaloides [Euphorbiaceae] dal greco τιϑύμαλλος tithýmallos, nome di alcune specie di euforbia secernenti un lattice biancastro e caustico e εἶδος eídos aspetto, sembianza: simile a un’euforbia
27304 Tina [Sapindaceae] senza indicazioni nel protologo
27305 Tinadendron [Rubiaceae] dalla baia di Tina nell’isola di Nouméa (Nuova Caledonia) e dal greco δένδρον déndron albero: albero di Tina, per la localizzazione nei resti della foresta sclerofilla della baia di Tina
27306 Tinantia [Commelinaceae] genere dedicato da Scheidweiler al botanico lussemburghese François [Auguste Sébastien] Tinant (1893-1853), autore di Flore luxembourgeoise , la prima flora del Lussemburgo
(Nyctaginaceae) genere non valido dedicato allo stesso da Martens e Galeotti
27307 tintinnábulum (Agaricus, Mycena/ Hypophyllum, Morchella gigas var.) da tintinnābŭlum campanello: per la forma del carpoforo
27308 tioganus, a, um (Carex, Cirsium/ Carduus/ Cnicus, Gentiana/ G. newberryi subsp., Pneumonanthe newberryi var. ) del Tioga Pass, valico montano della Sierra Nevada (California) ai margini orientali del Parco di Yosemite
27309 Tobagoa [Rubiaceae] dall’isola di Tobago, facente parte dello stato insulare di Trinidad e Tobago e posta al largo del Venezuela, dove fu inizialmente segnalata la prima specie
27310 Tmesipteris [Psilotaceae] dal greco τμῆσις tmésis taglio, nome d’azione da τέμνω témno tagliare e πτέρις ptéris felce: felce tagliata, riferimento agli apici troncati delle fronde fertili
27311 Tolmiea [Saxifragaceae] nomen conservandum; genere dedicato da Torrey e Gray al chirurgo, commerciante di pellicce, scienziato e uomo politico canadese di origine scozzese William Fraser Tolmie (1812-1886); allievo di Hooker a Glasgow, entrò al servizio della Compagnia della baia di Hudson per la quale lavorò per quasi quarant’anni, rivestendo anche ruoli di primo piano, nei quali si impegnò per migliorare le relazioni con i nativi di cui prese spesso le difese; fu autore di un vocabolario comparativo delle lingue native del British Columbia. Come politico, fu membro dell’Assemblea legislativa dell’isola di Vancouver e del British Columbia. Si interessò della flora locale, apprendendone gli usi medicinali e di altro genere dai nativi, e scoprì diverse piante comunicate a Hooker, all’epoca direttore dei Kew Gardens
[Ericaceae] nomen rejiciendum; genere dedicato allo stesso William Fraser Tolmie da Hooker che lo definì “uno dei più zelanti dei miei allievi di botanica”
27312 tolmiei (Allium, Calochortus, Carex, Micranthes/ Leptasea/ Saxifraga, Mimulus, Orthocarpus, Penstemon) in onore del chirurgo, commerciante di pellicce, scienziato e uomo politico canadese di origine scozzese William Fraser Tolmie (1812-1886); allievo di Hooker a Glasgow, entrò al servizio della Compagnia della baia di Hudson per la quale lavorò per quasi quarant’anni, rivestendo anche ruoli di primo piano, nei quali si impegnò per migliorare le relazioni con i nativi di cui prese spesso le difese; fu autore di un vocabolario comparativo delle lingue native del British Columbia. Come politico, fu membro dell’Assemblea legislativa dell’isola di Vancouver e del British Columbia. Si interessò della flora locale, apprendendone gli usi medicinali e di altro genere dai nativi, e scoprì diverse piante comunicate a Hooker, all’epoca direttore dei Kew Gardens
27313 tokudama (Hosta) etimo incerto; forse dal giapponese tokü virtù, beneficio, vantaggio e tama gioiello
27314 Tomentaurum [Astercarceae] da toméntum peluria, lanugine, e aurum oro: per le foglie densamente tomentose e i flosculi del raggio giallo oro
27315 Tomostima [Brassicaceae] etimo ignoto; nel protologo Rafinesque non fornisce alcuna indicazione
