Pagina 1 di 1

Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 28 apr 2011, 01:24
da maude
Per la prima volta, complice la stagione, i "fiori" del muschio si sono presentati con questa tonalità così accesa.
Iglesias, 165m slm, apr 2011.
Foto Maura De Pascali
Foto Maura De Pascali
IMG_0025.jpg (107.09 KiB) Visto 3183 volte
IMG_0032.jpg
IMG_0032.jpg (55.07 KiB) Visto 3183 volte
:bye: Maura

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 28 apr 2011, 09:21
da Franco Giordana
Sposto nella sezione dedicata ai licheni
Franco

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 28 apr 2011, 12:19
da rededivad
... meglio briofite Franco... ;)

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 28 apr 2011, 12:23
da Franco Giordana
:wall:
F.

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 12 giu 2011, 20:30
da rededivad
Potrebbe essere Bryum capillare Hedw.

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 28 lug 2011, 17:26
da maude
Fine lug 2011, 3 giorni dopo un temporale. Ho notato queste "capsule" in cima a quelli che nella postazione ho chiamato molto impropriamente "fiori" di muschio.
Cosa sono?? Contengono semi o sono per ora organi sessuali femminili (leggo archegoni)??? o altro?
Chiedo venia per la mia totale ignoranza, ma sono curiosa...
Grazie per l'eventuale risposta chiarificatrice! :)
Maura
Bryum cfr. capillare Hedw.
Bryaceae: muschio
Iglesias (SU), 165m, lug 2011
Foto di Maura De Pascali
IMG_0096.jpg
IMG_0096.jpg (98.69 KiB) Visto 3030 volte

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 28 lug 2011, 19:56
da rededivad
I muschi, come le piante vascolari, presentano un ciclo vitale aplodiplonte: cioè esistono due generazioni. Una è diploide e corrisponde allo sporofito (gli steli rossastri), che produce le spore, una aploide, il gametofito (che è costituito dai "fusto" con le "foglioline") e produce i gameti. Mentre nelle piante vascolari è predominante lo sporofito, nelle briofite s.l. è predominate il gametofito. L'unica parte diploide sono proprio gli sporofiti (che si sono sviluppati per mitosi dallo zigote), che sono quei steli rossastri che vedi spuntare. A maturità lo sporofito produce le spore che sono aploidi, derivate da meiosi di cellule che si trovano negli sporangi. Le spore sono delle forme di resistenza possono perchè possono sopravvivere nell'ambiente per lunghi periodi di tempo. Quando germinano sviluppano l'organismo aploide, chiamato gametofito (nel caso del muschio fusticino e fogliolione). Il gametofito è un individuo indipendente e, al momento della riproduzione, alcune sue cellule (posizionate nei gametangi), si sviluppano, vanno in mitosi e originano i gameti aploidi. Dall'unione di due gameti di genere diverso, i svilupperà uno zigote diploide, che originerà un nuovo sporofito e così il ciclo continua.
Lo sporofito è fatto dalle seguente parti:
- "lo stelo" che si chiama seta
- la struttura globosa che è la capsula, che si apre per liberare le spore, mettendo in evidenza il peristoma con i suoi denti, che si possono vedere nella foto in basso al centro, in quei sporofiti imbiancati.
- una sorta di "cappello" che si chiama caliptra.

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 29 lug 2011, 14:23
da maude
Grazie Davide per le esaurienti e chiare informazioni. :)
Dovrò solo impratichirmi col lessico specifico.... che è il mio grande limite!!!!
Se non ho capito male, ai muschi sono date possibilità alternative di riproduzione per la sopravvivenza della specie... :o :o :o A chi altri così???????
Maura

Re: Bryaceae: Bryum capillare aggr. (Bryophyta)

Inviato: 15 ago 2011, 12:42
da rededivad
L'alternanza di generazioni è diffusa ampiamente nel regno vegetale e in parte anche in quello dei funghi.
Anche le stesse piante vascolari la praticano, solo che è assolutamente dominante la parte diploide (sporofito), su quella aploide (gametofito), che viene nutrito dalla prima: i gametofiti maschili sono i granuli di polline germinati, quelli femminili sono racchiusi negli ovuli, all'interno delle strutture riproduttive femminili
Nelle felci ad esempio la parte aploide si chiama protallo ed è una struttura generalmente molto piccola, spesso nastriforme che non ricorda in nulla una felce.