27316 tonduzianus, a, um (Anemopaegma, Cyperus, Encyclia/ Epidendrum, Gurania, Lepanthes, Petastoma, Rheedia, Siparuna, Stelis/ Apatostelis, Tillandsia/ T. adpressa var., Werauhia/ Vriesea) in onore del botanico svizzero (Jean François) Adolphe Tonduz (1862-1921) che erborizzò in Svizzera, Costa Rica e Guatemala e fu il primo direttore dell'Herbarium del Costa Rica; con Henri Pittier pubblicò Primitae Florae Costaricensis e Herborisations au Costa Rica
27317 tongaensis, e (Aloidendron/ Aloe, Pelargonium, Plectranthus purpuratus subsp.) del Tongaland, o Amatongaland, regione storica dello Zululand abitata dal popolo Tonga, nell’attuale provincia del KwaZulu-Natal (Sudafrica)
(Homalium, Pandanus, Phyllostegia, Robiquetia, Smilax, Solanum) di Tonga, stato insulare della Polinesia
27318 Tongoloa [Apiaceae] di Tongolo (Dongolou) nel Sichuan occidentale (Cina)
27319 tonkinensis, e del Tonchino (in vietnamita: Đông Kinh o Tong King, in francese Tonkin), regione del Vietnam settentrionale. Epiteto di largo uso (circa 350 occorrenze, 150 delle quali accettate)
27320 Toona [Meliaceae] dall’hindi e urdu tūn, a loro volta dal sanscrito tunna, nome di T. ciliata nel subcontinente indiano, con passaggio da epiteto (Cedrela toona) a nome generico
27321 toona (Cedrela/ Surenus, Falcataria/ Albizia/ Paraserianthes) dall’hindi e urdu tūn, a loro volta dal sanscrito tunna, nome di T. ciliata nel subcontinente indiano
27322 tofáceus, a, um (Lepidium - Aureonarius/ Cortinarius/ Gomphos) dal latino classico tōphus/tōfus tufo: color del tufo
27323 toppingianus, a, um (Asplenium/ Athyrium, Eupatorium) in onore del funzionario e botanico statunitense David LeRoy Topping (1861-1939) che visse per molto tempo alle Filippine dedicando il proprio tempo libero alle ricerche botaniche; visitò anche la Siberia e il Borneo britannico. Dopo il pensionamento si trasferì a Honolulu e continuò le ricerche, specializzandosi soprattutto in pteridofite
27324 toppingi, ii (Bulbophyllum, Cyathea, Cyrtochloa/ Schizostachyum, Diospyros ferrea var./ D. sandwicensis var., Grammitis/ Davallia/ Polypodium/ Prosaptia, Huperzia/ Phlegmariurus/ Urostachys, Macroglena, Melastoma, Mesochlaena/ Sphaerostephanos, Mucuna, Oberonia, Piper, Pteris, Selaginella, Syzygium/ Eugenia, Thelypteris/ Cyclosorus/ Dryopteris, Uncaria/ U. lanosa var., Viola) in onore del funzionario e botanico statunitense David LeRoy Topping (1861-1939) che visse per molto tempo alle Filippine dedicando il proprio tempo libero alle ricerche botaniche; visitò anche la Siberia e il Borneo britannico. Dopo il pensionamento si trasferì a Honolulu e continuò le ricerche, specializzandosi soprattutto in pteridofite
27326 Topea [Apocynaceae] da un’espressione guaranì che significa ciglia; il nome fu suggerito all’autore da un informatore guaranì osservando i tricomi vibratili della corolla di T. patens
27327 topaliae (Quercus ×) in onore della botanica greca Sofia Topali (1900-1944) che all’inizio degli anni ’30 fece viaggi di raccolta in Libano, Cipro, Chios, Tessaglia, Attica e Peloponneso; con il sostegno finanziario del padre Panagiotis Topali, lei e Gustave Beauverd fecero ricerche botaniche sul Monte Pelio, in Eubea e nel Peloponneso settentrionale. Durante la seconda guerra mondiale, accusata di attività antitedesche, fu impiccata insieme alla madre e a una domestica
27329 Tordyliopsis [Apiaceae] dal genere Tordylium (vedi) e dal greco ὄψις ópsis aspetto, sembianza: simile a quel genere
27330 toringo (Malus/ M. baccata subsp./ M. microcarpa var./ Pyrus/ Sorbus) denominazione di Siebold per una specie di melo giapponese, dal nome giapponese composto da to pagoda e ringo mela: mela della pagoda
27331 toringoides (Malus/ M. transitoria var./ Pyrus/ P. transitoria var./ Sinomalus) da toringo (vedi), epiteto di una specie congenere e dal greco εἷδος eídos sembianza: simile a Malus toringo
27332 Torminalis [Rosaceae] denominazione ricavata da Medicus dal linneano Crataegus torminalis, con passaggio dall’epiteto torminalis (vedi) a nome generico
27333 Torminaria [Rosaceae] denominazione ricavata per crasi dai generi Torminalis (vedi) e Aria (vedi)
27334 toromiro (Sophora/ Edwardsia) dal nome vernacolare di questa specie a Rapa Nui
27335 torquens (Aecidium, Cylindrosporium, Epicoccum, Gloeosporium, Lecidea, Tilletia) participio presente di torqueo torcere, contorcere: che contorce; perché questi funghi parassiti causano l’incurvamento e la distorsione di organi dell’ospite
27336 Torralbasia [Celastraceae] genere dedicato al botanico e agronomo cubano José Ildefonso Torralbas (1842-1903), professore dell’università dell’Avana e direttore del museo botanico universitario
27337 torrenticola (Coleus/ Plectranthus, Psychotria, Stelis - Apostemidium) composto di torrens, -entis torrente e colo abitare: che vive lungo o nei torrenti
27338 torresiorum (Mollinedia) in onore dei botanici messicani Rafael (1958 - ) e María Leticia Torres Colin, fratello e sorella, dell’Istituto di biologia dell’Università nazionale autonoma del Messico, Erbario nazionale, per il loro grande contributo alla conoscenza della flora dello stato di Oaxaca
27339 torresiae (Mimosa) in onore della botanica messicana María Leticia Torres Colin, sorella e collaboratrice di Rafael Torres Colin, tassonomista e raccoglitrice dell’Istituto di biologia dell’Università nazionale autonoma del Messico, Erbario nazionale, specialista di leguminose e flora messicana
27340 torresianus, a, um (Alyxia/ Gynopogon/ Pulassarium, Aspidium, Asplenium, Corchorus, Fimbristylis/ F. globulosa var./ Dichostylis, Macrothelypteris/ Lastrea/ Polystichum/ Thelypteris, Mitracarpus, Procris/ Elatostema/ Sciophila) in onore di Luís de Torres (1770- dopo 1839), militare (“sergente maggiore”) e possidente nativo di Guam (isole Marianne); profondo conoscitore della cultura, delle lingue e della geografia delle isole Caroline, trasmise molte informazioni agli esploratori e scienziati che nella prima metà dell’Ottocento visitarono la Micronesia (spedizioni Kotzebue, Freycinet, Dumont d’Urville). Gaudichaud, che gli dedicò diverse specie, lo definì “l’uomo più raccomandabile delle isole Marianne”
(Anthurium) delle rive del fiume Torres nella provincia di San Francisco de Guadalupe (Costa Rica)
(Diplazium ×) in onore del botanico messicano Rafael Torres Colín (1958 - ), raccoglitore dell’erbario nazionale, coinvolto in diversi progetti come Flora di Oaxaca e l’esplorazione botanica del Cerro Guiengola, responsabile dello sviluppo delle collezioni botaniche dello stato di Michoacán per l’istituto di Ecologia Flora del Bajío
(Ficus, Hydrocotyle, Palicourea/ Psychotria, Rhynchospora) in onore del naturalista costaricano Rubén Torres Rojas (1890-1978), professore di scienze naturali presso il Colegio san Luis Gonzaga di Cartago e altri istituti, quindi docente di botanica dell’Università di Costa Rica, studioso di flora e entomologia costaricensi; collaborò con Standley e altri botanici statunitensi
(Pitcairnia, Strychnos) in onore dell’antropologa brasiliana Heloísa Alberto Torres (1895-1977), direttrice del Museo nazionale del Brasile
(Hyssopus) senza indicazioni nel protologo
27343 torticaulis, e (Dioscorea, Hieracium/ H. lachenalii subsp., Senecio) da tortus torto, ritorto, storto e da καυλόϛ caulós gambo: con gambo o fusto storto
27344 tortifrons da tortus torto, ritorto, storto e da frons, frondis fronda, foglia
(Hieracium, Hosta) con foglie ritorte
(Vittaria) con fronde ritorte
27345 tortipes da tortus torto, ritorto, storto e da pes, pedis piede
(Astragalus, Corchorus, Machaerium, Solanum) con il peduncolo ritorto
(Agaricus, Conocybe/ Agaricus nome ill./ Derminus/ Galera/ Galerula, Chamaeceras/ Marasmius, Clitocybe/ Collybia nome ill., Cortinarius, Entoloma, Gymnopus/ Collybia, Lepiota, Psilocybe/ Naematoloma) con lo stipite ritorto
(Cercospora) per i conidiofori ritorti
27346 tortispinus, a, um (Agave, Cumulopuntia, Gymnocalycium spegazzinii var., Opuntia, Opuntia crispicrinita var./ Tephrocactus crispicrinitus var.) da tortus torto, ritorto, storto e da spina spina: con spine ritorte
27347 Tortuella [Rubiaceae] dall’isola della Tortuga o Île de la Tortue (oggi parte di Haiti) di cui questo genere monospecifico è endemico
27348 toru (Persoonia/ Linkia/ Toronia) dal nome vernacolare maori di questa specie
27349 Torula [Torulaceae] da tórulus treccia, croccia, diminutivo di torus tórus oggetto rigonfio, protuberanza, muscolo, letto, rialzo; per il corpo fruttifero lineare-cilindrico in cui si alternano rigonfiamenti e contrazioni
27350 Torularia [Brassicaceae] da tórulus treccia, croccia, diminutivo di torus tórus oggetto rigonfio, protuberanza, muscolo, letto, rialzo; per le silique cilindriche con rigonfiamenti moniliformi
27352 totai (Acrocomia) da totaí, nome volgare di questa palma in Bolivia
27353 totara (Podocarpus/ Nageia) dal maori tōtara, attraverso l’inglese totara; il nome maori deriva da una radice protopolinesiana che si riferisce a piante o animali spinosi
27354 Touchardia [Urticaceae] genere istituito da Gaudichaud-Beaupré in onore di Philippe Victor Touchard (1810–1879), luogotenente della corvetta La Bonite durante il viaggio attorno al mondo (1836-1837); successivamente fu governatore della Guadalupa, comandante della stazione francese del Levant, comandante della squadra del Mediterraneo, terminando la carriera come vice-ammiraglio; fu anche uomo politico come deputato del dipartimento della Senna
27355 Toulicia [Sapindaceae] secondo Aublet, dal nome vernacolare caraibico toulici
27356 Tournaya [Fabaceae] in onore del botanico belga Roland Louis Jules Alfred Tournay (1925–1972), che lavorò all’orto botanico del Belgio (Bruxelles) di cui tra il 1967 e il 1972 curò il bollettino; specialista della flora dell’Africa centrale, benché egli stesso non abbia mai viaggiato al di fuori dell’Europa, se non in Marocco e Turchia
27357 Touroulia [Ochnaceae] denominazione ricavata da Aublet dal nome vernacolare Galibi
27358 Toussaintia [Annonaceae] in onore del botanico e agronomo tropicale belga Léon Louis Emile Toussaint (1914 - 1997) che, dopo aver lavorato nella sezione dedicata all’erbario africano dell’orto botanico nazionale di Bruxelles, fu nominato assistente della stazione forestale di Luki (Mayombe, Congo belga e raccolse numerosi esemplari, tra cui la specie tipo di questo genere
27359 toussainti, ii (Amsinckia, Rubus ×) in onore del sacerdote francese Anatole Toussaint (1863–1943), curato di Bois -Jérôme e Giverny in Normandia e appassionato botanico, creatore di un vasto erbario in cui metteva a confronto la flora europea con quella nordamericana
(Salacia/ S. whytei var., Xylopia) in onore del botanico e agronomo tropicale belga Léon Louis Emile Toussaint (1914 - 1997) che, dopo aver lavorato nella sezione dedicata all’erbario africano dell’orto botanico nazionale di Bruxelles, fu nominato assistente della stazione forestale di Luki (Mayombe, Congo belga e raccolse numerosi esemplari
27360 Tovaria [Tovariaceae] genere dedicato da Ruiz e Pavón al medico spagnolo di origine portoghese Simon de Tovar (1528-1596), che, stabilitosi a Siviglia, si inserì nel commercio triangolare, arricchendosi con la compravendita di schiavi neri dell’Africa, metalli preziosi e droghe esotiche dal Nuovo mondo; il suo giardino ebbe un ruolo importante nell’introduzione di piante americane ed era considerato il più ricco del paese. Pubblicò due testi di terapeutica farmacologica, uno a Siviglia, l’altro ad Anversa per i tipi di Plantin. Attraverso l’amicizia comune con l’erudito Benito Arias Montano, entrò in contatto e scambiò piante con Clusio.
[Asparagaceae] genere non valido (nome superfluo) dedicato allo stesso da Necker
27361 tovarianus, a, um (Cranichis) in onore del sacerdote Pedro Tovar, parroco di El Cuale, che ha dedicato la sua vita al proprio ministero
(Aristida, Gentianella, Nolana, Puya, Solanum asperolanatum var.) specie dedicate al botanico peruviano Oscar Tovar Serpa (1923 - 2009), docente dell’Università di Lima, specialista di Poaceae, autore di Vegetatio Andinae e Las Gramíneas Acuáticas de la Amazonía
(Peperomia) della località di Tovar (Venezuela)
27362 Tovomita [Clusiaceae] denominazione ricavata da Aublet dal nome vernacolare Galibi
27376 trabuti, ii (Amygdalus, Asperula, Borago, Cistus creticus subsp., Eucalyptus ×/ E. rameliana var., Festuca, Festuca nome ill./ F. ovina var., Lolium/ L. perenne subsp., Nardurus maritimus var./ N. tenellus var., Phillyrea ×, Phleum/ P. alpinum subsp./ P. bertolonii subsp./ P. pratense subsp., Quercus ×, Tamarix – Bacidia, Coniothyrium, Corticium, Dermatocarpon/ Endopyrenium, Gautieria/ Hymenogaster, Marasmiellus/ Marasmius/ Micromphale, Puccinia/ Dicaeoma, Tilletia, Uredo, Xylaria) specie dedicate al medico, botanico e micologo francese Louis Charles Trabut (1853-1929), professore di scienze naturali alla facoltà di medicina e farmacia di Algeri che erborizzò in Francia, Algeria e altri paesi africani; autore di diverse opere sulla flora algerina in collaborazione con Jules Aimé Battandier
27377 Trabutia [Phyllachoraceae] genere di funghi dedicato al medico, botanico e micologo francese Louis Charles Trabut (1853-1929), professore di scienze naturali alla facoltà di medicina e farmacia di Algeri che erborizzò in Francia, Algeria e altri paesi africani; autore di diverse opere sulla flora algerina in collaborazione con Jules Aimé Battandier
27378 Trabutiellea [Phyllachoraceae] diminutivo di Trabutia (vedi) per le caratteristiche analoghe a quel genere
27426 tonussi, ii (Veratrum ×) in onore del botanico italiano Gianfranco Tonussi (1937- 2013) che osservò per primo questa entità; fece raccolte in Friuli e donò il suo erbario al Museo Friulano di Storia Naturale
 
prima pagina    pagina precedente   Pagina 3    pagina successiva    ultima pagina    

Acta Plantarum - Flora delle regioni italiane - Un progetto "open source"
  Licenza Creative Commons
Acta Plantarum è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale . Tutti i diritti di Copyright © riservati agli autori se citati a cui va richiesta autorizzazione scritta per copia ed uso.    Acta Plantarum is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License . All Copyright © rights reserved by mentioned authors; written authorization to be required for copy and use.

Come citare questa pagina: Acta Plantarum, 2007 in avanti - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Disponibile on line (data di consultazione: 19/07/2024): https://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?n=t&o=3,1,0,0,0,0,3,1,2,4,5&p=3
How to cite this page: Acta Plantarum, from 2007 on - "Etimologia dei nomi botanici e micologici". Available on line (access date: 19/07/2024): https://www.actaplantarum.org/etimologia/etimologia.php?n=t&o=3,1,0,0,0,0,3,1,2,4,5&p=3